testata ADUC
Aumento del livello del mare: tre scenari di una futura vacanza estiva sulla costa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
3 agosto 2020 13:28
 
 La pandemia di COVID-19 assicurerà che l'estate 2020 sia un vero toccasana per la gran parte. Con le restrizioni ai viaggi internazionali che limitano le vacanze all'estero, molte persone nel Regno Unito hanno deciso di stare da qualche parte vicino a casa. Di conseguenza, ci sono stati notevoli aumenti del numero di visitatori delle spiagge in tutto il Regno Unito. Migliaia di persone si sono riversate su una spiaggia a Bournemouth in un solo giorno di giugno, facendo dichiarare un grave assembramento al consiglio comunale locale.
Ma ci aspettano problemi di gran lunga maggiori per le nostre vacanze estive. Circa la metà di tutto il turismo si svolge nelle zone costiere, ma con il riscaldamento globale che farà innalzare il livello del mare di circa due metri nei prossimi 80 anni, come cambierà il nostro rapporto con la costa?
Ricorderemo i vecchi litorali mentre staremo molto di più sulla terra sommersa? Ricreeremo la spiaggia nel cuore delle nostre città? O preserveremo la costa sommersa come riserva naturale - un tranquillo memoriale di ciò che è stato perso?
Abbiamo immaginato tre diverse scenari di come potrebbe essere una vacanza al mare mentre i cambiamenti climatici eclissano la costa che un tempo conoscevamo.

1. Galleggiante nello stessa posizione
L'innalzamento del livello del mare può sembrare una minaccia lontana, ma i resort e gli altri operatori turistici stanno già considerando come poter stare vicino alla costa e operare al di sopra dell'acqua. Sull'isola caraibica di Barbuda, le capanne dei resort sono state costruite su palafitte.
L'obiettivo è mantenere il turismo sostenibile nello stesso luogo in cui ha prosperato per decenni, riducendo al minimo i danni causati da livelli più alti di acqua.
Seasteading è una risposta a questo enigma. L'idea di costruire insediamenti su piattaforme in mare è nata con la speranza di creare società più sostenibili e uguali lontano dalla terra. La tecnologia è ancora in fase di sviluppo, mentre i ricercatori considerano le implicazioni ingegneristiche, legali e commerciali.
Una nuova ricerca suggerisce che inondazioni costiere potrebbero minacciare fino al 20% del PIL globale entro il 2100, gran parte del quale legato all'industria del turismo. Il turismo potrebbe invece diventare una nuova fonte di reddito per le marine. Dato lo spazio costiero in diminuzione per i turisti, la creazione di nuovi spazi in mare potrebbe essere un modo per affrontare il problema dell'innalzamento del livello del mare.
 
2. Portarsi la spiaggia
La spiaggia urbana è un concetto che sta crescendo in popolarità in tutto il mondo. Implica la creazione di aree sabbiose nelle città importando sabbia sul cemento. Ci possono essere anche piscine artificiali e giostre. Ognuno ha caratteristiche diverse. Ci sono opzioni per famiglie, e quelle per gli adulti, con cocktail bar o ristoranti.
Le opportunità per divertirsi sono ancora lì, ma invece di percorrere miglia per goderne, è proprio a portata di mano. Meno viaggi significa meno emissioni di carbonio e le spiagge urbane potrebbero aiutare ad allentare la pressione sulla costa reale.
Forse la spiaggia urbana più famosa è la Plage di Parigi. Dalla sua apertura nel 2002, i parigini e i turisti estivi hanno potuto rilassarsi sotto le palme sulle rive della Senna. La sua creazione è costata oltre due milioni di euro e da allora è stata estesa grazie alla sua popolarità.
La Riviera di Nottingham è un tentativo di riproporre questo successo nel Regno Unito. La spiaggia senza sbocco sul mare nel centro della città ha sabbia e acqua, sale giochi e bar sulla spiaggia.
La spiaggia urbana sta diventando un'industria in sé, con aziende specializzate in spiagge finte che possono essere costruite come infissi stagionali o aree permanenti. Se raggiungere la costa diventa troppo arduo in futuro, questi esempi potrebbero fornire tutto il necessario per un'esperienza al mare senza il mare.
 
3. Ricostruzione della costa
Forse la soluzione più pragmatica è accettare la natura che fa il suo corso e rinunciare al controllo mentre i mari nascenti rimodellano il terreno. Permettere al nuovo litorale di ricostituirsi potrebbe creare milioni di acri di nuove zone umide - habitat che sono molto in grado di immagazzinare carbonio e che si sono deteriorati di circa il 50% dal 1900.
Esempi ad Hong Kong, Spagna e Wallasea Island nel Regno Unito dimostrano come, trasformare aree costiere fortemente gestite in nuovi habitat, può creare nuove opportunità per la fauna selvatica e le persone.
Anche l'isola messicana, Mayakoba. Le sue uniche foreste di mangrovie sono state danneggiate e inquinate dalla costruzione di numerose catene alberghiere sul lungomare, ma oggi solo il 10% di questi hotel rimane sulla costa.
La comunità locale ha abbandonato il suo modello di turismo ad alta densità e ha protetto le dune e le mangrovie, che erano state erose da uno sviluppo eccessivo. Nuove reti di canali sono state scavate per creare un estuario, attirando uccelli e anfibi. Questa nuova zona umida è stata designata come riserva naturale e i visitatori sono arrivati per godere di un nuovo tipo di esperienza turistica.
Il numero dei visitatori e le attività in spiaggia sono state ridotte per garantire la protezione degli ambienti costieri sensibili. Ma consentire al mare di rientrare nel territorio costiero bonificato, ha permesso a un modello di turismo più sostenibile di prosperare, cosa che potrebbe essere replicata altrove con l'innalzamento del livello del mare.
Ma prima che ciò accada, i nostri panorami delle coste devono cambiare. Gli umani una volta vedevano la terra e il mare come un tutt’uno con se stessi, piuttosto che due entità separate. Rianimare questo concetto potrebbe permetterci di navigare in un futuro in cui una volta certi confini si sono confusi oltre la loro stessa realtà.

(Articolo di Nick Davies – ricercatore in Sustainable Cities and Transport, University of Salford – e David Jarrat – docente in Tourism Management, University of Central Lancashire, pubicato su The Conversationa del 31/07/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori