(Da 1 a 14 di 14)  
7 marzo 2017 19:15 - Starfighter23
Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.

Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.

Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.

Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.
7 marzo 2017 8:17 - ennius4531
Per informazione, quanto scrive il disagiato23 è copia incollato da un articolo dell'Espresso.

Ripete lo stesso pezzo più volte in preda ad uno stato compulsivo per essere stato preso in castagna a copiare senza citare la fonte.

Le risultanze della commissione scientifica ingaggiata da Veronesi sono note solo a Veronesi in quanto non risultano mai pubblicate.

Ma se il disagiato23 le ha, per cortesia ce le faccia conoscere .

Per quanto attiene i pareri dell'OMS sull'erba magica, l'Italia da anni li ha attuati.
6 marzo 2017 21:37 - Starfighter23
Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.

Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.

Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.

Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.
5 marzo 2017 20:34 - ennius4531
Per informazione, quanto scrive il disagiato23 è copia incollato da un articolo dell'Espresso.

Ripete il pezzo preso da uno stato compulsivo per essere stato preso in castagna a copiare senza citare la fonte. 

Le risultanze della commissione scientifica ingaggiata da Veronesi sono note solo a Veronesi in quanto non risultano mai pubblicate. 
Ma se il disagiato23 le ha, per cortesia c'è le faccia conoscere .

Per quanto attiene i pareri dell'OMS sull'erba magica, l'Italia da anni li ha attuati
5 marzo 2017 19:53 - Starfighter23
Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.

Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.

Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.

Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.
5 marzo 2017 19:13 - ennius4531
.... indotti dalla dipendenza a chiudersi nel loro mondo fumogeno, gli aficionados dell'erba magica non possono comprendere appieno ciò che la ricerca specialistica ha svelato sugli effetti del pattume ludico come causa dei loro deficit cognitivi della realtà che li circonda.

Ai rotten non rimane che ... cazzeggiare sul nulla .....
5 marzo 2017 19:07 - ennius4531
Per informazione, quanto scrive il disagiato23 è copia incollato da un articolo dell'Espresso .

Le risultanze della commissione scientifica ingaggiata da Veronesi sono note solo a Veronesi in quanto non risultano mai pubblicate.
Ma se il disagiato23 le ha, per cortesia c'è le faccia conoscere .

Per quanto attiene i pareri dell'OMS sull'erba magica, l'Italia da anni li ha attuati.
4 marzo 2017 21:39 - Starfighter23
Le ricerche seguite da Veronesi, che nominò una commissione scientifica a riguardo, conclusero che i "danni da spinello" sono inesistenti. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha invitato più volte i governi a depenalizzare, magari non tout-court, ma almeno l’uso personale. Considerato che droghe legali come alcol e tabacco uccidono invece ogni anno milioni di persone.
4 marzo 2017 11:52 - rottenhmajer
I LETTORI MI SCUSERANNO, MA COME IL PAZZO DI CUI SOTTO, E SOPRA, POSTO SEMPRE LA MEDESIMA CAZZATA..E PER ME E' FACILE. FACCIO COPIA INCOLLA...
Almeno chi è affezionato, è solo transitoriamente e momentaneamente frivolo e frizzante.
ma dopo mezz'ora si torna regolari.
Questo malato invece è così.
Sempre.
Perennemente.
H24.
Andare dal medico e dargli 90/120 euro per un oretta di terapia, no?
Ti farebbe bene, anale3131, pensaci.
Guarda che potresti rinascere...
poi quando nei rari sprazzi di normalità nel tuo buio interiore ti accorgi, è brutto....
dai retta,
fatti aiutare..
da uno bravo..
che ce ne hai bisogno veramente.
Sei proprio un fissato compulsivo...
torni senza soluzione di continuità, senza limiti sulla identica, medesima cosa. perennemente.
fai paura cazzo!!
Ma tua mamma, non ti dice nulla che stai sempre la nella cameretta al buio a scrivere al computer, senza dormire, senza mangiare con gli occhi fuori dalle orbite.
E pure senza drogarti, questa è la cosa assurda per un atteggiamento del genere.
Vai dal dottore amico mio, vai, che stai a pezzi...
in grotta.
3 marzo 2017 23:00 - anandamide1972
già
3 marzo 2017 15:46 - ennius4531
..la ricerca che conferma ulteriormente 'la teoria del passaggio ' é di quattro anni fa.
Se é vecchia, allora ananda, data la sua età, é parificabile a .. matusalemne.

Il passaggio da droghe leggere?? a droghe pesanti é un dato di fatto confermato da migliaia di casi.

Di fuorviato c'è il comprendonio di ananda incapace di comprendere la realtà che lo circonda oppure la nega per convenienza...
3 marzo 2017 14:16 - anandamide1972
La cosiddetta " teoria del passaggio " è un vecchio cavallo di battaglia di chi ha gestito le cose negli ultimi 30 anni macchiandosi di sangue, dolore, fallimenti.
E' stata più volte smentita anche se continua a impressionare il pubblico. Un dibattito contraddittorio pubblico, moderato ( vista la gente in giro ), smonterebbe in minuti questa ipotesi. Niente a che vedere.
Poi nell'articolo si parlava di altro, questo sul passaggio da cannabis ad altro, è un commento che non c'entra col post. Quindi o è fuorviante o fuorviato. Salute
2 marzo 2017 20:36 - ennius4531
Si può ben sostenere che l'incremento da overdose di cocaina sia da attribuire anche alla legalizzazione dell'erba magica i cui effetti sulla psiche sono stati in gran parte ignorati o sottostimati e che hanno facilitato il passaggio a droghe ... pesanti.

Una ricerca specialistica ne aveva dato contezza .

Da Aduc

Notizia 11 ottobre 2013 18:54

"Dire "si'" alla marijuana aumenta le probabilita' di concedere un "si'" anche ad altre tipologie di stupefacenti piu' pericolose, secondo un nuovo studio statunitense che ha coinvolto un campione di 29054 studenti delle scuole superiori.

Dai dati e' emerso che fumare marijuana rende piu' possibilisti e meno giudicanti relativamente all'uso di altre droghe piu' pesanti, come cocaina, crack, LSD, eroina, anfetamine ed ecstasy. In pratica, l'assunzione di una droga rende meno critici rispetto all'assunzione di altre droghe.

Chi fuma marijuana tende ad essere meno giudicante in particolare verso l'utilizzo delle cosiddette droghe "socialmente accettabili" come LSD, anfetamine ed ecstasy. Gli studenti dal background socio-economico piu' elevato sono apparsi piu' tolleranti verso gli stupefacenti socially acceptable mentre le donne in generale sono risultate piu' inclini a dire "no" a droghe come cocaina, crack, LSD e ecstasy.

Lo studio e' stato condotto da Joseph Palamar della New York University e pubblicato su Prevention Science."
1 marzo 2017 21:51 - anandamide1972
Forse è un motivo, come un altro potrebbe esserel che, se in preda al terrore fomentato da certa stampa su certa cittadinanza, i medici divezzano troppo tempestivamente i loro pazienti con dolore cronico o di altra natura, che hanno davvero necessità del farmaco ma che " pagano " una non efficace comunicazione medico paziente, al momento dell'inizio delle terapia antalgica in modo da non creare poi panico in quei pazienti che, una volta " guariti " si accorgono di alcuni problemi portati dai farmaci stessi, insieme ad altre soluzioni, è normale.
Questi poi si ritrovano, col dolore di sempre e la consapevolezza che certe cose lo possono togliere, ma che non riescono più ad ottenere legalmente.
E' chiaro cerchino ciò che il mercato nero offre, ma non essendo del ramo non lo sanno gestire e...muoiono. Anche del ramo muoiono, ma quella è colpa delle leggi, spesso. Il discorso è complesso ed andrebbe affrontato con franchezza e senza preconcetti. Con primario scopo il non dolore dei pazienti, poi altro.
Dr.Garattini e ist.Mario Negri, ad esempio, non sarebbero adatti. Per questo sarebbero consultati per primi, in Italia.
  (Da 1 a 14 di 14)