testata ADUC
Arrestato a Miami per narcotraffico candidato alle presidenziali del Guatemala
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
18 aprile 2019 15:22
 
 L'annuncio che Mario Estrada, candidato alla presidenza del Guatemala per il partito Unión del Cambio Nacional (UCN), senza alcuna reale possibilità di vittoria alle urne nelle elezioni in giugno, piuttosto che una sorpresa diventa la conferma di come lo Stato sia stato permeato dalle mafie. La sua reale importanza dipende dal fatto che le indagini in corso possono determinare il grado di infiltrazione delle reti mafiose nella politica guatemalteca e le connessioni di Estrada con altre organizzazioni.
Il politico guatemalteco è stato arrestato mercoledì a Miami (Florida, USA) insieme a uno dei suoi uomini di fiducia, Juan Pablo Gonzalez Mayorga. Entrambi devono far fronte ad accuse di cospirazione per esportazione di cocaina nel Paese nordamericano, nonché per importazioni di armi di grande potenza. Una nota del Dipartimento di giustizia sottolinea che sia Estrada e Gonzalez hanno "cospirato per ottenere soldi dal cartello di Sinaloa per finanziare la campagna elettorale per la presidenza," non solo, ma per "aiutare il cartello ad utilizzare porti e aeroporti guatemaltechi per creare un un ponte per esportare tonnellate di cocaina negli Stati Uniti ".
Il rapporto del governo degli Stati Uniti sottolinea che le autorità hanno un video e registrazioni audio in cui Estrada e Gonzalez tramavano con agenti sotto copertura della DEA (agenzia antidroga statunitense) per ottenere milioni di dollari per finanziare la campagna elettorale e, cosa ancor più grave, assoldare assassini per uccidere i rivali politici e assicurarsi la vittoria. Se giudicati colpevoli, entrambi dovranno affrontare pene detentive tra 10 anni e l'ergastolo.
Per Thelma Aldana, ex procuratore generale e oggi candidato presidenziale ora guatemalteca, che ha dovuto far fronte a seri problemi legali gravi per registrare la sua candidatura, la cattura di Mario Estrada dovrebbe servire a far riflettere tutti. "Estrada", dice a EL PAÍS di El Salvador, "era già registrato per la candidatura". "Questo significa che chi non è limpido riesce a farsi riconoscere, mentre chi lo è e agisce correttamente incontra ostacoli. Il sistema in Guatemala è messo male e deve essere salvato." Inoltre, Aldana qualifica quello che è successo a Estrada come "oltraggioso per il Paese e deplorevole per i guatemaltechi confermando ciò che tutti già sappiamo, abbiamo uno stato compromesso e nelle mani delle mafie ".
"E' un increscioso per il Guatemala che una persona che per la quarta volta aspira ad essere il presidente sia arrestato con il sospetto di collegamenti con il traffico di droga", aggiunge l'analista indipendente Luis Linares, che fa notare come questo evidenzia la necessità di una CICIG (Commissione internazionale contro l'impunità in Guatemala, sponsorizzata dall'ONU), rafforzata perché la corruzione è una malattia "così grande che la medicina tradizionale non può essere sufficiente a curarla". "Espone il marciume della politica e spiega perché i suoi leader si oppongono alla CICIG", e sottolinea la sua speranza che aiutare a risvegliare i guatemaltechi possa essere fatto continuando nella lotta contro la corruzione, "condizione indispensabile per ripulire lo Stato".
"L'arresto mette in evidenza la corruzione diffusa negli ambienti politici e la minaccia che il traffico di droga rappresenta per lo Stato guatemalteco", dice per telefono il giornalista e sociologo Gustavo Berganza. In una certa misura, sostiene, è un riflesso di come lo Stato sia stato rapito dalle mafie. La chiave è quella di "stabilirne le ramificazioni", ed ha ricordato come Estrada sia riuscito a fare una fortuna incredibile in un periodo molto breve, dopo il passaggio al Ministero delle Finanze, fino al punto di diventare uno dei padrini dell'ex presidente Alfonso Portillo, entrambi dello stesso partito politico.
Juan Pablo González ha finanziato la campagna precedente di Sandra Torres, alleata del presidente Jimmy Morales e che secondo i sondaggi sarebbe favorita per l’elezione a capo di Stato e di governo in occasione delle elezioni di giugno. Gonzaàlez le ha anche messo a disposizione un elicottero. Inoltre Giuseppe Degenhart, fratello del Ministro degli Interni e l'ex commissario di Morales per la questione dei migranti, Marvin Merida, sono candidati per il seggio di deputati con l’UCN.
I sospetti che lo stato sia stato fatto proprio da parte delle mafie sono aumentati quando, nelle ultime settimane, quattro aerei sono atterrati su piste clandestine e la polizia si è rifiutata di raggiungerli, "perché la popolazione civile ha impedito loro di passare" . Dopo alcuni giorni, gli aerei sono "scomparsi" dal territorio guatemalteco.

(articolo di José Elìas, pubblicato sul quotidiano El Pais del 18/04/2019)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori