portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Credito al Consumo. Le nuove regole in vigore da oggi. Scheda pratica dell'Aduc
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
1 giugno 2011 11:40
 
 Da oggi le banche e le finanziarie devono risultare conformate e pronte al rispetto delle nuove regole sulla trasparenza in materia di rapporto consumatori-banche fissate dal Provvedimento della Banca d'Italia del 9/2/2011 che modifica il Provvedimento del 29/7/2009 "Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti".

Nello specifico le nuove regole di trasparenza riguardano il settore del CREDITO AL CONSUMO, riformate in modo generico dal D.lgs. 141/2010 di recepimento della Direttiva 2008/48/Ce, e poi dettagliate a livello tecnico dal Provvedimento del 9/2/2011.

Ricordiamo che nel contratti di CREDITO AL CONSUMO rientrano:
- i prestiti personali;
- i prestiti finalizzati, ovvero i finanziamenti collegati ad un contratto di acquisto di un bene di consumo (auto, elettrodomestici, etc.) o di un servizio (corsi vari, palestra, vacanze, etc);
- le aperture di credito rotativo (revolving), spesso appoggiate ad una carta magnetica (detta appunto "carta revolving");
- le operazioni di cessione del quinto dello stipendio.

Tra le principali novita':
- nuova informativa precontrattuale con il documento denominato Informazioni europee di base sul credito al consumo;
- nuove disposizioni inerenti la composizione e il calcolo del TAEG (il tasso annuo effettivo globale, ovvero il costo complessivo del finanziamento), per il quale ancora vigevano le regole fissate dal decreto del Ministero del Tesoro del 8/7/1992, ora abrogato;
- nuovo concetto del merito creditizio, ovvero dell'affidabilita' del potenziale fruitore di un finanziamento: da oggi le banche hanno una specifica disciplina da seguire per le loro valutazioni;
- nuove disposizioni sulla modifica delle condizioni che, per i contratti di credito di durata (classicamente i finanziamenti) stabiliscono l'impossibilita' di prevedere modifiche dei tassi;
- estensione del diritto di recesso, di 14 giorni, a tutti i casi di sottoscrizione (gia' in vigore dal 19/9/2010);
- possibilita' di ottenere l'annullamento del contratto di finanziamento quando il venditore del bene o servizio del contratto di acquisto collegato si rende gravemente inadempiente e la sua inadempienza continua anche dopo un sollecito formale (messa in mora).

Qui la nuova scheda pratica, a cura di Rita Sabelli, coordinatrice per l'aggiornamento normativo dell'associazione
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
3 giugno 2011 11:43
Acqua: pubblica o privata?
1 giugno 2011 11:40
Credito al Consumo. Le nuove regole in vigore da oggi. Scheda pratica dell'Aduc
Donazioni
TEMI CALDI
24 aprile 2014 (2 post)
Droga. Societa' farmacologi: assicurare continuita' al DPA di Serpelloni
24 aprile 2014 (2 post)
Vodafone blocca illegalmente IMEI cellulari
24 aprile 2014 (1 post)
Spesometro. Come importunare il contribuente
24 aprile 2014 (20 post)
Cannabis terapeutica. Garattini: no ad autocoltivazione
24 aprile 2014 (1 post)
Coltivazione cannabis depenalizzata? Radicali: un pesce d'aprile in ritardo
24 aprile 2014 (1 post)
Le bugie sui vaccini
23 aprile 2014 (9 post)
Padre uccide figlio tossicodipendente in ospedale, e si suicida
23 aprile 2014 (2 post)
Blocco conto corrente per ritardo pagamento rata
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
23 marzo 2014 (37 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
23 aprile 2014 (34 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
18 aprile 2014 (30 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
18 aprile 2014 (29 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori