testata ADUC
Vita da cani. Le indicazioni animaliste di Elisabetta II nel 67mo discorso parlamentare
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
12 maggio 2021 12:36
 
Elisabetta II ha annunciato una serie di nuove politiche sul benessere degli animali nel suo 67mo discorso parlamentare annuale. La Regina è stata raggiunta ieri da vari membri del Parlamento della Camera dei Lord britannica, nella sua prima apparizione pubblica dal funerale del marito, il principe Filippo. Mentre le misure di recupero dalla pandemia sono rimaste al centro delle trenta nuove leggi, gli attivisti per i diritti degli animali erano cautamente ottimisti sul fatto che avrebbe annunciato nuove politiche di protezione degli animali e così è andata.

Il discorso è arrivato nonostante le numerose promesse sui diritti degli animali che non sono state mantenute dal primo ministro Boris Johnson dopo aver vinto le elezioni nel 2019. Le leggi confermate dalla regina saranno portate avanti per «garantire che il Regno Unito abbia e promuova i più alti standard di benessere degli animali».

Il discorso ha toccato diversi punti importanti, come il miglioramento degli standard negli zoo e l'introduzione del microchip obbligatorio per i gatti. Le misure saranno coperte da tre progetti di legge che verranno presentati nel corso del prossimo anno. Il governo è poi entrato di più nel dettaglio in una serie di documenti che accompagnano il discorso della regina. Nel suo piano d'azione per il benessere degli animali, Londra si impegna a:
- Riconoscere la sensibilità animale, ovvero la capacità degli animali di provare sentimenti, inclusi dolore e sofferenza, da inserire in una legge ad hoc sul benessere degli animali.
- Porre fine all'esportazione di animali vivi per la macellazione e adottare "ulteriori misure" per limitare il commercio di foie gras, introducendo "poteri più efficaci".
- Utilizzare il disegno di legge anche per impedire alle persone di tenere i primati come animali domestici, migliorare gli standard negli zoo e "reprimere" il contrabbando di cuccioli con l'introduzione di microchip per gatti obbligatori e il miglioramento dei database attuali.

Il Governo britannico ha anche intenzione di vietare l'importazione di trofei di caccia, oltre a interrompere la pubblicità per i viaggi a scopo venatorio-turistico. I piani per i tre progetti di legge porterebbero «a una maggiore protezione per gli animali selvatici ponendo fine alle pratiche a basso benessere», assicureranno che «siano disponibili poteri efficaci per affrontare le sfide del benessere per gli animali da fattoria e riconosceranno l'importanza degli animali domestici  nella vita delle persone».

(da Kodami.it)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori