portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Aumento tasse carburanti per fondi terremotati. Metodo pessimo di chi non governa oltre il proprio naso!
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
30 maggio 2012 14:09
 
  A copertura degli interventi a sostegno dei terremotati il governo ha deciso l'aumento di 2 centesimi dell'accisa sui carburanti per autotrasporto cosi' come l'utilizzo di fondi resi disponibili dalla spending review.
Una decisione, quella sull'accisa dei carburanti, che lascia attoniti. Come se niente fosse successo in questi anni con l'introduzione delle cosiddette tasse di scopo. Alla memoria sovvengono quella per la guerra di Abissinia e per Suez, Vajont, Belice, Friuli, Irpinia, Libano, ecc., che hanno aumentato l'accisa sulla benzina: al termine della guerra o dell'evento calamitoso sono sempre state inglobate nella fiscalita' generale (1).
Se il Governo lo ha fatto perche' gli sembra il metodo piu' semplice per venire incontro alle spese che dovra' sostenere per la ricostruzione delle zone terremotate, pur se il fine e' nobile (come era altrettanto nobile anche in passato), sicuramente e' pessimo. Probabilmente il Governo lo ha fatto perche' pochi oseranno, nell'attuale drammatico contesto in cui si contano ancora i morti emiliani, contestarlo in merito. Ma i governi esistono proprio per questo, cioe' per governare: la razionalizzazione delle spese e del prelievo pubblico e' il punto di partenza dell'arte di governo, arte che deve guardare al passato e anche al futuro, e non solo a tappare i buchi delle continue emergenze dell'oggi.
Veramente non c'erano altri sistemi di finanziamento, magari scavando ancora meglio nello “spending review” su enti inutili, spese sanitarie fuori controllo, benefici delle varie caste, etc?

(1) * 1,90 lire per la guerra di Abissinia del 1935;
* 14 lire per la crisi di Suez del 1956;
* 10 lire per il disastro del Vajont del 1963;
* 10 lire per l'alluvione di Firenze del 1966;
* 10 lire per il terremoto del Belice del 1968;
* 99 lire per il terremoto del Friuli del 1976;
* 75 lire per il terremoto dell'Irpinia del 1980;
* 205 lire per la missione in Libano del 1983;
* 22 lire per la missione in Bosnia del 1996;
* 39 lire (0,02 euro) per il rinnovo del contratto degli autoferrotranviari del 2004.
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
1 giugno 2012 11:26
Roma Capitale. Si', del degrado
30 maggio 2012 14:09
Aumento tasse carburanti per fondi terremotati. Metodo pessimo di chi non governa oltre il proprio naso!
Donazioni
TEMI CALDI
30 luglio 2014 (17 post)
Coltivava due piante di cannabis in casa. Assolto in Appello
30 luglio 2014 (2 post)
Anatocismo. Da che parte sta il governo Renzi?
30 luglio 2014 (10 post)
Pos partite Iva – canone Rai – Tasi... 'cosi' e' (se vi pare)'
30 luglio 2014 (20 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
30 luglio 2014 (4 post)
L'incapacità di governare: il caso dei consulenti finanziari indipendenti
30 luglio 2014 (2 post)
Il quotidiano l'Unita' chiude, perche' no, visto che non vende?
30 luglio 2014 (1 post)
Legalizzazione cannabis. Manconi: tutti ne discutono ma non in Italia
30 luglio 2014 (1 post)
Bilanci comunali di previsione 2014 entro il 30 settembre. Previsione di cosa?
17 giugno 2014 (47 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
19 luglio 2014 (30 post)
Obbligazioni in euro. Una sola parola: vendere
29 luglio 2014 (21 post)
Cannabis riduce dimensione e forma spermatozoi. Studio
4 giugno 2014 (20 post)
Il problema dell'Italia non era il debito pubblico?
14 maggio 2014 (20 post)
Dipartimento politiche antidroga. Radicali: smantellarlo!
30 luglio 2014 (20 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
25 luglio 2014 (20 post)
Obbligazioni a tasso fisso: alcuni concetti di base
27 luglio 2014 (18 post)
Lyoness
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori