portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Padova, aria tossica in città. Da 10 anni è fuorilegge riguardo ad un potente cancerogeno, il benzoapirene.
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Maria Grazia Lucchiari
11 gennaio 2011 13:52
 
  La città di Padova da 10 anni è fuorilegge riguardo ad un potente cancerogeno, il benzoapirene, che principalmente viene emesso in atmosfera da grandi complessi industriali e dagli autoveicoli. Il benzoapirene viene assorbito dalle polveri fini (pm10 e 2.5) che arrivano direttamente nelle basse vie respiratorie, da qui vengono trasferiti, tramite la circolazione del sangue negli organi vitali.
Dal 2000 al 2010, in città, la media annua di un nanogrammo per metro cubo di aria prevista dalla legge per il benzoapirene viene costantemente superata. A cui va aggiunto un altro primato, ovvero i 42 microgrammi per metro cubo del pm10 media annua, raggiunto a settembre 2010. La legge prevede una media annua del 40mg/m3. E’ evidente che occorre rientrare urgentemente nei parametri della legge e che i provvedimenti finora adottati non sono sufficienti. Tanto più che il 2010 è l’anno in cui in città è entrato in funzione il Metrotram.
La nostra città, che investe energie e capitali ed è centro di eccellenza per la ricerca dei tumori infantili, viene inserita dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, per i dati sull’inquinamento da benzopirene, come una delle aree più a rischio, accanto a città industriali come Taranto e Venezia o metropoli come Milano e Torino. Ma oltre al traffico veicolare in città operano da molti anni due impianti a forte impatto ambientale: l’inceneritore di San Lazzaro, dal 1962, e l’acciaieria di Riviera Francia e Maroncelli, dal 1974, ma ci risulta che nessun organo istituzionale abbia prodotto una indagine sanitaria per analizzare i danni alla salute dei padovani causati da queste aziende.
L’aria tossica della nostra città colpisce maggiormente i bambini, la fascia della popolazione che paga prima di altri gli effetti dell’inquinamento. I dati sull’aumento dei casi di leucemie infantili lo confermano. Chiediamo pertanto al Sindaco, autorità sanitaria locale, e all’assessore all’ambiente quali provvedimenti intendono adottare per tornare nella legalità.

Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
13 gennaio 2011 9:57
Uova come riconoscerle
11 gennaio 2011 13:52
Padova, aria tossica in città. Da 10 anni è fuorilegge riguardo ad un potente cancerogeno, il benzoapirene.
Donazioni
TEMI CALDI
18 aprile 2014 (11 post)
recesso contratto dermal institute
18 aprile 2014 (8 post)
I fondi comuni a gestione attiva fanno peggio del mercato? Sì, ma le brutte notizie non sono finite...
18 aprile 2014 (14 post)
Cani antidroga scuole Chieti: tre studenti con marijuana...
18 aprile 2014 (29 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
17 aprile 2014 (15 post)
Droga, la parola ai consumatori
17 aprile 2014 (2 post)
Tlc e cattivi-pagatori. Verso la banca dati... un nuovo strumento dei gestori per vessare gli utenti?
17 aprile 2014 (1 post)
Droghe. Multe più basse e niente carcere per lo spaccio di lieve entità. Commissione Camera
17 aprile 2014 (1 post)
Rette per Residenze Sanitarie Assistenziali. Nuovo ISEE: chi paga?
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
23 marzo 2014 (60 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
16 aprile 2014 (32 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
18 aprile 2014 (29 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
21 marzo 2014 (29 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori