testata ADUC
Roma Capitale. Gli storni portano la tubercolosi
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
4 gennaio 2016 10:08
 
 Nelle feci degli storni, che ricoprono il manto stradale, puo' annidarsi il germe della tubercolosi. Oltre a rendere scivolose le strade e a colpire i passanti, gli escrementi degli storni possono contenere il mycobacterium tubercolosis avio, un ceppo parente del germe della tubercolosi umana, che e' resistentissimo: essendo ricoperto da uno strato ceroso, puo' rimanare mesi nelle feci che gli storni lasciano sulle strade e che una volta seccati, vengono polverizzati, trasportati dal vento e respirati dall'uomo insieme al batterio. Il mycobacterium avio puo' provocare la tubercolosi nell'uomo, specie in soggetti debilitati e nei bambini che sono a minor distanza dal suolo. La soluzione sarebbe quella di una frequente pulizia delle strade e di avviare operazioni di contenimento della presenza degli storni.
Lo scrivemmo nel 1998 (!!!) al Sindaco di Roma di quell' epoca, Francesco Rutelli.
Sono passati ben 17 anni e tutto e' come allora. 
Pubblicato in:
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori