portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Tassa di Concessione Governativa sui cellulari: anacronismo e incostituzionalità
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Cristiana Olivieri *
19 aprile 2013 18:15
 
 L'Agenzia delle Entrate ha proposto appello avverso una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Firenze, che riconosceva, così come molte altre CTP italiane, il rimborso della Tassa di Concessione Governativa (Tcg) sui telefonini cellulari, pagata indebitamente dalla ricorrente.
Tra gli argomenti dell’appello spunta la recente sentenza n. 23052 della Cassazione Civile, dove i giudici hanno disatteso completamente gli obblighi imposti dalla normativa comunitaria.
La Corte ha infatti optato per la sopravvivenza della Tcg, rispetto all'introduzione, con il Codice delle Comunicazioni Elettroniche, dei principi comunitari di in materia di comunicazione, attività completamente libera e priva di vincoli autorizzatori, così come ha più volte ribadito l’Unione Europea (direttive n. 2002/21/CE e 2002/22/CE).
I giudici della Cassazione non hanno, a nostro avviso, riflettuto sull’evidente disparità di trattamento che scaturisce dall’imposizione della Tcg: questa, infatti, è richiesta soltanto ai titolari di contratto di abbonamento con il gestore di telefonia mobile, non invece a chi utilizza il proprio cellulare mediante scheda prepagata. La Suprema Corte, infatti, del tutto illogicamente sembra considerare “stazione radioelettrica”, quindi suscettibile di imposizione della Tcg, soltanto la prima categoria di apparecchi telefonici ai quali accede l'abbonamento dell'utente, e non anche quelli di pertinenza dei secondi utenti. E ciò sebbene si stia parlando della stessa attività: comunicare a mezzo cellulare.
È evidente, dunque, la violazione del principio di uguaglianza sostanziale sancito dall’art. 3 della Costituzione, in combinato disposto con l’art. 53, secondo cui a situazioni eguali debbano corrispondere eguali regimi impositivi, allineandosi all’orientamento ormai consolidato della giurisprudenza costituzionale (Corte Cost., n. 120 del 1972).
Nel caso di specie, gli abbonati sarebbero decisamente svantaggiati rispetto agli utenti con carta prepagata, sebbene si tratti due categorie di soggetti non soltanto assimilabili, ma del tutto identiche: persone che comunicano col proprio cellulare.
L’imposizione del tributo disattende perciò una declinazione del principio di uguaglianza, ossia il principio di uniformità nel trattamento normativo: per citare la Corte Costituzionale, “il principio della correlazione tra prestazioni tributarie e capacità contributiva impone al legislatore di commisurare il carico tributario in modo uniforme nei confronti dei vari soggetti, allorché sia dato riscontrare per essi una identità delle situazioni di fatto prese in considerazione dalla legge ai fini dell’imposizione del tributo” (Corte Cost. n. 104 del 1985).
E dunque, qual è mai la differenza tra usare un telefonino con un abbonamento o con una carta prepagata? Non si tratta pur sempre di utilizzare il proprio cellulare al fine di comunicare?
Sembrano quindi sussistere tutti i presupposti per sollevare una questione di legittimità costituzionale, in merito all'odioso balzello che sopravvive solo per il tramite di operazioni ermeneutiche che mirano più che altro a far cassa e a non alterare equilibri. Un balzello che abbiamo più o meno solo noi in Europa, ormai illegittimo ed anacronistico.

* consulente legale Aduc

Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
ARTICOLI IN EVIDENZA
22 aprile 2013 16:59
Quando la finanza parlava italiano
19 aprile 2013 18:15
Tassa di Concessione Governativa sui cellulari: anacronismo e incostituzionalità
Donazioni
TEMI CALDI
25 luglio 2014 (2 post)
Uomini e pipi'. E' meglio farla in piedi o seduti?
25 luglio 2014 (20 post)
Obbligazioni a tasso fisso: alcuni concetti di base
25 luglio 2014 (1 post)
CASA IN AFFITTO: LE SPESE DELL'INQUILINO E DEL PROPRIETARIO
25 luglio 2014 (3 post)
Pubblico registro automobilistico, Aci, Archivio nazionale dei veicoli, Motorizzazione, Province. A che servono? A tartassare il contribuente!
25 luglio 2014 (1 post)
Psicologia e nutrizione: carnivori contro vegetariani
25 luglio 2014 (3 post)
Vita da cani. Come, perche’ e se scegliere il 'nostro' miglior amico
24 luglio 2014 (2 post)
Gamberetti freschi?
24 luglio 2014 (1 post)
Abbonamento palestra 12+3 impossibile da rescindere
17 giugno 2014 (47 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
19 luglio 2014 (30 post)
Obbligazioni in euro. Una sola parola: vendere
24 luglio 2014 (24 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
4 giugno 2014 (20 post)
Il problema dell'Italia non era il debito pubblico?
25 luglio 2014 (20 post)
Obbligazioni a tasso fisso: alcuni concetti di base
14 maggio 2014 (20 post)
Dipartimento politiche antidroga. Radicali: smantellarlo!
30 giugno 2014 (20 post)
Cannabis riduce dimensione e forma spermatozoi. Studio
28 giugno 2014 (17 post)
La BCE e la prossima bolla azionaria
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori