testata ADUC
Reato di negazionismo? Reato di opinione!
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
16 ottobre 2010 14:14
 
 Il presidente della Comunita' ebraica di Roma, Riccardo Pacifici, in seguito a nuove polemiche sul fatto che esistano o meno documenti storici sulla politica nazista che nel secolo scorso porto' allo sterminio di milioni di ebrei, ha rilanciato una vecchia proposta che nel 2007 si areno': introdurre il reato di negazionismo. Si tratta di ripescare un vecchio ddl dell'allora ministro della Giustizia, Clemente Mastella. Reato su cui pare siano d'accordo diversi politici e partiti e che, per l'iter parlamentare, pare ci sia l'assicurazione di un impegno immediato dei presidenti di Camera e Senato.
A noi sembra bizzarro che ci sia una legge che debba punire chi non crede che la storia sia quella piuttosto che un'altra o -peggio- chi metta in dubbio che la storia debba essere necessariamente quella dei vincitori, pur se sulla pelle di milioni di ebrei e di tutti gli altri morti (Hiroshima inclusa) della seconda guerra mondiale.
Ma, oltre alla bizzarria su cosa e come sia la storia, crediamo che sia cosa pessima, per tener vivo nella memoria quanto gli esseri umani sono in grado di fare, far proprio il metodo di chi si vuole condannare: negare liberta' di pensiero e di opinione a chi pensa in modo diametralmente opposto al proprio. Non solo. Creare il reato di negazionismo e' un contributo a far si' che questa opinione si radichi meglio: chi verra' punito alimentera' un mito che -basato solo su convincimenti ideologici e non fatti storici e razionali- per rafforzarsi nelle idee dei fanatici ha bisogno di martiri, persecuzioni, messe al bando, galere, disprezzo da parte delle istituzioni.
E' questo che vogliamo? E non piuttosto mantenere viva la memoria storica perche' cio' non accada mai piu'?
Qui il nostro canale web sulla censura

Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori