portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
RAI. ESPOSTO-DENUNCIA ALLA CORTE DEI CONTI PER MANCANZA DI TRASPARENZA E DANNO ERARIALE
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Pietro Yates Moretti, consigliere Aduc
12 marzo 2008 0:00
 
Oggi abbiamo inviato alla Procura Generale e alla Procura Regionale del Piemonte della Corte dei Conti un esposto-denuncia per la mancata pubblicazione sul sito web della Rai dei nomi e relativi importi percepiti dai consulenti e professionisti esterni. (1) Da oltre un anno infatti sul sito apposito predisposto dalla Rai per la pubblicazione di questi dati (clicca qui) appare la scritta "Lavori in corso".

Per legge, la mancata pubblicazione degli estremi dei contratti di consulenza comporta l'illegittimita' dei relativi pagamenti:
"Nessun atto comportante spesa ai sensi dei precedenti periodi puo' ricevere attuazione, se non sia stato previamente reso noto, con l'indicazione nominativa dei destinatari e dell'ammontare del compenso, attraverso la pubblicazione sul sito web dell'amministrazione o del soggetto interessato, nonche' comunicato al Governo e al Parlamento" (art. 3, comma 44 della legge 244/2007).

Sempre secondo la legge, in caso di violazione, la Rai e gli stessi consulenti sono tenuti al rimborso, a titolo di danno erariale, di una somma pari a dieci volte l'ammontare della somma illegittimamente erogata.

Da un'intervista del 25 febbraio 2008 alla trasmissione "Viva Voce" su Radio24 di Nino Rizzo Nervo, membro del Consiglio di Amministrazione Rai, si evince che l'azienda pubblica ha chiaramente violato la legge. Alla domanda del conduttore della trasmissione sulla mancata pubblicazione degli incarichi di consulenza, Rizzo Nievo ha risposto: "Lei mi da' una notizia che non conoscevo, io credevo che avesse gia' messo... francamente non lo sapevo, mi trovo impreparato, posso informarmi...". (2)



Questa e' la televisione pubblica di Stato! Il problema non si porrebbe se fosse stato rispettato quanto richiesto dagli italiani con un referendum, la privatizzazione. Fintanto che la Rai e' un soggetto pubblico si deve comportare come tale, rispettando quelle leggi che oggi invece viola con sprezzante disinvoltura.


Note:
(1) Testo integrale dell'esposto-denuncia: clicca qui(2) Ascolta l'intervista: clicca qui
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
COMUNICATI IN EVIDENZA
12 marzo 2008 0:00
RAI. ESPOSTO-DENUNCIA ALLA CORTE DEI CONTI PER MANCANZA DI TRASPARENZA E DANNO ERARIALE
Donazioni
TEMI CALDI
23 luglio 2014 (1 post)
La bufala dell' “imminente prelievo forzoso” dai conti correnti
23 luglio 2014 (1 post)
Investimenti sicuri
23 luglio 2014 (2 post)
Poste Italiane e Alitalia/Etihad. Continuera' lo spreco dei nostri soldi?
23 luglio 2014 (2 post)
Riserve ittiche. Sospendere la pesca per tre anni
22 luglio 2014 (1 post)
Gamberetti freschi?
22 luglio 2014 (1 post)
Bnl Immobiliare Dinamico
22 luglio 2014 (4 post)
Il calo massiccio degli insetti minaccia l'agricoltura, e non solo
22 luglio 2014 (1 post)
Quote rosa nelle società. Consiglio di Stato: garantiscono efficienza economica e funzionalità delle aziende
17 giugno 2014 (47 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
19 luglio 2014 (30 post)
Obbligazioni in euro. Una sola parola: vendere
18 luglio 2014 (23 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
30 giugno 2014 (20 post)
Cannabis riduce dimensione e forma spermatozoi. Studio
4 giugno 2014 (20 post)
Il problema dell'Italia non era il debito pubblico?
14 maggio 2014 (20 post)
Dipartimento politiche antidroga. Radicali: smantellarlo!
22 luglio 2014 (17 post)
Acquisto online
28 giugno 2014 (17 post)
La BCE e la prossima bolla azionaria
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori