portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Liti fiscali: dal 1 aprile per il contribuente/suddito e' obbligatorio il reclamo
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
2 aprile 2012 13:54
 
 Per quanto previsto da uno dei decreti fiscali dell'estate 2011 (1), per gli atti dell'Agenzia delle entrate di massimo 20.000,00 euro, notificati a partire dal 1/4/2012 scatta l'obbligo del reclamo prima della causa davanti al giudice tributario. Benche' la norma parli di "mediazione", questo termine e' a nostro avviso improprio rispetto al caso, perche' la procedura introdotta dalla legge non prevede che le due parti si incontrino ne' che discutano alla presenza di un terzo soggetto neutrale, ma e' solo previsto che l'Agenzia possa convocare il contribuente per chiarimenti.
Si tratta di una sorta di autotutela obbligatoria e con obbligo di risposta da parte dell'ufficio interessato, con lo svantaggio -per il contribuente- che ad analizzare il reclamo e' lo stesso ufficio contro cui si fa il reclamo e non un terzo: un reclamo-pre causa all'ufficio che ha emesso l'atto, con richiesta di riesame dello stesso in base ad una proposta "conciliativa" eventualmente fatta dallo stesso contribuente, proposta che puo' essere o meno accettata, e in caso negativo l'ufficio e' tenuto a proporre una propria "contro-proposta".
Il meccanismo puo' apparire semplice, ma non lo e' perche' se non si arriva ad un accordo o se l'Agenzia non accetta il reclamo e/o la proposta, il reclamo, corredato dalla proposta "conciliativa" del contribuente, diventa l'atto introduttivo al ricorso in commissione tributaria.
Questa nuova fase pre-causa del processo tributario dura al massimo 90 giorni, nella quale le parti possono "chiudere la partita" trovando una soluzione comune.
Il meccanismo sembra studiato per avvalorare la considerazione e la pratica -del Fisco- che il contribuente sia un suddito e che bisogna far di tutto perche' la burocrazia gli impedisca di avvalersi a pieno dei propri diritti. Infatti, stante l'automaticita' che il reclamo diventa poi ricorso alla commissione tributaria, e' evidente che l'accordo proposto dal contribuente risultera' vincolante nella fase successiva, la vera e propria causa.
Il reclamo quindi deve fin da subito essere redatto come un un vero e proprio ricorso, facendo molta attenzione a legittimare ogni richiesta, con poco spazio -purtroppo- ad aperture e tolleranze che ci potrebbero poi vincolare davanti al giudice. Se per esempio si ritenesse la pretesa infondata, sarebbe bene chiedere direttamente l'annullamento dell'atto anziche' puntare a compromessi, come invece si farebbe in una normale conciliazione dove il passaggio automatico alla causa, in caso di insuccesso, non c'e'.

Il nostro ufficio di aggiornamento normativo, curato da Rita Sabelli, ha percio' preparato una specifica scheda pratica:
LITI FISCALI: IL RECLAMO OBBLIGATORIO
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
2 aprile 2012 13:54
Liti fiscali: dal 1 aprile per il contribuente/suddito e' obbligatorio il reclamo
2 aprile 2012 12:18
Tg Rai. Sempre piu' insofferenza
Donazioni
TEMI CALDI
16 aprile 2014 (8 post)
Droga, la parola ai consumatori
16 aprile 2014 (5 post)
Droghe e DPA. Radicali a primo ministro: sostituire Serpelloni e convocare conferenza nazionale
16 aprile 2014 (1 post)
I fondi comuni a gestione attiva fanno peggio del mercato? Sì, ma le brutte notizie non sono finite...
16 aprile 2014 (5 post)
Fecondazione assistita. Smantellata una legge crudele
16 aprile 2014 (4 post)
Serve lobby della scienza contro stregoni. Ministro Salute Lorenzin
16 aprile 2014 (4 post)
Come il nostro computer ci manipola. Cookie e consumatori
16 aprile 2014 (3 post)
Avron di Bratislava. Un punto fermo dell'Antitrust che sospende la loro illecita attivita'
16 aprile 2014 (1 post)
Marijuana. I pericoli per i consumatori occasionali. Studio
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
23 marzo 2014 (62 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
16 aprile 2014 (34 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
21 marzo 2014 (29 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
26 febbraio 2014 (27 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori