portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Padova. Tariffa rifiuti sempre in aumento. Raccolta differenziata ferma al 41%. Regione applicherà penale?
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Maria Grazia Lucchiari
31 maggio 2012 12:48
 
  Anche quest’anno la tariffa che impone AcegasAps per lo smaltimento dei rifiuti prosegue la sua salita inarrestabile +3,6%. Nonostante la riduzione dei rifiuti prodotti nel 2011 anche a causa della crisi economica, tanto che altre aziende del Veneto riducono i costi dello smaltimento alle famiglie, AcegasAps non ferma la sua richiesta di danaro. Che forse benzina e costi del personale sono diversi da provincia a provincia? Il Comune e AcegasAps hanno avviato la raccolta porta a porta sul tre per cento del territorio comunale e contemporaneamente raddoppiato i forni dell’inceneritore di Forcellini-Camin. Questa operazione si presta all’equivoco se il porta a porta non è esteso a tutta la città, che consentirebbe un risparmio per le utenze del 15 per cento, e non ha come obiettivo la riduzione delle linee di incenerimento. Ma a cosa serve il porta a porta?
Non serve a ridurre i costi della tariffa d’igiene ambientale poiché anche quest’anno le famiglie pagheranno di più. Non serve ad incentivare a produrre meno rifiuti poiché non si paga in proporzione al quantitativo di rifiuto da smaltire. Non serve a ridurre l’emissione sul territorio di sostanze cancerogene dall’inceneritore di Forcellini-Camin poiché, dopo il raddoppio dei forni, l’impianto ha garantita la funzionalità quotidiana con i rifiuti che arrivano anche dalle altre regioni d’Italia. Oltre 2mila tonnellate sono arrivate di recente dalla Campania e altre arriveranno. Si potrà dire che con il porta a porta il livello di raccolta differenziata sarà vicino al 65%, quota da raggiungere per legge entro dicembre di quest’anno? Nemmeno. Il dato del 2010 è fermo a 41% e con molta probabilità la Regione dovrà applicare una penale al Comune di Padova che si prefigura come un danno erariale. E quanto della raccolta differenziata viene in realtà avviato al riciclo oppure dirottato nell’inceneritore o nelle discariche? Al contribuente non è dato sapere. Ma se il contribuente paga sempre di più e l’aria si ammala sempre di più, a chi serve allora il porta a porta? Serve all’assessore all’ambiente del Comune di Padova e ad AcegasAps per poter pronunciare la parola tanto cara per cui a Padova si farebbe il “porta a porta”? A noi ci ricorda la famosa pubblicità di un lassativo di qualche anno fa. Ma al contribuente basta la parola?
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
4 giugno 2012 11:42
Treno. In viaggio con Italo
1 giugno 2012 11:26
Roma Capitale. Si', del degrado
31 maggio 2012 12:48
Padova. Tariffa rifiuti sempre in aumento. Raccolta differenziata ferma al 41%. Regione applicherà penale?
Donazioni
TEMI CALDI
23 luglio 2014 (1 post)
La bufala dell' “imminente prelievo forzoso” dai conti correnti
23 luglio 2014 (1 post)
Investimenti sicuri
23 luglio 2014 (2 post)
Poste Italiane e Alitalia/Etihad. Continuera' lo spreco dei nostri soldi?
23 luglio 2014 (2 post)
Riserve ittiche. Sospendere la pesca per tre anni
22 luglio 2014 (1 post)
Gamberetti freschi?
22 luglio 2014 (1 post)
Bnl Immobiliare Dinamico
22 luglio 2014 (4 post)
Il calo massiccio degli insetti minaccia l'agricoltura, e non solo
22 luglio 2014 (1 post)
Quote rosa nelle società. Consiglio di Stato: garantiscono efficienza economica e funzionalità delle aziende
17 giugno 2014 (47 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
19 luglio 2014 (30 post)
Obbligazioni in euro. Una sola parola: vendere
18 luglio 2014 (23 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
14 maggio 2014 (20 post)
Dipartimento politiche antidroga. Radicali: smantellarlo!
30 giugno 2014 (20 post)
Cannabis riduce dimensione e forma spermatozoi. Studio
4 giugno 2014 (20 post)
Il problema dell'Italia non era il debito pubblico?
22 luglio 2014 (17 post)
Acquisto online
28 giugno 2014 (17 post)
La BCE e la prossima bolla azionaria
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori