portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Tlc. Banda larga per tutti. Separare la rete dalla precarieta' di Telecom. Appello ai legislatori
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
1 dicembre 2009 10:49
 
Il grimaldello per separare il destino della rete Internet italiana da quello (precario) di Telecom Italia c'e': obbligare il fornitore del servizio universale ad erogare anche connettivita' a banda larga per tutti ad una velocita' di 1 o 2 mega.
Per questo invitiamo tutti i cittadini a rivolgere un appello a chi ha un ruolo nella definizione di queste regole (Governo, Parlamento, Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni e altri).
Premessa.

Il Governo annuncia mega piani per digitalizzate il Paese e poi … rinvia, non decide, non ci mette i soldi. Basata sul doppino in rame, la rete italiana non reggera' a lungo. I vecchi fili devono con urgenza essere sostituiti con fibra ottica. Il limite di saturazione della rete, di proprieta' di Telecom Italia, e' vicino e gia' non sopporta le crescenti richieste di famiglie e imprese italiane, il problema non e' solo di fornire banda larga ai paesi montani.
Convenienza.
Tutti gli studi concordano:
- in Italia c'e' una fetta importante di utenti (residenziali o professionali) che non dispongono di banda larga per connettersi a Internet;
- l'estensione a tutti della banda larga produrrebbe vantaggi diretti e indiretti, economici e sociali. Si pensi alla possibilita' reale che si sviluppi il telelavoro:
a) maggiore competitivita' delle imprese,
b) migliori servizi da parte della pubblica amministrazione ai cittadini,
c) minori costi di trasporto, minore inquinamento, freno al calo demografico nei piccoli centri montani, ecc.);
Ostacoli.
Il dominio di Telecom Italia e' pressoche' assoluto sulla rete fissa, nonostante i tanti concorrenti. La proprieta' della rete dell'ultimo miglio (le centraline e i cavi che arrivano a casa o in azienda) da parte dell'ex monopolista e' un ostacolo allo sviluppo. Non ha i soldi per investire sulla rete, ma e' obbligata a tenersela, essendo l'unico strumento per mantenere la sua centralita' e i suoi privilegi sul mercato italiano. Quindi Telecom Italia non ha convenienza a 'vendere' questo patrimonio (che negli ultimi lustri ha trascurato, riducendo al lumicino le spese per mantenerlo e rinnovarlo). L'attuale assetto proprietario di Telco, la societa' che controlla Telecom Italia, e' una contraddizione: da una parte soci italiani a salvaguardia dell'italianita', che hanno gia' subito pesantissime perdite dall'investimento, e non hanno voglia di investire altri soldi; dall'altra Telefonica, il gestore spagnolo (socio di maggioranza relativa) che ha come principale obiettivo quello di frenare lo sviluppo di Telecom Italia in Argentina e Brasile, mercati in forte crescita nei quali Telefonica e' in competizione col gestore italiano.
Uno stallo avallato da scelte politiche che potrebbero rivelarsi pura cancrena per il nostro futuro digitale, in quanto collega il destino di una societa' privata a quello di milioni di persone e di aziende.
Il servizio universale.
Telecom Italia non mollera' l'osso (la rete), per rimanere all'infinito l'unico operatore in grado di offrire il servizio universale: quell'insieme di servizi minimi che il gestore incaricato deve garantire a tutti a prezzi accessibili. In Italia i servizi essenziali minimi sono descritti nel Codice delle comunicazioni elettroniche (D.lgs. 259/2003): servizio voce, fax e connessione a Internet. In particolare il secondo comma l'articolo 54 del codice stabilisce che occorre "consentire un efficace accesso ad Internet.".
Questa formula, pero', non e' da leggere in senso letterale. Infatti, cio' a cui e' obbligata Telecom Italia e' solo la possibilita' di collegamento alla Rete in modalita' analogica (56k), una velocita' che oggi e' da ritenere del tutto inefficace, viste le potenzialita' di Internet.
La fornitura di un accesso veloce a Internet con un minimo garantito di 1 o 2 mega e' gia' legge in Svizzera e Finlandia. Parliamo di minimo garantito, perche' le velocita' effettive sono molto ma molto superiori.
Rimedi.
Visto lo stallo attuale, prevedere sin da subito un livello minimo di velocita' di 1 o 2 mega per tutti (al pari del servizio voce) anche in Italia, potrebbe dare una decisiva spallata. Costringerebbe Telecom Italia o a trovare azionisti veri, disposti a investire oppure a cedere ad un nuovo soggetto la propria rete. Cosi' da una parte la societa' ex monopolista, con i soldi ricavati dalla vendita, ripianera' i debiti; dall'altra la nuova societa' avra' nella propria pancia tutta l'infrastruttura di base da cui partire per far arrivare la fibra ottica nelle case e nelle aziende italiane. Nel nuovo contenitore dovranno confluire tutte le reti costruite da moltissimi enti locali o da aziende municipalizzate e degli altri gestori privati. La tanto auspicata "societa' della rete" avra' cosi' solide basi, e potenzialita' enormi per investire ulteriormente: con introiti che deriveranno dai canoni d'affitto che tutti i gestori le riconosceranno.

Clicca qui per firmare la petizione
Di seguito il testo da inviare agli indirizzi in calce

APPELLO
Si', alla banda larga per tutti, subito

Nell'ambito delle proprie responsabilita' la invito perche' si adoperi per introdurre, nell'ambito del servizio universale, la connessione a Internet a velocita' minima di 1 o 2 mega.
Sarebbe cosi' sbloccato l'attuale stallo della Rete italiana, con Telecom Italia e le sue decennali difficolta' strategiche e finanziarie.
Non operando con tempestivita', si continuera' invece a collegare il destino di una societa' privata a quello di milioni di persone e di aziende e dell'intero Paese.
Cordiali saluti

Indirizzi a cui inviare l'E-mail

urpdfp@funzionepubblica.it
rapportiparlamento@governo.it
info@politichecomunitarie.it
info@gioventu.it
f.carcano@governo.it
ufficio.stampa@tesoro.it
dpf.comist@finanze.it
Segreteria.ministro@sviluppoeconomico.gov.it
urpcom@comunicazioni.it
segr.ufficiostampa@minambiente.it
ufficio.stampa@mit.gov.it
urp@mit.gov.it
ufficiostampa@lavoro.gov.it
uffstampa@istruzione.it
urp@istruzione.it
ufficio.stampa@miur.it
programma@governo.it
f.carcano@governo.it
valducci_m@camera.it
velo_s@camera.it
barbareschi_l@camera.it
grillo_l@posta.senato.it
senluigigrillo@hotmail.com
papania_a@posta.senato.it
menardi_g@posta.senato.it
info@agcom.it
stampa@agcom.it
info@ectaportal.com
srussell@ectaportal.com
igodlovitch@ectaportal.com
efitori@ectaportal.com
segre@aiip.it
info@asstel.it
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
4 dicembre 2009 13:21
Interpello all'amministrazione finanziaria. Nuova scheda pratica dell'Aduc
3 dicembre 2009 12:03
Catene luminose, ghirlande e luminarie pericolose. S'e' svegliata la Ue. Il nostro allarme 11 anni fa
2 dicembre 2009 13:25
Lampade abbronzanti per Natale? Nuovo allerta della Fda
1 dicembre 2009 13:04
Cnr. Si confondono scienza e fede
1 dicembre 2009 12:37
Crocifisso negli edifici pubblici, come impugnare le ordinanze comunali illegittime che ne impongono l'esposizione
1 dicembre 2009 10:49
Tlc. Banda larga per tutti. Separare la rete dalla precarieta' di Telecom. Appello ai legislatori
1 dicembre 2009 10:39
Autocertificazione. Nuova scheda pratica dell'Aduc per farsi meno male con la burocrazia
1 dicembre 2009 9:51
Aduc-Osservatorio Lecce. Complesso Agave: degrado ed abbandono, i residenti protestano
30 novembre 2009 9:01
Aids, ministero e Vaticano
28 novembre 2009 14:33
Aduc – Osservatorio Firenze. Chi paga gli utenti che devono pagare per la Festa della Toscana?
28 novembre 2009 13:55
Rai e informazione spazzatura. Come fare informazione faziosa confondendo le idee. Il caso Ru486
Donazioni
TEMI CALDI
24 ottobre 2014 (4 post)
Recesso anticipato Contratto top sim 800
24 ottobre 2014 (1 post)
Avvocato non mi risponde
24 ottobre 2014 (89 post)
Acquisto online
24 ottobre 2014 (1 post)
contratto telecom e disdetta
24 ottobre 2014 (2 post)
recesso contratto dermal institute
24 ottobre 2014 (2 post)
Immigrazione. Caccia al clandestino dal 13 al 26 ottobre 2014: e' partita l'Operazione Mos Maiorum
24 ottobre 2014 (47 post)
Cannabis terapeutica. Se la coltiva in casa. Denunciato
23 ottobre 2014 (1 post)
Zero coupon bond scadenza lunga
23 ottobre 2014 (243 post)
Polizia scopre piante cannabis ogm
24 ottobre 2014 (89 post)
Acquisto online
11 ottobre 2014 (66 post)
La marijuana non fa male. Umberto Veronesi
21 ottobre 2014 (52 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
24 ottobre 2014 (47 post)
Cannabis terapeutica. Se la coltiva in casa. Denunciato
12 ottobre 2014 (40 post)
No a tutte le droghe. Papa Francesco
19 settembre 2014 (36 post)
Coltivava due piante di cannabis in casa. Assolto in Appello
19 ottobre 2014 (35 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori