portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Convertendo BPM: invitiamo tutti i sottoscrittori a collaborare con gli inquirenti sul fronte penale
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Alessandro Pedone
3 febbraio 2012 12:55
 
  Sul caso del Bond Convertendo BPM che ha provocato perdite nell'ordine del 90% del capitale investito sta indagando la procura di Milano con i Pubblici Ministeri Roberto Pellicano e Antonio Pastore. I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Milano (tel 02/6766.1 – via Fabio Filzi, 42 20124 Milano) stanno procedendo all’audizione dei sottoscrittori al fine di verificare le modalità di collocamento.
Le audizioni non sono circoscritte alle persone convocate dall'autorità giudiziaria, ma aperte a tutti i sottoscrittori che desiderano collaborare con le indagini.
In base ai casi che abbiamo potuto analizzare dalla documentazione che i nostri assistiti ci hanno invitato per inoltrare i primi reclami abbiamo potuto verificare come la banca abbia spesso fatto firmare ai clienti clausole palesemente false.
In alcuni casi hanno fatto firmare addirittura una clausola che qualificava dei normali risparmiatori come “investitori professionali”. La clausola quasi standard che veniva spessissimo fatta firmare riguarda “l'iniziativa del cliente”. Dai casi analizzati oltre l'80% dei sottoscrittori firmava inconsapevolmente una clausola che affermava che l'acquisto del titolo era stato proposto su iniziativa del cliente e non, come invece è avvenuto, su proposta della banca.
E' evidente che queste clausole firmate, in un processo civile, hanno pur sempre il loro peso sebbene siano palesemente “clausole di stile”. In sede penale, invece, dove si può badare più alla “sostanza”, possono costituire un indizio del disegno truffaldino che la banca ha posto in essere per collocare questi titoli a loro vantaggio ed a chiarissimo – fin dall'inizio – danno dei clienti.
Invitiamo, quindi, tutti i sottoscrittori che desiderino dare un contributo alle indagini a contattare il Nucleo di Polizia Tributaria di Milano ed a raccontare come si è svolto realmente il collocamento ed in particolare che tipo di sollecitazioni la banca ha operato per consigliare la sottoscrizione.
Chi lo desidera può rivolgersi agli indirizzi sopra riportati e fissare un appuntamento per spiegare il proprio caso oppure, se abitano lontano da Milano, possono inviare una memoria che descriva come è avvenuto il collocamento (in quest'ultimo caso è utile comunque telefonare prima).

Qui la vicenda e la nostra iniziativa
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
3 febbraio 2012 12:55
Convertendo BPM: invitiamo tutti i sottoscrittori a collaborare con gli inquirenti sul fronte penale
2 febbraio 2012 12:29
Treni e freddo
Donazioni
TEMI CALDI
23 aprile 2014 (7 post)
Padre uccide figlio tossicodipendente in ospedale, e si suicida
23 aprile 2014 (33 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
23 aprile 2014 (1 post)
Groupon, attenzione alle offerte per imbiancare la casa
23 aprile 2014 (1 post)
telecom italia
22 aprile 2014 (3 post)
RSA. Nuovo ISEE e determinazione della quota sociale: cosa cambia
22 aprile 2014 (1 post)
Fondo immobiliare Socrate
22 aprile 2014 (1 post)
servizi H3G
22 aprile 2014 (11 post)
I fondi comuni a gestione attiva fanno peggio del mercato? Sì, ma le brutte notizie non sono finite...
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
23 marzo 2014 (44 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
23 aprile 2014 (33 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
18 aprile 2014 (30 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
18 aprile 2014 (29 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori