testata ADUC
Studenti contro i cittadini. Traffico in tilt. Ma quale fantasia!
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
23 dicembre 2010 10:05
 
 E cosi' per non prendersela con chi dovevano prendersela, cioe' governo e maggioranza, gli studenti se la sono presa con i cittadini. I "fantasiosi" studenti hanno manifestato sulla tangenziale romana, una arteria fondamentale che collega vari quartieri della capitale. Conseguenza: traffico in tilt in tutta l'area. Siamo alle solite. Se si vuole visibilita' occorre creare disagio, cosi' fanno coloro che occupano i binari, le autostrade e gli aeroporti. Basta prendere il cittadino per il collo e si ha ascolto dalle cariche istituzionali. Certo, non ci sono stati atti di violenza che sono atti delinquenziali e come tali vanno perseguiti. Pero' qualche consiglio "fantasioso" vorremmo darlo. Perche' non manifestare in fila indiana, sui marciapiedi? In tal modo si potrebbero "circondare" le sedi istituzionali, distribuendo volantini ai passanti e commercianti che spieghino le proprie ragioni e, magari, ottenerne il consenso. Se si vuole andare piu' in la' con la fantasia, la fila indiana potrebbe sedersi a terra, passare la notte con candele accese, intonare cori e canzoni. Il tutto senza dover mandare in bestia il cittadino che rimane bloccato nel traffico per tre o quattro ore. Troppo impegnativo? E' la differenza che c'e' tra il mormorio e la protesta.
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori