portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Aduc – Osservatorio Lecce. Ordinanza antibivacco: le elezioni sono un’occasione buona per eliminarla
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Alessandro Gallucci
24 marzo 2012 13:40
 
 A Lecce. le persone sedute sul parapetto dell’anfiteatro, o sui gradini di una chiesa o di un altro monumento pubblico potrebbero, secondo l’amministrazione comunale, trovarsi in una condizione illecita. Infatti, in ragione di un’ordinanza sindacale (la n. 763/2008) è “vietato occupare i monumenti ed i luoghi destinati al culto come luogo di intrattenimento e/o bivacco o fare qualunque altra attività incompatibile con la loro conservazione”. Secondo la polizia municipale consumare una bevanda sul parapetto dell’anfiteatro significa bivaccare. In un verbale del luglio 2009 i vigili urbani multarono con 50,00 € di sanzione un cittadino leccese perché “bivaccava consumando bevande seduto sul bordo parapetto dell’anfiteatro”. Dei turisti furono multati perché nello stesso modo mangiavano un gelato. Non si capisce perché, poi, i festeggiamenti nell’anfiteatro dei tifosi del Lecce per la salvezza della squadra non debbano essere considerati allo stesso modo ma anzi sono tollerati. Personalmente abbiamo potuto constatare che la “pratica del bivacco” è in voga anche presso alcuni assessori e consiglieri comunali che di tanto in tanto siedono sul parapetto dell’anfiteatro di fronte al bar “Alvino”, storico luogo di ritrovo leccese. Alla prossima occasione documenteremo l’accaduto e lo protocolleremo in Comune. Nonostante le nostre continue richieste al Sindaco ed all’amministrazione comunale niente è cambiato. Forse si fanno meno multe, forse addirittura nessuna (l’ordinanza potrebbe essere incostituzionale) ma è l’approccio ad essere sbagliato: in questo modo l’amministrazione si riserva il diritto di punire arbitrariamente un comportamento ampiamente diffuso, innocuo ed accettato. Il classico esempio del potere pubblico che considera la persona come un suddito e non come un cittadino titolare di diritti e doveri. Sarebbe bene se tutti i candidati al consiglio comunale ed alla carica di Sindaco s’impegnassero pubblicamente ad eliminare questa norma stupida e fuori luogo.

Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
28 marzo 2012 11:01
Caraffe per l'acqua
24 marzo 2012 13:40
Aduc – Osservatorio Lecce. Ordinanza antibivacco: le elezioni sono un’occasione buona per eliminarla
Donazioni
TEMI CALDI
23 luglio 2014 (1 post)
La bufala dell' “imminente prelievo forzoso” dai conti correnti
23 luglio 2014 (1 post)
Investimenti sicuri
23 luglio 2014 (2 post)
Poste Italiane e Alitalia/Etihad. Continuera' lo spreco dei nostri soldi?
23 luglio 2014 (2 post)
Riserve ittiche. Sospendere la pesca per tre anni
22 luglio 2014 (1 post)
Gamberetti freschi?
22 luglio 2014 (1 post)
Bnl Immobiliare Dinamico
22 luglio 2014 (4 post)
Il calo massiccio degli insetti minaccia l'agricoltura, e non solo
22 luglio 2014 (1 post)
Quote rosa nelle società. Consiglio di Stato: garantiscono efficienza economica e funzionalità delle aziende
17 giugno 2014 (47 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
19 luglio 2014 (30 post)
Obbligazioni in euro. Una sola parola: vendere
18 luglio 2014 (23 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
14 maggio 2014 (20 post)
Dipartimento politiche antidroga. Radicali: smantellarlo!
30 giugno 2014 (20 post)
Cannabis riduce dimensione e forma spermatozoi. Studio
4 giugno 2014 (20 post)
Il problema dell'Italia non era il debito pubblico?
28 giugno 2014 (17 post)
La BCE e la prossima bolla azionaria
22 luglio 2014 (17 post)
Acquisto online
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori