portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Iva sui rifiuti. Blocchiamo i pasticci del Parlamento e l'avidita' dei gestori
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
30 marzo 2012 14:32
 
 Il pagamento dell'Iva sui rifiuti della Tia1 sembra non avere avuto un punto fermo dopo le sentenze di Corte Costituzionale e Cassazione che ne hanno sancito il carattere tributario e quindi la non legittimita' dell'imposta Iva.
In assenza del Governo (che ha praticamente non risposto ad un'interrogazione in commissione Finanze della Camera), al momento l'unica iniziativa legislativa in merito e' quella di un emendamento del deputato Pd Alberto Fluvi che, in barba a Corte Costituzione e Cassazione, ribadisce che la Tia1 ha natura di corrispettivo e dunque l'Iva va pagata.... come dire: chi se ne frega dell'altro potere (giudiziario) dello Stato che afferma e ribadisce, io che sono il potere legislativo faccio come mi pare e piace senza minimamente considerare quella che dovrebbe essere l'integrazione tra le attivita' dei vari poteri dello Stato... che detto in “soldoni” significa mettere le basi per mantenere eternamente aperto un conflitto in cui la certezza del diritto degli amministrati potra' essere affidata solo al giudizio di un giudice, piu' o meno “attento” rispetto al potere.
Nel contempo le aziende partecipate che nei vari Comuni gestiscono il servizio rifiuti, si guardano bene dall'aprire un contenzioso con l'amministrazione fiscale dello Stato per farsi restituire il maltolto e, di conseguenza, continuano a chiedere l'Iva agli utenti del loro servizio.
Il quadro sconfortante e' il seguente:
- c'e' la legge zoppicante e poco chiara;
- i massimi organi giudiziari e costituzionali sono intervenuti per dire che non e' come la legge dice e, quindi, bisogna cambiare in direzione no-Iva;
- l'esecutivo non dice la sua;
- il legislatore ignora l'esistenza degli altri poteri dello Stato e insiste sull'esistente zoppicante;
- i gestori del servizio non solo se ne fregano, ma minacciano, in caso di mancanza dell'Iva sulle loro bollette, di aumentare i costi del servizio (come se l'Iva fosse un guadagno che viene loro sottratto e non una partita di giro... c'e' qualcosa che non torna, se non che loro non hanno nessuna intenzione di farsi rimborsare dal Fisco e se saranno costretti ad emettere fatture senza Iva e rimborsare il maltolto agli utenti, hanno intenzione di rifarsi solo verso questi ultimi.... bell'esempio di amministrazione democratica e 'consumer frendly');
- gli utenti continuano a pagare e possono rivalersi solo se hanno la costanza di portare in giudizio i gestori, trovando un giudice che dia loro ragione.

E' ovvio che e' un braccio di ferro con un solo risultato certo al momento: la credibiita' zero delle istituzioni, con una curva di peggioramento che aumenta ogni giorno e che -ovviamente- non portera' il cittadino contribuente ad avere sempre meno fiducia verso lo specifico gestore dei rifiuti, ma verso le istituzioni tutte.
Continuiamo a farci male?

Qui il modulo per chiedere il rimborso al proprio gestore

Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
2 aprile 2012 12:18
Tg Rai. Sempre piu' insofferenza
30 marzo 2012 14:32
Iva sui rifiuti. Blocchiamo i pasticci del Parlamento e l'avidita' dei gestori
Donazioni
TEMI CALDI
19 aprile 2014 (1 post)
Via libera del Congresso alle Forze Armate per combattere i narcos in alcune zone
19 aprile 2014 (1 post)
iscrizioni ipotecarie Equitalia
19 aprile 2014 (10 post)
I fondi comuni a gestione attiva fanno peggio del mercato? Sì, ma le brutte notizie non sono finite...
19 aprile 2014 (3 post)
Padre uccide figlio tossicodipendente in ospedale, e si suicida
18 aprile 2014 (30 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
18 aprile 2014 (15 post)
Cani antidroga scuole Chieti: tre studenti con marijuana...
18 aprile 2014 (1 post)
Italcogim energie. Contratti truffaldini? Ricorso Antitrust per pratica commerciale scorretta
18 aprile 2014 (7 post)
Droghe e DPA. Radicali a primo ministro: sostituire Serpelloni e convocare conferenza nazionale
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
23 marzo 2014 (58 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
16 aprile 2014 (32 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
18 aprile 2014 (30 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
18 aprile 2014 (29 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori