portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
 ITALIA - ITALIA - Tv digitale terrestre. La proposta Agcom su ordinamento canali su telecomando
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
17 aprile 2010 9:40
 
 Il Consiglio dell'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni ha approvato la consultazione pubblica sullo schema di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre e di modalita' di attribuzione dei numeri ai fornitori di servizi di media audiovisivi.
La materia è da mesi oggetto di discussione tra i soggetti interessati, in particolare da parte ci circuiti di tv locali. 
La consultazione avra' una durata di 15 giorni. Sulla base dei criteri previsti dalla legge, che attribuisce all'Agcom il compito di predisporre il piano dell'ordinamento automatico dei canali e al ministero dello Sviluppo Economico quello di assegnare le numerazioni per ciascun programma autorizzato, l'Autorita' ha posto a consultazione i seguenti criteri: i numeri da 1 a 9 ai canali generalisti tradizionali; i numeri da 10 a 19 alle emittenti locali ex analogiche di particolare valore e radicamento sul territorio; i numeri da 20 a 70 ai canali digitali nazionali suddivisi per generi di programmazione; i numeri da 71 a 100 alle altre emittenti locali. Per i numeri da 100 a 200 verra' ripetuta la stessa sequenza. Le numerazioni per i canali a pagamento partiranno dal numero 300, mentre i numeri da 500 a 599 saranno destinati alle trasmissioni in HD, i canali da 600 a 699 saranno invece dedicati ai servizi radio.
La consultazione servira', tra l'altro, ad approfondire gli aspetti relativi alle abitudini e preferenze degli utenti.
L'Autorita' ha anche previsto l'introduzione, per i decoder digitali, compresi i televisori integrati, una modalita' di navigazione aggiuntiva rispetto all'ordinamento automatico, che consentira' di visualizzare la lista di tutti i canali disponibili suddivisi per genere di programmazione. Tutto cio' al fine di facilitare l'uso dei decoder da parte degli utenti, e rendere meno rilevante il posizionamento dei canali sul telecomando. E' inoltre previsto che i provider potranno proporre delle liste personalizzate.
Lo schema di provvedimenti non desta consensi unanimi. 
Pubblicato in:
Consulenza
Ufficio reclami
NOTIZIE IN EVIDENZA
17 aprile 2010 9:40
ITALIA - Tv digitale terrestre. La proposta Agcom su ordinamento canali su telecomando
Donazioni
TEMI CALDI
22 aprile 2014 (1 post)
servizi H3G
22 aprile 2014 (5 post)
Padre uccide figlio tossicodipendente in ospedale, e si suicida
22 aprile 2014 (11 post)
I fondi comuni a gestione attiva fanno peggio del mercato? Sì, ma le brutte notizie non sono finite...
21 aprile 2014 (6 post)
Fecondazione assistita. Smantellata una legge crudele
20 aprile 2014 (1 post)
Un grande economista italiano ci ha lasciato
19 aprile 2014 (1 post)
Via libera del Congresso alle Forze Armate per combattere i narcos in alcune zone
19 aprile 2014 (1 post)
iscrizioni ipotecarie Equitalia
18 aprile 2014 (30 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
13 aprile 2014 (69 post)
Ministro Lorenzin: la droga fa male
23 marzo 2014 (44 post)
Da San Patrignano no a legalizzazione cannabis
12 aprile 2014 (44 post)
Acquisto online
16 aprile 2014 (32 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
18 aprile 2014 (30 post)
Legalizzazione cannabis. No della Regione Lombardia
27 febbraio 2014 (29 post)
Azioni antidroga polizia a scuola Bologna. Protestano studenti
18 aprile 2014 (29 post)
Un spinello fa male quanto 20 sigarette. Dpa
7 marzo 2014 (27 post)
Legge Fini-Giovanardi, dalla Corte Costituzionale un gravissimo J'accuse al legislatore
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori