testata ADUC
Trasporto locale. Multe agli utenti e ai Comuni?
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
22 febbraio 2016 12:11
 
 Il decreto del ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, sta per venire alla luce: prevede multe agli utenti che viaggiano sprovvisti di biglietto e rimborsi per i ritardi dei mezzi locali. In sostanza chi viaggia senza biglietto, detto titolo di viaggio, sara' multato fino a 200 euro, invece, chi dovra' attendere il bus oltre mezz'ora si vedra' rimborsato il biglietto.
Alcune considerazioni si impongono.
La multa per i trasgressore e' giusta ma l'entita' ci sembra eccesiva. Si calcola una evasione di 400-500 milioni all'anno. Qui vale il detto del giurista Cesare Beccaria: non e' l'entita' della pena ma la sua certezza che funge da deterrente (1764). Sono passati piu' di 250 anni ma i nostri legislatori continuano a non capire o non vogliono capire. Se non si fanno i controlli, come non si fanno, a cosa serve aumentare la multa?
Per i rimborsi la questione si presenta piu' complessa. Calcolare la mezz'ora di ritardo significa conoscere gli orari di partenza e di transito ad ogni fermata. Quanti sono i Comuni italiani che hanno predisposte le tabelle degli orari? Pochi. E poi, chi dovra' validare il ritardo? Dove farsi rimborsare il biglietto?
A Roma prevediamo file chilometriche ai box dell'Atac, l'azienda che gestisce il servizio di trasporto pubblico.
E ancora, quali provvedimenti si prenderanno nei confronti dei Comuni che non predisporranno le tabelle degli orari e non adempiranno a tutti gli atti per il rimborso?
Ai nostri governanti manca il senso del ridicolo. 
Pubblicato in:
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori