portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
 ITALIA - ITALIA - 80% immigrati pronti a votare. Indagine Ics
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
9 maggio 2012 18:43
 
In Italia il 70-80% degli immigrati si dice pronto a votare e a partecipare alla vita politica e sociale del Paese. E' uno dei risultati dell'indagine 'Immigrant Citizens Survey (Ics) - presentata oggi a Bruxelles - condotta, fra ottobre 2011 e gennaio 2012, in sette paesi europei, Italia compresa. Da noi l'indagine e' stata condotta dalla Fondazione Ismu, che ha intervistato 797 stranieri (a Milano 397, a Napoli 400), tra i 25 e i 39 anni, nati al di fuori della Ue.
In particolare, la percentuale piu' alta di chi pensa che sarebbero necessari piu' parlamentari con un background di immigrati si trova a Milano (quasi il 90%), seguita da Berlino e Napoli.
L'Italia inoltre presenta le piu' alte percentuali di partecipazione tra gli immigrati alla vita civica, dopo il Belgio: a Milano il 14,6% degli intervistati e' iscritto al sindacato (contro il 5,5% della popolazione locale); a Napoli addirittura il 3,2% dice di essere iscritto a un partito politico (in linea con la media nazionale che e' del 3,7%). E' Napoli la citta' europea dove gli immigrati hanno una maggiore conoscenza (piu' dell'80%) e partecipazione (circa il 20%) ad organizzazioni di immigrati.
L'indagine ha 'sondato' anche il fronte occupazione: se nel resto d'Europa piu' della meta' degli immigrati intervistati dichiara di lavorare per imprese private, Napoli risulta in controtendenza: qui piu' della meta' dichiara di essere impiegata come persona di servizio o domestica (a Milano la quota scende a un quarto, a parita' con Madrid). I paesi in cui e' piu' problematico trovare lavoro sono il Portogallo e l'Italia: hanno avuto difficolta' dal 70 all'80% degli intervistati.
L'indagine mette in luce, inoltre, che gli immigrati, intervistati su una scala da 0 a 10, hanno espresso il loro grado di soddisfazione in merito alla loro vita quotidiana. In Italia quelli che vivono a Milano sono soddisfatti della loro vita quanto la popolazione locale (6.5), a Napoli il valore scende a meno di 6. A Milano si ritengono molto piu' soddisfatti del proprio lavoro (piu' di 7) della popolazione locale (meno di 7); molto ottimisti sulla propria salute (quasi 8).
"Da questa ricerca - commenta Gian Carlo Blangiardo della Fondazione Ismu - emergono importanti contributi per cogliere le problematiche e gli aspetti differenziali dei percorsi di integrazione, tanto nei 'tradizionali' quanto nei 'nuovi' paesi di immigrazione. Vengono messe in luce alcune aree di intervento con le quali ogni paese, e il nostro in primo luogo, viene ripetutamente chiamato a misurarsi: dal tema della sicurezza lavorativa a quello dei contratti non in regola (piu' frequenti nell'Europa meridionale), sino alla mancata valorizzazione delle qualifiche formative e professionali, una realta' che gli stessi immigrati vedono spesso come quasi inevitabile".
"L'immagine di un'immigrazione generalmente intenzionata a radicarsi nella societa' di accoglienza - aggiunge - e' sottolineata dal forte rilievo assegnato, pressoche' ovunque, al permesso di lungo soggiorno, cui si riconoscono importanti benefici sul piano del lavoro e dell'integrazione, e dal diffuso interesse per l'acquisizione di cittadinanza. Su quest'ultimo tema, i rilievi maggiori riguardano, come ben emerge proprio per l'Italia, i tempi e una certa discrezionalita' da parte delle autorita'; il tutto sommato alle difficolta' sul piano della documentazione e dei vincoli burocratici.
La ricerca - conclude Blangiardo - trasmette segnali confortanti sulle condizioni di vita della popolazione e delle famiglie straniere, ma prospetta la necessita' di nuove azioni concrete, sul piano normativo, organizzativo e culturale, per poter sempre piu' valorizzare e integrare una risorsa che, in termini di capitale umano, appare destinata ad essere assolutamente strategica per lo sviluppo del 'vecchio continente''.
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
NOTIZIE IN EVIDENZA
9 maggio 2012 18:43
ITALIA - 80% immigrati pronti a votare. Indagine Ics
Donazioni
TEMI CALDI
24 aprile 2014 (2 post)
Droga. Societa' farmacologi: assicurare continuita' al DPA di Serpelloni
24 aprile 2014 (2 post)
Vodafone blocca illegalmente IMEI cellulari
24 aprile 2014 (1 post)
Spesometro. Come importunare il contribuente
24 aprile 2014 (20 post)
Cannabis terapeutica. Garattini: no ad autocoltivazione
24 aprile 2014 (1 post)
Coltivazione cannabis depenalizzata? Radicali: un pesce d'aprile in ritardo
24 aprile 2014 (1 post)
Le bugie sui vaccini
23 aprile 2014 (9 post)
Padre uccide figlio tossicodipendente in ospedale, e si suicida
23 aprile 2014 (2 post)
Blocco conto corrente per ritardo pagamento rata
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
23 marzo 2014 (37 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
23 aprile 2014 (34 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
18 aprile 2014 (30 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
18 aprile 2014 (29 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori