portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
 ITALIA - ITALIA - Ogni anno raddoppiano i nasi distrutti da cocaina
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
9 maggio 2012 18:31
 
Nasi deformati dalla cocaina: in passato un fenomeno riservato agli incalliti consumatori della ormai 'ex droga dei ricchi', oggi "piu' che mai trasversale e diffuso, con il numero di pazienti che arrivano da noi per un intervento di ricostruzione che raddoppia ogni anno rispetto all'altro". A tracciare questo preoccupante quadro e' Pietro Palma, presidente dell'European Academy of Facial Plastic Surgery, dirigente medico del Dipartimento di otorinolaringoiatria e chirurgia testa-collo dell'universita' dell'Insubria di Varese e presidente del congresso 'Nose & Face World Rome 2012' che si apre oggi a Roma.
"Sicuramente stiamo assistendo a un sensibile aumento di casi - dice l'esperto all'Adnkronos Salute - Solo noi quest'anno ne abbiamo trattati una ventina. Nel naso di chi consuma cocaina, fisiologicamente si crea una forte secchezza e una crostosita' interna che spinge la persona a grattare e a rimuovere queste formazioni. Ma si tratta di croste molto aderenti ai tessuti interni e, quindi, rimuovendole con forza si creano delle lesioni ai tessuti".
"Da questo quadro - prosegue lo specialista - si passa poi a uno stato di infiammazione cronica detta rinite crostosa, fino a perforazioni del setto nasale, che danno sintomi tipici come il 'fischio' durante la respirazione o la perdita di sangue, e a veri e propri cedimenti della cartilagine del naso. La rinite crostosa si crea subito, dopo pochi mesi di utilizzo di cocaina. La comparsa della perforazione del setto nasale dipende dall'entita' dell'uso della droga: nei consumatori occasionali appare dopo anni, mentre in chi e' fortemente dipendente dalla cocaina possono bastare dei mesi". E si tratta di una condizione destinata a peggiorare notevolmente: "Le lesioni possono arrivare a coinvolgere l'ala nasale, il palato, fino a provocare il cedimento dei due terzi inferiori del naso. Vediamo sempre piu' pazienti e di ogni genere, non piu' solo ricchi imprenditori: la cocaina e' diffusa in ogni fascia sociale e i danni che provoca sono veramente notevoli", conclude Palma.
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
NOTIZIE IN EVIDENZA
9 maggio 2012 18:31
ITALIA - Ogni anno raddoppiano i nasi distrutti da cocaina
Donazioni
TEMI CALDI
23 aprile 2014 (7 post)
Padre uccide figlio tossicodipendente in ospedale, e si suicida
23 aprile 2014 (33 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
23 aprile 2014 (1 post)
Groupon, attenzione alle offerte per imbiancare la casa
23 aprile 2014 (1 post)
telecom italia
22 aprile 2014 (3 post)
RSA. Nuovo ISEE e determinazione della quota sociale: cosa cambia
22 aprile 2014 (1 post)
Fondo immobiliare Socrate
22 aprile 2014 (1 post)
servizi H3G
22 aprile 2014 (11 post)
I fondi comuni a gestione attiva fanno peggio del mercato? Sì, ma le brutte notizie non sono finite...
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
23 marzo 2014 (44 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
23 aprile 2014 (33 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
18 aprile 2014 (30 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
18 aprile 2014 (29 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori