testata ADUC
 AUSTRIA - AUSTRIA - Formaggio austriaco infetto, il perche' dell'allarme tardivo
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
18 febbraio 2010 10:18
 
Il 23 gennaio 2010, il produttore caseario stiriano Prolactal annuncia il ritiro dai negozi di determinati prodotti a titolo precauzionale, specificando che in alcuni campioni è stata rilevata la listeria, e per questo motivo ne sospende anche la produzione. Troppo tardi: in Austria 12 persone sono già state infettate dai batteri e quattro ne sono morte; altri due decessi sono venuti alla luce in Germania -tutti e sei risalgono al secondo semestre del 2009.
Perché una reazione tanto tardiva? Prolactal si dice "sconvolta" dalla notizia dei morti, di cui non sapeva nulla fino a ieri, 16 febbraio. Da parte loro, le autorità sostengono d'essere arrivate sulla traccia giusta attraverso i biglietti della spesa dei pazienti, e che solo a gennaio è stato possibile identificare in Prolactal "il colpevole". "Prima di sapere da dove, non potevamo dare l'allarme", si giustifica il ministero della Sanità.
I batteri della listeria sono molto diffusi (nel terreno, nelle acque di scarico) e possono infettare uomini e animali. I veicoli che li fanno entrare nel corpo umano sono la frutta non lavata, la carne cruda, il latte non pastorizzato, i latticini. Le listerie infettano molte persone, ma la maggior parte non se ne accorge; alcuni possono però accusare malessere, diarrea e vomito a distanza di dodici ore. Viceversa, costituiscono un grosso rischio per bambini piccoli, anziani, immunodeficienti e donne incinte.
E' bene tener presente che i batteri della listeria non li elimina il freddo del frigorifero, bensì la bollitura, la cottura e la pastorizzazione.
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori