COMMENTI
  (Da 1 a 30 di 102) ->   >|
18 gennaio 2017 8:39 - ennius4531
La conoscenza degli effetti del mondo che ci circonda ci renderà più consapevoli sul come comportarci alla faccia della 'bellezza dei semi' ....

..
Lo stordimento dato dal consumo di Marijuana è espressione di un disturbo delle funzioni cerebrali. Il THC si lega ai recettori dell’anandamide, provocando i seguenti disturbi:
la percezione viene limitata e distorta, non è più possibile distinguere ciò che è reale da ciò che non lo è.

I “fumatori di Hashish” scambiano questo effetto per una “estensione della consapevolezza”, non realizzano che si tratta di un disturbo.»

HARVARD, LO STUDIO: ‘USO MARIJUANA, ANCHE LIEVE E CASUALE, DANNEGGIA CERVELLO’
APRILE 16, 2014
Esperimenti della Harvard Medical School con la cannabis hanno dimostrato che anche il suo uso casuale è alla base di danni permanenti al cervello.
Questa è ben lungi dall’essere una droga “leggera” e nessuno sotto i 30 anni dovrebbe mai usarla, dicono gli scienziati che hanno condotto la ricerca.

Nello studio, pubblicato sul Journal of Neurosciences, le persone che avevano usato cannabis una o due volte la settimana anche per pochi mesi, sono stati trovati avere cambiamenti nelle zone del cervello che regolano le emozioni, la motivazione e la dipendenza.

STUDIO, CANNABIS CAUSA L’INSORGERE DI PSICOSI: SCHIZOFRENIA E DISTURBO BIPOLARE
GENNAIO 10, 2014

Nel nuovo studio, pubblicato in Schizophrenia Bulletin, i ricercatori si sono concentrati sui modelli di consumo di cannabis, il sesso e le relazioni tra tali fattori e un’insorgenza precoce del primo episodio psicotico .

Lo studio svolto da ricercatori britannici su adulti che hanno vissuto episodi di psicosi, l’assunzione di marijuana è stata collegata all’insorgere della malattia.
Il legame tra l’uso della cannabis e le malattie psichiche è ormai noto, soprattutto nei casi di schizofrenia.

In questo caso, come riferisce Marta Di Forti , che ha guidato la ricerca presso l’Istituto di Psichiatria al Kings College, lo studio associa l’uso quotidiano di cannabis all’insorgere della psicosi.
18 gennaio 2017 0:01 - ennio4531
Come far germogliare un seme di cannabis


La germinazione è il processo in cui una nuova pianta inizia a crescere da un seme.

Noto anche come “popping”, la germinazione è il primo passo per iniziare una coltivazione di cannabis (ILLEGALE IN ITALIA!).

I Semi di cannabis possono essere acquisiti da una serie di fonti e possono variare in termini di qualità. Le Banche di semi on-line sono in genere la soluzione migliore per la qualità e la diversità genetica, ma va notato che le operazioni all’estero esistono in zone grigie legali in molti paesi.

Quando si è fatta l’acquisizione di semi, si vuole fare in modo che siano maturati, apparendo di colore marrone scuro con accenti leggeri e una sensazione di durezza. Quello che non vogliamo è che un seme che si senta fresco e sembri verde, il che indica che il seme non ha mai raggiunto la piena maturità.

Una volta che avete i vostri semi di cannabis, assicuratevi di avere lo spazio necessario per consentire alle piante di crescere e di essere in buona salute. Non fate germogliare i semi se non siete sicuri del vostro spazio di crescita, della disponibilità di tempo, o della voglia di fare.

Invece, assicuratevi che le seguenti domande logistiche abbiano risposta prima di iniziare.
Qual è il modo migliore per far germinare i Semi di cannabis?

I semi di cannabis richiedono tre fattori per germinare: acqua, calore e aria. Grazie a questo, ci sono molti metodi per germinare i semi.

Il metodo più comune e semplice prevede l’uso di strati di carta assorbente saturi in acqua.

Per questo metodo è necessario:

Fase 1: Prendere quattro fogli di carta assorbente e metterli a bagno con acqua distillata. I fogli devono essere messi a bagno, ma non dovrebbe esserci acqua corrente in eccesso.

Fase 2: Prendere due dei tovaglioli di carta e metterli sul piatto. Poi mettere i semi di cannabis ad almeno un pollice di distanza l’uno dall’altro e coprirli con i restanti due fogli di carta assorbente imbevuti di acqua.

Fase 3: Per creare uno spazio protetto scuro, prendere un altro piatto e capovolgerlo per coprire i semi (come una cupola).

Passo 4: Assicurarsi che l’area che sia tenuti in caldo – da qualche parte tra 70-90 ° C.


Dopo aver completato questi passaggi, è il momento di aspettare. È possibile controllare i tovaglioli di carta per accertarsi che siano ancora saturi, e se sembrano perdere la loro umidità, è possibile applicare più acqua per mantenere i semi in buone condizioni.

Alcuni semi germinano molto rapidamente, mentre altri possono richiedere diversi giorni. Sai che un seme è germinato una volta che appare la spaccatura sul seme ed un singolo germoglio. Questo è anche conosciuto come la “radice a fittone” – il segno di una germinazione di successo.

E’ importante mantenere questa zona sterile, in modo da non toccare i semi o la radice a fittone quando cominciano a dividersi.
Il trapianto del seme germinato

Una volta che si vede la radice a fittone, è il momento di trasferire il seme germinato nel suo terreno di coltura.

Piccoli vasi da 2 pollici sono un buon punto di partenza.

Riempite i vasi con sciolto, arioso terriccio e fate un buco al centro di circa un quarto di pollice verso il basso con una penna o una matita. Per trasferire il seme, usate un paio di pinzette per raccogliere delicatamente, poi rilasciate il seme nel foro con la radice a fittone rivolta verso il basso e leggermente coprite con il terreno.

Successivamente sarà necessario irrigare il terreno.

Inizialmente utilizzando uno spray in grado di fornire l’umidità senza sovra-saturare il suolo.

Se si vuole si può dare acqua al seme, ma eccesso di acqua può soffocare e uccidere il germoglio.

Prestare attenzione alla temperatura ed al livello di umidità del terreno per mantenere il seme in condizioni ideali e nel giro di una settimana o giù di lì si dovrebbe vedere una piantina che inizia a crescere dal suolo.

La germinazione dei semi non va sempre come previsto.

Alcuni semi saranno “matti”. Altri saranno lenti e richiederanno più tempo per germogliare. Alcuni semi si apriranno in modo rapido e cresceranno rapidamente.

Questa è la bellezza dei semi.































































































.













































.



































































.





























































.










































































.
17 gennaio 2017 8:57 - ennius4531
..ah ananda, mettiti il cuore in pace.
Non avendo argomenti , continui menar il can per l'aia con strunz.....
17 gennaio 2017 0:53 - anandamide1972
...e chi infatti poteva mai essere l'ultimo a postare ' ENNIUUUUSS...l'unico adulto coi riflessi ( pavloviani ) di un bambino discolo e dispettoso..
BRAVO ERNIUCIO; DIGNENE, lo sai te...
te po' ridè vai...
e poi noi come gli si dice ? : " l'inventooore dell'aaacido" ^^ ah ah troppo buffo.

Mi fai schiantà erniuccio, sei veramente un mito.
16 gennaio 2017 11:19 - ennius4531
La conoscenza degli effetti del mondo che ci circonda ci renderà più consapevoli sul come comportarci ...

..
Lo stordimento dato dal consumo di Marijuana è espressione di un disturbo delle funzioni cerebrali. Il THC si lega ai recettori dell’anandamide, provocando i seguenti disturbi:
la percezione viene limitata e distorta, non è più possibile distinguere ciò che è reale da ciò che non lo è.

I “fumatori di Hashish” scambiano questo effetto per una “estensione della consapevolezza”, non realizzano che si tratta di un disturbo.»

HARVARD, LO STUDIO: ‘USO MARIJUANA, ANCHE LIEVE E CASUALE, DANNEGGIA CERVELLO’
APRILE 16, 2014
Esperimenti della Harvard Medical School con la cannabis hanno dimostrato che anche il suo uso casuale è alla base di danni permanenti al cervello.
Questa è ben lungi dall’essere una droga “leggera” e nessuno sotto i 30 anni dovrebbe mai usarla, dicono gli scienziati che hanno condotto la ricerca.

Nello studio, pubblicato sul Journal of Neurosciences, le persone che avevano usato cannabis una o due volte la settimana anche per pochi mesi, sono stati trovati avere cambiamenti nelle zone del cervello che regolano le emozioni, la motivazione e la dipendenza.

STUDIO, CANNABIS CAUSA L’INSORGERE DI PSICOSI: SCHIZOFRENIA E DISTURBO BIPOLARE
GENNAIO 10, 2014

Nel nuovo studio, pubblicato in Schizophrenia Bulletin, i ricercatori si sono concentrati sui modelli di consumo di cannabis, il sesso e le relazioni tra tali fattori e un’insorgenza precoce del primo episodio psicotico .

Lo studio svolto da ricercatori britannici su adulti che hanno vissuto episodi di psicosi, l’assunzione di marijuana è stata collegata all’insorgere della malattia.
Il legame tra l’uso della cannabis e le malattie psichiche è ormai noto, soprattutto nei casi di schizofrenia.

In questo caso, come riferisce Marta Di Forti , che ha guidato la ricerca presso l’Istituto di Psichiatria al Kings College, lo studio associa l’uso quotidiano di cannabis all’insorgere della psicosi.
16 gennaio 2017 0:40 - ennio4531
Come far germogliare un seme di cannabis


La germinazione è il processo in cui una nuova pianta inizia a crescere da un seme.

Noto anche come “popping”, la germinazione è il primo passo per iniziare una coltivazione di cannabis (ILLEGALE IN ITALIA!).

I Semi di cannabis possono essere acquisiti da una serie di fonti e possono variare in termini di qualità. Le Banche di semi on-line sono in genere la soluzione migliore per la qualità e la diversità genetica, ma va notato che le operazioni all’estero esistono in zone grigie legali in molti paesi.

Quando si è fatta l’acquisizione di semi, si vuole fare in modo che siano maturati, apparendo di colore marrone scuro con accenti leggeri e una sensazione di durezza. Quello che non vogliamo è che un seme che si senta fresco e sembri verde, il che indica che il seme non ha mai raggiunto la piena maturità.

Una volta che avete i vostri semi di cannabis, assicuratevi di avere lo spazio necessario per consentire alle piante di crescere e di essere in buona salute. Non fate germogliare i semi se non siete sicuri del vostro spazio di crescita, della disponibilità di tempo, o della voglia di fare.

Invece, assicuratevi che le seguenti domande logistiche abbiano risposta prima di iniziare.
Qual è il modo migliore per far germinare i Semi di cannabis?

I semi di cannabis richiedono tre fattori per germinare: acqua, calore e aria. Grazie a questo, ci sono molti metodi per germinare i semi.

Il metodo più comune e semplice prevede l’uso di strati di carta assorbente saturi in acqua.

Per questo metodo è necessario:

Fase 1: Prendere quattro fogli di carta assorbente e metterli a bagno con acqua distillata. I fogli devono essere messi a bagno, ma non dovrebbe esserci acqua corrente in eccesso.

Fase 2: Prendere due dei tovaglioli di carta e metterli sul piatto. Poi mettere i semi di cannabis ad almeno un pollice di distanza l’uno dall’altro e coprirli con i restanti due fogli di carta assorbente imbevuti di acqua.

Fase 3: Per creare uno spazio protetto scuro, prendere un altro piatto e capovolgerlo per coprire i semi (come una cupola).

Passo 4: Assicurarsi che l’area che sia tenuti in caldo – da qualche parte tra 70-90 ° C.


Dopo aver completato questi passaggi, è il momento di aspettare. È possibile controllare i tovaglioli di carta per accertarsi che siano ancora saturi, e se sembrano perdere la loro umidità, è possibile applicare più acqua per mantenere i semi in buone condizioni.

Alcuni semi germinano molto rapidamente, mentre altri possono richiedere diversi giorni. Sai che un seme è germinato una volta che appare la spaccatura sul seme ed un singolo germoglio. Questo è anche conosciuto come la “radice a fittone” – il segno di una germinazione di successo.

E’ importante mantenere questa zona sterile, in modo da non toccare i semi o la radice a fittone quando cominciano a dividersi.
Il trapianto del seme germinato

Una volta che si vede la radice a fittone, è il momento di trasferire il seme germinato nel suo terreno di coltura.

Piccoli vasi da 2 pollici sono un buon punto di partenza.

Riempite i vasi con sciolto, arioso terriccio e fate un buco al centro di circa un quarto di pollice verso il basso con una penna o una matita. Per trasferire il seme, usate un paio di pinzette per raccogliere delicatamente, poi rilasciate il seme nel foro con la radice a fittone rivolta verso il basso e leggermente coprite con il terreno.

Successivamente sarà necessario irrigare il terreno.

Inizialmente utilizzando uno spray in grado di fornire l’umidità senza sovra-saturare il suolo.

Se si vuole si può dare acqua al seme, ma eccesso di acqua può soffocare e uccidere il germoglio.

Prestare attenzione alla temperatura ed al livello di umidità del terreno per mantenere il seme in condizioni ideali e nel giro di una settimana o giù di lì si dovrebbe vedere una piantina che inizia a crescere dal suolo.

La germinazione dei semi non va sempre come previsto.

Alcuni semi saranno “matti”. Altri saranno lenti e richiederanno più tempo per germogliare. Alcuni semi si apriranno in modo rapido e cresceranno rapidamente.

Questa è la bellezza dei semi.






























































.























































.
































.





































.






























.



































.
15 gennaio 2017 13:44 - ennius4531
.... sono espressioni , quelle del disagiato23, che attestano il deficit cognitivo la cui progressione viene dalla ricerca specialistica così interpretata.
..
Lo stordimento dato dal consumo di Marijuana è espressione di un disturbo delle funzioni cerebrali. Il THC si lega ai recettori dell’anandamide, provocando i seguenti disturbi:
la percezione viene limitata e distorta, non è più possibile distinguere ciò che è reale da ciò che non lo è.

I “fumatori di Hashish” scambiano questo effetto per una “estensione della consapevolezza”, non realizzano che si tratta di un disturbo.»

HARVARD, LO STUDIO: ‘USO MARIJUANA, ANCHE LIEVE E CASUALE, DANNEGGIA CERVELLO’
APRILE 16, 2014
Esperimenti della Harvard Medical School con la cannabis hanno dimostrato che anche il suo uso casuale è alla base di danni permanenti al cervello.
Questa è ben lungi dall’essere una droga “leggera” e nessuno sotto i 30 anni dovrebbe mai usarla, dicono gli scienziati che hanno condotto la ricerca.

Nello studio, pubblicato sul Journal of Neurosciences, le persone che avevano usato cannabis una o due volte la settimana anche per pochi mesi, sono stati trovati avere cambiamenti nelle zone del cervello che regolano le emozioni, la motivazione e la dipendenza.

STUDIO, CANNABIS CAUSA L’INSORGERE DI PSICOSI: SCHIZOFRENIA E DISTURBO BIPOLARE
GENNAIO 10, 2014

Nel nuovo studio, pubblicato in Schizophrenia Bulletin, i ricercatori si sono concentrati sui modelli di consumo di cannabis, il sesso e le relazioni tra tali fattori e un’insorgenza precoce del primo episodio psicotico .

Lo studio svolto da ricercatori britannici su adulti che hanno vissuto episodi di psicosi, l’assunzione di marijuana è stata collegata all’insorgere della malattia.
Il legame tra l’uso della cannabis e le malattie psichiche è ormai noto, soprattutto nei casi di schizofrenia.

In questo caso, come riferisce Marta Di Forti , che ha guidato la ricerca presso l’Istituto di Psichiatria al Kings College, lo studio associa l’uso quotidiano di cannabis all’insorgere della psicosi.
14 gennaio 2017 21:01 - Starfighter23
...........le evidenze degli effetti tossici......

PARLAMI DEGLI EFFETTI TOSSICI DELLA MERDA E DELLE PASTICCHE CHE ASSUMI GIORNALMENTE FIGLIO DI PUTTANA,TOSSICO DI MERDA,MANGIA PASTICCHE E PESTICIDI A TRADIMENTO RE DEI COGLIONI ITALIANO MEDIO CATTO PROIBIZIONISTA IPOCRITA DI STO CAZZO
14 gennaio 2017 10:40 - anandamide1972
dipendenza erniuccio ce l'ha chi usa molto alcool o tabacco, non la cannabis, suvvia...non tornare trollina che ti eri un po' ripreso...
13 gennaio 2017 17:38 - ennius4531
.. alzano cortine fumogene nel tentativo di affossare il problema della dipendenza ...

.. agli aficionados dell'erba magica non rimane che divagare nel futile fatto di aria fritta nel tentativo di annacquare o rimuovere dalla loro memoria le evidenze degli effetti tossici sul comprendonio del pattume ludico che decine di ricerche e pareri specialistici hanno attestato.
13 gennaio 2017 17:11 - rottenhmajer
io fossi nell'omino dell'arna,
in permuta con la duna, attenzione,
gli soffierei a tutte 'ste case di maialini.
E fargliele crollare tutte.
Così sarebbe evidente che l'unico rifugio valido sia la grotta.
sempre che non ci sia qualcuno intento a giocare a carte col piffaio, gandalf e 2 apache.
E ambrogio, che se la fà con la signora dei cioccolatini pralinati?
Questa grotta è l'inferno.
Urge visita apostolica e parrocchiolica.

...dannati cip e ciop che quando tiri la coda ad un maialino tutti insieme ti ditano medio!

...e intanto la ricerca del 1447 della inquisizion university of sto-ga, stabilisce che
A)
B)
C) salute!

In grotta all'uomo dell'arna permutando la duna!
13 gennaio 2017 17:10 - rottenhmajer
keep calm.
Going grotta.
13 gennaio 2017 17:10 - rottenhmajer
.. agli af'icionados dell'erba maggkca non rimane che rivangare nell' utile fatto di aria lessa nel tentativo di sciannacquare o muovere dalla loro memoria le evidenze degli effetti benefici sul comprendonio dlurido che decine di ricerche e pareri specialistici hanno attestato.
in grotta, of course.
13 gennaio 2017 17:08 - rottenhmajer
In grotta?
O tozz'ic'ozzo?
In grotta I sussose, con l'arna.
13 gennaio 2017 15:58 - ennius4531
.. agli aficionados dell'erba magica non rimane che divagare nel futile fatto di aria fritta nel tentativo di annacquare o rimuovere dalla loro memoria le evidenze degli effetti tossici sul comprendonio del pattume ludico che decine di ricerche e pareri specialistici hanno attestato.
13 gennaio 2017 15:01 - rottenhmajer
io fossi nell'omino dell'arna,
in permuta con la duna, attenzione,
gli soffierei a tutte 'ste case di maialini.
E fargliele crollare tutte.
Così sarebbe evidente che l'unico rifugio valido sia la grotta.
sempre che non ci sia qualcuno intento a giocare a carte col piffaio, gandalf e 2 apache.
E ambrogio, che se la fà con la signora dei cioccolatini pralinati?
Questa grotta è l'inferno.
Urge visita apostolica e parrocchiolica.

...dannati cip e ciop che quando tiri la coda ad un maialino tutti insieme ti ditano medio!

...e intanto la ricerca del 1447 della inquisizion university of sto-ga, stabilisce che
A)
B)
C) salute!

In grotta all'uomo dell'arna permutando la duna!
13 gennaio 2017 0:14 - ennius4531
Come la maga Circe, l'erba magica trasforma i suoi accoliti in maialini come il gru gru gru ... del disagiato23 conferma ....
12 gennaio 2017 12:56 - Starfighter23
gru gru gru grr grr gruu
12 gennaio 2017 10:33 - ennius4531
... é nuovamente confermato e quindi scientifico : basta pestare la coda ad un solo maialino per sentire grugnire tutti gli altri i quali scambiano il loro arzigogolare buffonesco per comicità .

Intanto la ricerca specialistica ci dice che ..

Da Aduc ..

Notizia  10 settembre 2014
Chi usa regolarmente cannabis prima dei 17 anni ha una probabilità di oltre il 60% maggiore di abbandonare gli studi secondari ed è a rischio significativamente più alto di non completare quelli universitari, di usare altre droghe e di tentare il suicidio, rispetto a chi non l'ha mai fumata.
Uno studio australiano del Centro Nazionale di Ricerca su Droghe e Alcool dell'Università del Nuovo Galles del Sud conclude inoltre che non vi è un livello 'sicuro' di uso da parte di adolescenti, e che i risultati educativi più scarsi e i rischi accresciuti si verificano anche fra chi usa la droga meno di una volta al mese.

Gli studiosi hanno elaborato i dati di 3765 partecipanti che hanno usato cannabis, da tre ampi studi di lunga durata sulla frequenza e sugli effetti del suo uso. Secondo gli autori della ricerca, pubblicata su The Lancet Psychiatry, si tratta della dimostrazione più fondata dei danni della marijuana negli anni dell'adolescenza. I ricercatori hanno esaminato una serie di aspetti dello sviluppo fino all'età di 30 anni: completamento degli studi secondari, conseguimento di una laurea, dipendenza dalla cannabis, uso di altre droghe illegali, tentativi di suicidio, e depressione. Gli adolescenti sotto i 17 anni che assumevano cannabis quotidianamente avevano una probabilità di oltre il 60% minore di completare la scuola superiore o l'università, sette volte più alta di tentare il suicidio, 18 volte maggiore di sviluppare dipendenza dalla cannabis e otto volte maggiore di usare altre droghe illegali più tardi nella vita.

"I risultati sono particolarmente tempestivi, dato che diversi Stati Usa e paesi dell'America Latina si muovono verso la depenalizzazione o legalizzazione della cannabis, che la renderebbero più accessibile ai più giovani", scrive il principale autore dello studio, Edmund Silins. "Le autorità devono essere consapevoli che un suo uso in adolescenza è associato a una serie di esiti negativi sulla salute, sul benessere e sull'affermazione personale", aggiunge.
11 gennaio 2017 19:34 - Starfighter23
7 gennaio 2017 19:47 - lucillafiaccola1796
voi oltre che spacciati, siete spacciatori.
L'avrà capito anche ennio4531, che secondo me, sta perdendo tempo appresso a voi.

STUPIDO 4531 STAI PEDENDO TEMPO TE LO DICE ANCHE LUCILLA
11 gennaio 2017 19:31 - Starfighter23
SEI DIVENTATO LO ZIMBELLO DI ADUC DROGHE,MA C'E' L'HAI UN PO DI ORGOGLIO?OPPURE SEI VERAMENTE MASOCHISTA?
11 gennaio 2017 19:00 - rottenhmajer
Il lato oscuro della forza è sempre in azione.
meno male che ci sono gli Jedi.
In grotta forever.
All together.
11 gennaio 2017 18:51 - ennius4531
... Cip minaccia , Ciop ... cazzeggia ....
11 gennaio 2017 18:16 - rottenhmajer
MIIIIII,
risghio pissiguosi per adduolesciedee.
OO savvuo io, 'o savvuo!
Stu cunnuduu.
Figghiu 'e bottanissima!
In grotta s'è ne juto.
O connuttazzo!!
Cunn l'arna.
E il pifferaiuone al volante.
11 gennaio 2017 16:01 - ennius4531
.. ululati tipici di un disagiato dai neuroni sfatti...
11 gennaio 2017 11:25 - Starfighter23
DEFICENTE4531 PICCOLO MUCCIOLI TORNA A LAVARE IL CULO AI TOSSICI NEI CENTRI DI RECUPERO VOLONTARIO FALLITO SCHIAVO DI MERDA NULLITA' MISERABILE

STO CANTANDO QUESTO RITORNELLO INTONALO CON ME FIGLIO DI PUTTANA

TANTO TI FACCIAMO FUORI TI FACCIAMO FUORI
TANTO TI FACCIAMO FUORI TI FACCIAMO FUORI
TANTO TI FACCIAMO FUORI TI FACCIAMO FUORI
TANTO TI FACCIAMO FUORI TI FACCIAMO FUORI
11 gennaio 2017 10:49 - ennius4531
.... agli aficionados dell'erba magica non rimane che ... cazzeggiare, mentre la ricerca specialistica attesta che ....


OLANDA - Cannabis aumenta rischio psicosi

2 marzo 2011

...gli esperti della Maastricht University (Olanda) hanno arruolato in Germania e studiato un gruppo di quasi duemila ragazzi fra i 14 e i 24 anni per ben 10 anni. Ebbene, i dati hanno confermato che fumare spinelli raddoppia il rischio di sintomi psicotici piu' in la' negli anni, e che l'uso continuo di cannabis accresce il pericolo che questi disturbi persistano nel tempo. Infine gli esperti non hanno rilevato un collegamento fra pre-esistenza di malattie mentali e uso di cannabis..
11 gennaio 2017 6:31 - anandamide1972
erniuccio, intendevo INVINCIBLE ( titolo album) unbreakable è uno dei pezzi. pardon. ascolta un po' Michael Jackson...piano piano ti porto a Frank Zappa, dai...
11 gennaio 2017 6:29 - anandamide1972
Comunque prima o poi ci devi dire come fai ad essere cosi'...perché " di tuo " sappiamo entrambi che è una bugia, sono veramente troppo curioso di sapere come cazzo fai...
un amico anestesista parlava di propofol, diciamo che riconosceva il pattern cognitivo tipico del Deprivan.....ma a me parrebbe eccessivo.
A proposito: " ti piace Michael Jackson ? " a me si , molto. Credo fosse un talento unico sia per come adoperava la sua comunque flebile voce, sia per come adoperava il suo fragile corpo. Ha aperto la strada a molti che oggi sono in testa alle classifiche. Ha inventato alcuni modi di cantare, la pronuncia delle plosive (P o B), l'uso della sua voce " distorta " e ipercinetica. Se ascolti unbreakable, disco sottovalutatissimo perché boicottato dalla Sony che lo doveva distribuire, ma essendo Michael entratovi in contrasto per nobilissime ragioni, videro bene di boicottare tutti i passaggi radio e tv. Ha venduto comunque un tot di milioni perché comunque, piacesse o no alla Sony, si trattava di Michael Jackson, ma pochi lo hanno ascoltato. E' del 2001 e se lo ascolti domani, ti accorgi che ha sonorità senza tempo che sono attuali anche oggi e lo saranno fra 20 anni. Non è cosi' facile ottenere questo.
Il pezzo a due con Santana è struggente...una og kush e te lo ascolti... poi un pezzo che canta con la voce scurissima, poi due tre pezzi super ritmici non banali. Ottimo disco.
Ma il propofol, pensavo, lo danno in ospedale ?
11 gennaio 2017 6:18 - anandamide1972
egno scusa, ma tu leggi ciò che pubblichi ( tra l'altro fai 20 post al giorno identici, poi una volta ogni 30/40 giorni ne aggiungi uno " nuovo " che riproponi a chi legge, che tu evidentemente consideri stupidi, ma lo sono un po' meno di te e molto meno di me. E' qui che ti staifacendo il bozzolo intorno da solo...il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi, povero erniuccio...
  COMMENTI
  (Da 1 a 30 di 102) ->   >|