testata ADUC
Banca del Sud. Un film gia' visto
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
12 marzo 2010 12:11
 
140 miliardi di euro spesi in 41 anni, cioe' 3,4 miliardi all'anno. E' questo il bilancio della Cassa per il Mezzogiorno e Agensud per finanziare iniziative industriali tese allo sviluppo economico del meridione d'Italia allo scopo di colmare il divario con le regioni settentrionali. Venne poi Sviluppo Italia e, oggi, Invitalia, "l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, che agisce su mandato del Governo per accrescere la competitività del Paese, in particolare del Mezzogiorno, e per sostenere i settori strategici per lo sviluppo. I suoi obiettivi prioritari sono: favorire l'attrazione di investimenti esteri, sostenere l'innovazione e la crescita del sistema produttivo, valorizzare le potenzialita' dei territori". Nonostante quasi 50 anni di finanziamenti a fondo perduto e investimenti significativi, oggi il divario di ricchezza permane in termini di PIL pro capite e in termini di produttivita'. Il reddito pro capite e' mediamente il doppio al Nord rispetto al Sud, e i tassi di disoccupazione cosi' come il lavoro nero sono pari al doppio al Sud rispetto al Nord. Insomma, un fallimento. Ieri il Governo ha presentato la Banca del Sud, con analoghi finalita': lo sviluppo del Meridione. "Un film che volevamo girare e ora parte", dice il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Gia' un film. Visto da tempo. A proposito, che fine ha fatto il "Piano per il Sud" annunciato da mesi?
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori