portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Canone/imposta Rai. Richiesta illegittima di quello speciale anche per un pc? Interrogazione parlamentare
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
17 febbraio 2012 12:35
 
  Ci stanno giungendo centinaia di segnalazioni da parte di aziende e studi professionali a cui la Rai richiede il pagamento del canone TV per la detenzione di uno o più computer collegati in Rete.
In assenza di una determinazione in tal senso del Ministero dello sviluppo economico che non ci risulta esistere, la richiesta della Rai è illegittima.
Ci siamo già occupati della vicenda a proposito di analoghe richieste che alcuni anni fa venivano mosse alle famiglie. Dopo interpelli e interrogazioni parlamentari alla Rai, il ministero dello Sviluppo economico rispose: “In considerazione del fatto che non sussiste ancora una interpretazione univoca circa la individuazione degli apparecchi, diversi dai televisori tradizionali, atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni, si ritiene opportuno procedere ad un approfondimento tecnico-giuridico della questione, anche attraverso il confronto con il Ministero dell'economia e delle finanze, l'agenzia delle entrate e la concessionaria del servizio pubblico”.
Oggi però torna alla carica. La Rai ha ricevuto indicazioni in tal senso dal Ministero, oppure sta solo cercando di indurre con l’inganno a pagare anche quando non si deve?
Per sapere questo, grazie ai Senatori Donatella Poretti e Marco Perduca, abbiamo presentato una interrogazione parlamentare al Ministero dello sviluppo economico.
E’ peraltro evidente che obbligare un’azienda a pagare un abbonamento TV per il solo fatto di avere dei pc è paradossale. Primo, perché il computer è uno strumento ormai indispensabile allo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa, e l’inclusione dello stesso fra gli apparecchi tassati significherebbe di fatto imporre una nuova imposta sul lavoro. Secondo, perché in un momento di grave crisi economica, si andrebbe a colpire d’improvviso il mondo produttivo per un importo superiore al miliardo di euro pur di tener in vita un’azienda, la Rai, gestita secondo il peggiore malcostume italiano.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti, il servizio di consulenza dell'Aduc risponde dal lunedi' al venerdi' (ore 12/18) al n. 895.96.97.997.

Qui il nostro speciale canale web dedicato alla materia
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
20 febbraio 2012 12:21
Roma. Pronto soccorso
17 febbraio 2012 12:35
Canone/imposta Rai. Richiesta illegittima di quello speciale anche per un pc? Interrogazione parlamentare
17 febbraio 2012 12:19
L'Italia in cifre
Donazioni
TEMI CALDI
28 luglio 2014 (15 post)
Coltivava due piante di cannabis in casa. Assolto in Appello
28 luglio 2014 (9 post)
Cannabis terapeutica. Nuova disobbedienza civile dei Radicali
28 luglio 2014 (2 post)
Legalizzazione cannabis. The New York Times si schiera a favore
28 luglio 2014 (2 post)
Fusione gestioni separate Generali
28 luglio 2014 (6 post)
La bufala dell' “imminente prelievo forzoso” dai conti correnti
28 luglio 2014 (3 post)
Riserve ittiche. Sospendere la pesca per tre anni
27 luglio 2014 (1 post)
Alitalia/Etihad: voli da favola
27 luglio 2014 (2 post)
PA. A Firenze arrivano le semplificazioni. Si salvi chi può!
17 giugno 2014 (47 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
19 luglio 2014 (30 post)
Obbligazioni in euro. Una sola parola: vendere
24 luglio 2014 (22 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
25 luglio 2014 (20 post)
Obbligazioni a tasso fisso: alcuni concetti di base
14 maggio 2014 (20 post)
Dipartimento politiche antidroga. Radicali: smantellarlo!
30 giugno 2014 (20 post)
Cannabis riduce dimensione e forma spermatozoi. Studio
4 giugno 2014 (20 post)
Il problema dell'Italia non era il debito pubblico?
27 luglio 2014 (18 post)
Lyoness
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori