portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Eroina come farmaco? Sembra di si', in Andalusia. In Italia? Solo merce per la delinquenza e veleno per i tossicodipendenti
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Vincenzo Donvito
17 marzo 2004 16:39
 
E' uscito il primo rapporto dell'esperimento del Governo dell'Andalusia sui trattamenti di tossicodipendenti con eroina. Iniziato lo scorso agosto a Granada, si tratta dei risultati ottenuti su 62 tossicodipendenti: le loro condizioni fisiche sono migliorate quattro volte di piu' che non per quei malati a cui era stato somministrato il metadone; la salute mentale e' migliorata quasi del doppio; il rischio di contagio Hiv e' stato quattro volte minore, mentre il tasso di attivita' delinquenziale si e' ridotto piu' del doppio. Si tratta di risultati simili a quelli gia' registrati, sempre per il trattamento con eroina, in Paesi come Svizzera e Olanda. Questi dati sono stati sufficienti a convincere il Governo andaluso ad anticipare una sua richiesta di legalizzazione dell'uso di eroina come farmaco per quei tossicodipendenti che sono tali da diversi anni o che abbiano fallito i trattamenti con il metadone.
A leggere questi dati che confermano quanto non pochi gia' sapevano, ma che i piu' hanno sempre fatto finta di ignorare, si e' certamente incoraggiati rispetto ai diffusi indirizzi politici che la maggiorparte dei Paesi della Comunita', e non solo, sta prendendo. Maggiorparte da cui, com'e' noto, il nostro Paese vorrebbe uscirne grazie al progetto di legge del Governo.
Ma a tutt'oggi non e' che la situazione sia tanto rosea. Perche' in Italia esistono si' i trattamenti metadonici (anche se poco diffusi e talvolta osteggiati), ma di esperimenti con eroina non se ne parla proprio. E vista l'aria che tira, essenzialmente in termini di ignoranza ideologica e voluta, abbiamo l'impressione che forse -al massimo, se il progetto del Governo dovesse restare uno spauracchio cosi' come lo stanno utilizzando i proponenti- ci terremo quello che c'e'.
Questo vuol dire che in Andalusia, in Svizzera e in Olanda in questo modo l'eroina potrebbe cominciare a sparire dal mercato clandestino, anche se non completamente. E vuole anche dire che altre Comunidad spagnole probabilmente seguiranno questo esempio (gia' Barcelona ha mostrato interesse, e comunque politiche similari sono gia' in atto in diverse citta' in Europa, Canada e Australia con le "narcosalas": luoghi in cui i tossicodipendenti vanno ad iniettarsi la sostanza che si portano per conto proprio ed hanno un'assistenza medico-sanitaria).
L'Onu, e non solo, ci fa sapere che il mercato clandestino dell'eroina (essenzialmente di origine afghana) e' uno dei maggiori per il finanziamento del terrorismo internazionale. I successi andalusi non realizzeranno sicuramente a breve un'estinzione di questo mercato sotto il controllo della delinquenza politica e comune, ma sono un indirizzo. Una possibilita' per due ragioni: la prima e' che comunque da' risultati positivi rispetto alla negativita' di tutti gli altri tipi di intervento, nessuno escluso (ai mega sequestri spesso sbandierati o ai mega falo' della sostanza, corrisponde sempre una piu' cruenta e aggressiva presenza dell'eroina sul mercato clandestino); la seconda e' che una categoria di malati, i tossicodipendenti, ne trae vantaggio medico (per la qualita' della sostanza in se' e il contesto socio-sanitario in cui l'assume) e -strappata dall'obbligo di essere delinquente per procacciarsi l'eroina- ne trae anche un vantaggio civico, per se' e per l'intera societa' che ha meno persone che delinquono (e relativo risparmio economico dello Stato che puo' dedicare queste energie ad altro).
Una fotografia e un'analisi della situazione che auspichiamo sia elemento di confronto anche con chi ha proposto e sostiene la legge del Governo. Se l'obiettivo e' quello di indurre i malati a curarsi e a guarire, e a prevenire che' sempre meno persone si sentano attratte o incappino in questa dipendenza, i risultati, i numeri, le esperienze in corso non possono non essere considerate.
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
ARTICOLI IN EVIDENZA
17 marzo 2004 16:39
Eroina come farmaco? Sembra di si', in Andalusia. In Italia? Solo merce per la delinquenza e veleno per i tossicodipendenti
Donazioni
TEMI CALDI
23 aprile 2014 (1 post)
Groupon, attenzione alle offerte per imbiancare la casa
23 aprile 2014 (1 post)
telecom italia
22 aprile 2014 (3 post)
RSA. Nuovo ISEE e determinazione della quota sociale: cosa cambia
22 aprile 2014 (1 post)
Fondo immobiliare Socrate
22 aprile 2014 (1 post)
servizi H3G
22 aprile 2014 (5 post)
Padre uccide figlio tossicodipendente in ospedale, e si suicida
22 aprile 2014 (11 post)
I fondi comuni a gestione attiva fanno peggio del mercato? Sì, ma le brutte notizie non sono finite...
21 aprile 2014 (6 post)
Fecondazione assistita. Smantellata una legge crudele
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
23 marzo 2014 (44 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
16 aprile 2014 (32 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
18 aprile 2014 (30 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
18 aprile 2014 (29 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori