portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
cerca
Tassa di Concessione Governativa sui cellulari: anacronismo e incostituzionalità
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Cristiana Olivieri *
19 aprile 2013 18:15
 
 L'Agenzia delle Entrate ha proposto appello avverso una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Firenze, che riconosceva, così come molte altre CTP italiane, il rimborso della Tassa di Concessione Governativa (Tcg) sui telefonini cellulari, pagata indebitamente dalla ricorrente.
Tra gli argomenti dell’appello spunta la recente sentenza n. 23052 della Cassazione Civile, dove i giudici hanno disatteso completamente gli obblighi imposti dalla normativa comunitaria.
La Corte ha infatti optato per la sopravvivenza della Tcg, rispetto all'introduzione, con il Codice delle Comunicazioni Elettroniche, dei principi comunitari di in materia di comunicazione, attività completamente libera e priva di vincoli autorizzatori, così come ha più volte ribadito l’Unione Europea (direttive n. 2002/21/CE e 2002/22/CE).
I giudici della Cassazione non hanno, a nostro avviso, riflettuto sull’evidente disparità di trattamento che scaturisce dall’imposizione della Tcg: questa, infatti, è richiesta soltanto ai titolari di contratto di abbonamento con il gestore di telefonia mobile, non invece a chi utilizza il proprio cellulare mediante scheda prepagata. La Suprema Corte, infatti, del tutto illogicamente sembra considerare “stazione radioelettrica”, quindi suscettibile di imposizione della Tcg, soltanto la prima categoria di apparecchi telefonici ai quali accede l'abbonamento dell'utente, e non anche quelli di pertinenza dei secondi utenti. E ciò sebbene si stia parlando della stessa attività: comunicare a mezzo cellulare.
È evidente, dunque, la violazione del principio di uguaglianza sostanziale sancito dall’art. 3 della Costituzione, in combinato disposto con l’art. 53, secondo cui a situazioni eguali debbano corrispondere eguali regimi impositivi, allineandosi all’orientamento ormai consolidato della giurisprudenza costituzionale (Corte Cost., n. 120 del 1972).
Nel caso di specie, gli abbonati sarebbero decisamente svantaggiati rispetto agli utenti con carta prepagata, sebbene si tratti due categorie di soggetti non soltanto assimilabili, ma del tutto identiche: persone che comunicano col proprio cellulare.
L’imposizione del tributo disattende perciò una declinazione del principio di uguaglianza, ossia il principio di uniformità nel trattamento normativo: per citare la Corte Costituzionale, “il principio della correlazione tra prestazioni tributarie e capacità contributiva impone al legislatore di commisurare il carico tributario in modo uniforme nei confronti dei vari soggetti, allorché sia dato riscontrare per essi una identità delle situazioni di fatto prese in considerazione dalla legge ai fini dell’imposizione del tributo” (Corte Cost. n. 104 del 1985).
E dunque, qual è mai la differenza tra usare un telefonino con un abbonamento o con una carta prepagata? Non si tratta pur sempre di utilizzare il proprio cellulare al fine di comunicare?
Sembrano quindi sussistere tutti i presupposti per sollevare una questione di legittimità costituzionale, in merito all'odioso balzello che sopravvive solo per il tramite di operazioni ermeneutiche che mirano più che altro a far cassa e a non alterare equilibri. Un balzello che abbiamo più o meno solo noi in Europa, ormai illegittimo ed anacronistico.

* consulente legale Aduc

Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
ARTICOLI IN EVIDENZA
27 aprile 2013 11:58
Salmone ogm nei nostri piatti? Acceso dibattito in Usa
22 aprile 2013 16:59
Quando la finanza parlava italiano
22 aprile 2013 10:56
Rielezione del presidente della Repubblica: un suggerimento per l’inizio del discorso alle Camere
20 aprile 2013 11:35
Narcos e Paraguay. Dove lo Stato e' assente
19 aprile 2013 20:09
Narcoguerra messicana. I 'nodi al pettine' della politica dell'ex-presidente Calderon
19 aprile 2013 18:15
Tassa di Concessione Governativa sui cellulari: anacronismo e incostituzionalità
19 aprile 2013 13:03
Elezioni e droga. Che succede in Paraguay, secondo Paese al mondo produttore di cannabis?
19 aprile 2013 11:33
Cannabis social club in Spagna. Uno spaccato dalla Gran Canaria
17 aprile 2013 17:16
Cannabis e coltivazione, Tribunale di Ferrara contro la Cassazione: non sempre è reato
17 aprile 2013 10:02
Conti di deposito - Ancora tassi in ribasso
15 aprile 2013 9:36
Narcotraffico. L'Africa dell'ovest sta esplodendo
Donazioni
TEMI CALDI
27 marzo 2015 (1 post)
Dimagranti: non utilizzare Xcel
26 marzo 2015 (1 post)
Allergie. Utile acqua e sale
26 marzo 2015 (12 post)
Legalizzazione cannabis. Giachetti (vicepresidente Camera): si' dal tabaccaio
26 marzo 2015 (1 post)
Legalizzare qualcosa
26 marzo 2015 (4 post)
Corruzione e pubblica amministrazione. Riduzione del danno per farsi meno male. Legalizzare la mazzetta?
26 marzo 2015 (7 post)
La ricerca della performance: il piu' grande nemico per il risparmiatore
26 marzo 2015 (10 post)
Uscire dai fondi obbligazionari: un piccolo suggerimento per l'impiego della liquidità
26 marzo 2015 (5 post)
Discriminazione Rom e Sinti: il Tribunale di Roma condanna casa editrice a ritirare pubblicazione con frasi offensive e a risarcimento del danno
19 marzo 2015 (77 post)
Droga. Le leggi proibizioniste non sono un deterrente. Primo presidente Cassazione
21 marzo 2015 (39 post)
Lyoness
24 febbraio 2015 (29 post)
L'irriverente fiorentino. Una citta' con le scuole sommerse di droga...
25 gennaio 2015 (28 post)
Aduc Osservatorio Firenze. La libreria di Casa Pound.... il mercato e la cultura
5 marzo 2015 (26 post)
Acquisto online
15 marzo 2015 (26 post)
La Rai cambia? Mah! Intanto difendiamoci
25 febbraio 2015 (20 post)
Legalizzazione cannabis. Sen. Airola: no al proibizionismo
4 gennaio 2015 (18 post)
Cannabis terapeutica. Al via lo spinello elettronico. Polemiche
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori