testata ADUC
Vitaldent: cosa fare per recuperare quanto pagato
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Anna D'Antuono *
2 marzo 2016 8:16
 
 In queste ultime settimane ci sono giunte segnalazioni riguardo alcuni centri di servizi dentistici che lavorano sotto il marchio Vitaldent. E' opportuno innanzitutto chiarire che Vitaldent è solo il marchio commerciale, mentre il rapporto con i clienti fa capo al titolare del singolo studio dentistico, spesso una società.
Desta preoccupazione il fatto che il titolare e dodici dirigenti di Vitaldent siano stati arrestati in Spagna con l'accusa di frode fiscale, anche se per adesso non ci sono ripercussioni sull'attività dei centri. Le problematiche che stanno invece emergendo sono di due tipologie:
- Lavori eseguiti male.
oppure 
- Centri chiusi, con la conseguenza che il servizio non è stato portato a termine.
Cosa fare per recuperare quanto pagato, in ambo i casi?
Il primo passo per tutti gli interessati è quello inviare al soggetto titolare del centro con cui si è stipulato il contratto una raccomandata a/r oppure una pec di diffida ad adempiere, intimando l'adempimento del contratto o la restituzione del prezzo entro e non oltre quindici giorni ed avvertendo che in difetto il contratto sarà da intendersi senz'altro risolto di diritto ai sensi dell'art. 1454 del Codice Civile. (1)
Il passo successivo per coloro che hanno pagato il corrispettivo tramite un finanziamento è comunicare alla finanziaria, tramite raccomandata a/r oppure pec, la risoluzione del contratto di finanziamento assieme alla richiesta, ai sensi dell'art. 125-quinques del Testo Unico Bancario (D. Lgs.385/93), di rimborso delle rate e degli oneri già pagati. (2)
Ove la finanziaria non provvedesse, si potrà presentare ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario.
Per coloro che invece non hanno stipulato un finanziamento la strada potrebbe essere meno agevole. Se infatti vi fosse un fallimento, sarebbe necessario attendere l'avvio della procedura fallimentare presso il Tribunale competente, cui si potrà poi fare domanda di ammissione al passivo. Se invece non vi fosse fallimento ma il titolare del contratto non volesse rispettare gli impegni, sarà necessario procedere con una vertenza legale.
Ribadiamo che ogni centro Vitaldent ha un proprio soggetto titolare, quindi non è detto che ciò che vale per i clienti di un centro valga per i clienti di un altro.
Per chiarimenti e consigli, è possibile rivolgersi all'Associazione tramite la consulenza online, telefonica oppure presso una delle nostre sedi. Clicca qui 

All 1: Diffida ad adempiere Vitaldent
All 2: Richiesta restituzione finanziaria 

*
 legale, collaboratrice Aduc
Pubblicato in:
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori