portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
 ITALIA - ITALIA - Appello per chiudere gli ospedali psichiatrici giudiziari
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
16 luglio 2011 20:56
 
"Chiudiamo l'opg di Reggio Emilia". E' l'appello lanciato oggi dalla "Societa' della ragione" alla citta'di Reggio Emilia in un incontro organizzato in comune per sensibilizzare la cittadinanza in merito alle condizioni in cui versano gli ospedali psichiatrici giudiziari e le persone in essi ospitate. L'incontro rientra nella campagna nazionale "Stop Opg" con cui i promotori - Forum Salute mentale, Forum per il diritto alla salute in carcere, Cgil, Antigone, Centro Basaglia, Conferenza permanente per la salute mentale nel mondo F. Basaglia, Coordinamento Garanti territoriali diritti dei detenuti, Fondazione Franco e Franca Basaglia, Forum droghe, Psichiatria democratica, Societa' della ragione - chiedono l'abolizione di tutte e sei le strutture presenti in Italia, compresa Reggio Emilia. "Gli opg - ha spiegato l'assessore comunale alle politiche sociali Matteo Sassi - sono luoghi di custodia, dove non ci sono le condizioni per curare ma neanche per garantire sicurezza alla collettivita' poiche' non sono in grado di attivare veri percorsi riabilitativi". Per Sassi, strutture come quella reggiana rappresentano un buco nero dell' ordinamento giudiziario italiano che va sanato attraverso la creazione di piccole realta' sul territorio che diano risposte in termini di sicurezza alla comunita' e di cura per la persona. "Ci sono esempi - ha aggiunto Sassi - che dimostrano che e' possibile garantire il diritto alla cura attraverso altre forme e sappiamo che gli operatori degli ospedali giudiziari condividono le nostre preoccupazioni". "La struttura di Reggio - ha dichiarato Gianluca Borghi della "Societa' della ragione" ed ex consigliere regionale - e' un carcere poiche' e' collocata all'interno della Casa circondariale della Pulce, di cui costituisce un'ala, ed e' quindi incompatibile con condizioni di cura e recupero. Oltretutto - ha concluso - e' stato creato per accogliere 132 persone, ma oggi ne ospita 245: nonostante il suo bacino di utenza formale dovrebbe essere limitato a Emilia Romagna, Veneto e Marche, giungono a Reggio anche persone provenienti da Lombardia e Piemonte, per ragioni di mancanza di strutture".
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
NOTIZIE IN EVIDENZA
17 luglio 2011 16:07
 ITALIA - ITALIA - Aids. 2.500 casi l'anno
16 luglio 2011 20:56
ITALIA - Appello per chiudere gli ospedali psichiatrici giudiziari
Donazioni
TEMI CALDI
17 aprile 2014 (5 post)
I fondi comuni a gestione attiva fanno peggio del mercato? Sì, ma le brutte notizie non sono finite...
17 aprile 2014 (9 post)
Droga, la parola ai consumatori
17 aprile 2014 (1 post)
Rette per Residenze Sanitarie Assistenziali. Nuovo ISEE: chi paga?
17 aprile 2014 (1 post)
Tlc e cattivi-pagatori. Verso la banca dati... un nuovo strumento dei gestori per vessare gli utenti?
17 aprile 2014 (1 post)
Discussione legge droga in commissione Giustizia. Lite nella maggioranza
17 aprile 2014 (2 post)
IL consumo di droga e' emergenza nazionale. Ministro Salute
17 aprile 2014 (6 post)
Droghe e DPA. Radicali a primo ministro: sostituire Serpelloni e convocare conferenza nazionale
16 aprile 2014 (5 post)
Fecondazione assistita. Smantellata una legge crudele
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
23 marzo 2014 (62 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
16 aprile 2014 (34 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
21 marzo 2014 (29 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
26 febbraio 2014 (27 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori