portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Lo spread e l'effetto annuncio
Scarica e stampa il PDF
Editoriale di Alessandro Pedone
19 settembre 2012 17:26
 
Più volte, su questo sito, abbiamo scritto che il solo annuncio della disponibilità della BCE di fare acquisti illimitati di titoli di stato sul mercato secondario, avrebbe avuto un effetto sullo spread pur senza impiegare un euro in acquisti reali.
Questo è ciò che si è verificato dopo l'annuncio di Draghi e la decisione della Corte Costituzionale tedesca di dare il via libera al nuovo fondo ESM.
Mentre scrivo, il rendimento dei titoli di stato decennali è tornato sotto il 5%. Si tratta, più o meno, dei livelli della prima parte del 2011 quando il famigerato spread era ben sotto i 200 punti.
Il grafico che segue, mostra l'andamento degli ultimi due anni di spread, dal 20 settembre 2010 ad oggi.  



La parte in alto del grafico mostra l'andamento del rendimento del BTP decennale (linea bianca ed area verde) insieme al rendimento del BUND decennale (titolo di stato tedesco).
La parte in basso, invece, mostra il famigerato SPREAD (ovvero la differenza fra i due titoli).
Si può osservare come fino a Luglio 2011 (quando vi fu il primo grande attacco ai titoli di stato italiani) lo spread fosse stabilmente sotto i 200 punti (ed allora sembrava comunque moltissimo) ed i rendimenti del BTP decennale erano sotto il 5%. Il rendimento del BUND era in area 3%. Il massimo è stato toccato il 12 Aprile 2011 (3,48%).
Da allora i rendimenti del BTP sono schizzati fino al 7,2% del 25 novembre 2011 ma lo spread è aumentato in maniera ancora più vistosa fino al massimo di 548 punti. Ciò è dovuto al crollo dei rendimenti del BUND che è diventato una sorta di “porto sicuro” degli investitori a causa della paura della disgregazione dell'Euro. Il minimo del rendimento (pari all'1,16%) è stato toccato il 20 Luglio 2012.
Ad oggi, il rendimento del BTP decennale è tornato ai livelli di Marzo 2010, mentre il rendimento del BUND resta a livelli eccezionalmente bassi (1,6%) e questo spiega perché lo SPREAD non è tornato ai livelli pre-crisi.
 
Si può dire, quindi, che l'effetto annuncio ha funzionato a metà. Decisamente bene per quanto riguarda i BTP, ma non ancora per quanto riguarda il BUND. I timori sull'Euro, infatti, non sono ancora del tutto fugati. Il meccanismo dello scudo antispread è decisamente farraginoso.
Se la BCE avesse avuto la flessibilità della FED e l'avesse utilizzata all'inizio della crisi dell'Euro, ci saremmo risparmiati due anni e passa di crisi finanziaria oltre a molti miliardi di euro impiegati inutilmente. Il potere dell'effetto annuncio era (ed è) fortissimo, ma affinché sia definitivo è necessario che non vi siano dubbi sulle procedure.
Ad oggi resta il nodo delle “condizioni” alle quali devono sottostare i Paesi che chiederanno aiuto all'ESM e questo crea margini d'incertezza che sarebbe auspicabile eliminare quanto prima.
Purtroppo, l'Europa non sono ancora gli Stati Uniti d'Europa che dovrebbero essere... e la strada per arrivarci è ancora molto, ma molto lunga.  
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
EDITORIALI IN EVIDENZA
6 novembre 2012 13:07
Stato e Governo. Il caos risolve economia e servizi carenti? Ne dubitiamo
31 ottobre 2012 15:31
Tassa sulle transazioni finanziarie: il rischio di un flop è concreto!
30 ottobre 2012 13:02
Zibaldone italiano. Dal voto siciliano ai reati d'opinione
17 ottobre 2012 18:41
Il “pericolo” della sicurezza
3 ottobre 2012 11:41
La 'serena arroganza' del potere bancario
19 settembre 2012 17:26
Lo spread e l'effetto annuncio
5 settembre 2012 12:11
Il periodo dell'incertezza
1 agosto 2012 12:30
Crisi dell'area Euro: Draghi sara' all'altezza?
24 luglio 2012 13:08
Crisi, gioco d'azzardo, religione e apostasia
11 luglio 2012 15:53
Crisi della zona Euro: la soluzione richiede ancora molto tempo
27 giugno 2012 15:15
Informazione e finanza
Donazioni
TEMI CALDI
31 ottobre 2014 (4 post)
Le neomamme e gli 80 euro
31 ottobre 2014 (57 post)
Cannabis terapeutica. Se la coltiva in casa. Denunciato
31 ottobre 2014 (1 post)
Allergie e intolleranze alimentari
31 ottobre 2014 (1 post)
Abuso droghe. Leggi punitive non funzionano. Rapporto del Governo
31 ottobre 2014 (263 post)
Polizia scopre piante cannabis ogm
30 ottobre 2014 (96 post)
Acquisto online
30 ottobre 2014 (2 post)
Caldaie e climatizzatori: nuovo libretto di impianto (unico) obbligatorio da oggi
30 ottobre 2014 (18 post)
L'irriverente. Tossicodipendente muore per overdose in carcere. Ma siamo nel 2014?
31 ottobre 2014 (263 post)
Polizia scopre piante cannabis ogm
30 ottobre 2014 (96 post)
Acquisto online
11 ottobre 2014 (66 post)
La marijuana non fa male. Umberto Veronesi
31 ottobre 2014 (57 post)
Cannabis terapeutica. Se la coltiva in casa. Denunciato
21 ottobre 2014 (50 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
12 ottobre 2014 (40 post)
No a tutte le droghe. Papa Francesco
29 ottobre 2014 (33 post)
Rendita previdenziale: quanto incidono i costi dei prodotti?
19 settembre 2014 (31 post)
Coltivava due piante di cannabis in casa. Assolto in Appello
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori