testata ADUC
Il cambiamento climatico avrà conseguenze su chi nasce oggi
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
15 novembre 2019 11:32
 
 Asma e rischi cardiaci dovuti all'aria inquinata, alle infezioni e alla malnutrizione dovute al riscaldamento globale ... Se non si fa nulla contro i cambiamenti climatici, la salute dei bambini nati oggi sarà sempre più minacciata lungo le loro vite. Così fanno sapere alcuni esperti in un rapporto pubblicato giovedì. "I cambiamenti climatici definiranno la salute di un'intera generazione", afferma il dott. Nick Watts, responsabile di questo rapporto. Pubblicato sulla rivista medica The Lancet poche settimane prima della conferenza internazionale sul clima (COP25), sembra un'eco delle paure per cui la svedese Greta Thunberg sia diventata l'emblema nel mondo.

L'inquinamento atmosferico interesserà i bambini nati oggi
"Se le cose rimangono come sono, con elevate emissioni di carbonio e cambiamenti climatici che continuano allo stesso ritmo, un bambino nato oggi vivrà in un mondo più caldo di 4 gradi in media all'età di 71 anni, e questo minaccerà la sua salute in tutte le fasi della sua vita, scrivono gli autori. I bambini sono particolarmente vulnerabili ai rischi per la salute dei cambiamenti climatici. I loro corpi e sistemi immunitari si stanno ancora sviluppando, rendendoli più vulnerabili a malattie e sostanze inquinanti", afferma il Dr. Watts dell'Institute for Global Health dell'Università di Londra.
Tuttavia, le conseguenze sulla salute "continuano fino all'età adulta" e "durano una vita", per cui è necessaria "un'azione immediata da parte di tutti i Paesi per ridurre le emissioni di gas a effetto serra". .
Questo rapporto è l'edizione 2019 di un documento pubblicato annualmente da The Lancet. Intitolato "Conto alla rovescia per salute e cambiamenti climatici", misura 41 indicatori chiave su questi due argomenti ed è realizzato in collaborazione con 35 istituzioni, tra cui l'OMS (Organizzazione mondiale della sanità), la Banca mondiale e alcune università.
Quest'anno i ricercatori si stanno concentrando sulla salute dei più piccoli. Tra le loro preoccupazioni c'è l'inquinamento atmosferico. "Durante l'adolescenza e fino all'età adulta, un bambino nato oggi respirerà più aria tossica, causata da combustibili fossili e aggravata dall'aumento delle temperature", afferma il rapporto.


Zanzare, vettori di infezioni
"Ciò è particolarmente dannoso per i giovani perché i loro polmoni si stanno ancora sviluppando", aggiungeil rapporto elencando le potenziali conseguenze: "Diminuzione della funzionalità polmonare, peggioramento del rischio di asma e aumento del rischio di infarto e ictus". Secondo il rapporto, "le emissioni globali di CO2 da combustibili fossili continuano ad aumentare (aumento del 2,6% tra il 2016-2018)" e "i decessi prematuri correlati a (particelle fini) PM 2,5 ristagnano a 2,9 milioni nel mondo.
Un altro temuto effetto del cambiamento climatico è l'aumento delle epidemie di malattie infettive, a cui i bambini sono particolarmente sensibili. Il motivo è la transizione verso un clima più caldo e più piovoso. Ciò favorirebbe lo sviluppo di batteri responsabili di malattie diarroiche o colera, nonché la diffusione di vettori di infezione da zanzare.
"Spinta dal cambiamento climatico, la febbre dengue è la malattia virale trasmessa dalle zanzare a più rapida diffusione nel mondo", avverte il rapporto. "Nove dei dieci anni in cui è avvenuta la trasmissione della dengue si sono verificati dal 2000, consentendo alle zanzare di invadere nuovi territori in Europa", hanno detto i ricercatori.

È necessario limitare il riscaldamento a meno di 2 gradi C
I ricercatori sono anche preoccupati per i fenomeni di malnutrizione che potrebbero causare un aumento delle temperature, con conseguente diminuzione dei raccolti e quindi un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari.
Infine, più in generale, gli autori del rapporto sottolineano che un bambino nato oggi sarà sempre più esposto a eventi meteorologici estremi: ondate di calore, siccità, inondazioni o incendi boschivi. Questi ricercatori ritengono fondamentale "limitare il riscaldamento a meno di 2 gradi C" come previsto nell'accordo di Parigi. E affermano che "gli impatti dei cambiamenti climatici sulla salute sono in prima linea nell'agenda della COP25" all'inizio di dicembre a Madrid.

(da un lancio dell’agenzia AFP – France Press – del 14/11/2019)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori