testata ADUC
Cannabis ricreativa legale. Boom di vendite i primi giorni in Illinois
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
11 gennaio 2020 18:24
 
 Gli acquirenti hanno speso quasi 3,2 milioni di dollari in erbe legali nell'Illinois il primo giorno di vendita di marijuana ricreativa lo scorso 1 gennaio, cifra record di qualsiasi StatoUsa nella storia della legalizzazione della marijuana.
"Ciò è particolarmente impressionante se si considerano le lunghe attese, la carenza di approvvigionamento e il prezzo altissimo dei prodotti disponibili in un numero limitato di dispensari aperti", ha dichiarato Bethany Gomez, amministratore delegato della società di ricerca sulla cannabis Brightfield Group.
Trentasette dispensari hanno iniziato a vendere erba il 1 gennaio in Illinois, di cui nove a Chicago. Mentre le code si diravano attorno ai palazzi e attraverso i quartieri, i dispensari distribuivano caffè, ciambelle e pizza gratis alle persone che aspettavano al freddo. Lo Stato ha fatto sapere che gli acquirenti, molti dei quali desiderosi di essere partecipi alla fine della proibizione della marijuana, hanno effettuato oltre 77.000 acquisti presso i dispensari.
Alcuni dispensari erano così affollati che hanno dovuto allontanare i clienti, e molti sono stati invitati a tornare il giorno successivo. Molti distributori stanno limitando la quantità di clienti che possono acquistare a causa della carenza di prodotti in tutto lo Stato.

"I dispensari si aspettavano lunghe file", ha dichiarato Chris McCloud, portavoce dell'Illinois Supply and Provisions, che ha dispensari a Collinsville e Springfield. "Questo è probabilmente anche più di quello che avevano previsto in termini di domanda."
Il 1 gennaio, hanno servito circa 3.000 persone in entrambi i suoi dispensari. Questa è una crescita 10 volte maggiore di quella che i negozi in genere affrontano "in una giornata molto buona" quando le vendite erano limitate alla cannabis terapeutica, ha detto McCloud.
Il negozio di Collinsville era l'unico dispensario che vendeva marijuana ricreativa nella zona di St. Louis. McCloud ha detto di aver parlato con persone che erano venute dal Missouri, Iowa, Kentucky e Wisconsin.

I consumatori dovrebbero spendere 420 milioni di dollari nei distributori dell'Illinois quest'anno, prevede ilBrightfield Group. Nel 2023, le vendite di marijuana nello Stato potrebbero raggiungere $ 1,3 miliardi, facendo a gara con le vendite in Colorado. Complessivamente, le vendite di cannabis negli Stati Uniti dovrebbero raggiungere $ 22,7 miliardi entro il 2023, inclusi $ 16,8 miliardi di cannabis ricreativa.

Nel Michigan, l'unico altro stato del Midwest che consente l'erba legale, la gente ha speso $ 221.000 il primo giorno di commercio legale. Ma solo tre dispensari erano disponibili in quella occasione.
L'Illinois era "molto più pronto, e aperto dal primo giorno", ha dichiarato Andrew Freedman, co-fondatore della società di consulenza Freedman e Koski.
Il primo giorno di vendite dell'Illinois è caduto il giorno di Capodanno, un giorno di vacanza per molti che hanno avuto più tempo di aspettare nelle lunghe file che si sono formate.
Inoltre, l'Illinois è il più popolato di altri Stati occidentali. Le vendite di marijuana durante la prima settimana in Colorado nel 2014 erano state per $ 5 milioni, secondo Brightfield Group. La prima settimana di Washington è stata di $ 2 milioni.

L'Illinois non ha, al momento, resa nota la quantità di entrate fiscali per il primo dell’anno.
Le tasse sulla marijuana variano in base al prodotto e al contenuto di THC, che viene indicato sulla confezione. I prodotti a base di marijuana saranno tassati al 20%. Tutta la marijuana con il 35% di THC o meno sarà tassata al 10% e la marijuana con contenuto di THC superiore al 35% sarà tassata al 25%. Questo in aggiunta alle normali tasse di vendita statali e locali. I Comuni possono anche riscuotere fino al 3% delle tasse sulla marijuana e molti, tra cui Deerfield e Buffalo Grove, hanno già deciso di farlo.

Le lunghe code nei negozi di marijuana dovrebbero durare ancora per diverso tempo.
"Non riesco a immaginare che (le code) siano durate fino a ieri", ha detto Kris Krane, presidente e co-fondatore di 4Front Ventures, proprietario del dispensario Mission South Shore nel quartiere di South Chicago. "Ma immagino che avremo delle code solo per i prossimi giorni".
Prima che la Mission aprisse il 2 gennaio, la coda si estendeva lungo tutto il lato dell'edificio. Altri dispensari di Chicago avevano delle code che serpeggiavano lungo i blocchi e dietro gli angoli, con la gente aspettava nei parcheggi e per strada.
Cinquecento persone sono state in fila a Rise Mundelein a un certo punto del 2 gennaio mattina, e centinaia di persone si sono riversate nel dispensario Sunnyside Lakeview del Cresco Lab.
"Le nostre file alle 10 del mattino sono state esattamente come quelle che abbiamo visto il 1 gennaio, anche maggiori", ha detto il portavoce del Cresco Jason Erkes.

Il fiore di marijuana, o il germoglio essiccato che può essere fumato, è oggi molto carente sul mercato. La carenza si è verificata in quasi tutti gli Stati che sono passati dalle vendite di cannabis terapeutiche a quelle ricreative. Gomez, del gruppo Brightfield, ha rilevato come, spesso, anche le carenze causano prezzi elevati. Proprio come sta già accadendo in Illinois.
"Abbiamo visto prezzi fino a $ 20 per un comune joint (rispetto agli $ 8-14 nei mercati più assestati), le cartucce di vaporizzazione per $ 70 e il più eclatante è un'oncia da 1/8 venduta per $ 80 (rispetto ai $ 35 nei mercati più assestati o per strada)", ha detto Gomez.

Normalmente ci vogliono circa 18 mesi perché l'offerta ricreativa inizi a soddisfare la domanda, con l'apertura di molti dispensari autorizzati.
In Illinois, i negozi di marijuana sono tenuti per legge a garantire di avere abbastanza prodotti per i clineti di cannabis medica. Sebbene alcuni dispensari abbiano sperimentato alcune carenze di prodotti da prima dell'inizio delle vendite ricreative, la maggior parte dei limiti di acquisto sono per i clienti di quella ricreativa.
Le forniture di prodotti continueranno ad arrivare nei negozi intorno all'Illinois, ma le disponibilità potrebbero rimanere scarse in alcuni dispensari.
"Ho davvero solo alcune barrette di cioccolato", ha detto Gorgi Naumovski, manager dei dispensari Thrive nella contea di Anna e Harrisburg, il 2 mattina. "Abbiamo una consegna in arrivo oggi, un'altra domani, quindi proveremo solo a vedere come va."
Insieme, i due dispensari hanno servito quasi 1.200 clienti il 1 gennaio e la gente si è messa di nuovo in fila il 2 mattina. I tempi di attesa sono stati più brevi il 2 - forse 1 ora e mezza invece di tre o quattro. I commessi hanno informato i clienti in attesa della carenza, ma alcuni hanno detto che erano disposti ad aspettare in fila solo per vedere l'interno di un dispensario.
"Sono solo felici", ha detto Naumovski. "Dicono: "Beh, se non possiamo comprare, guarderemo come è fatto il tuo locale.""
NuMed ha esaurito i fiori in tutte e tre le sue sedi il 1 gennaio, così come ha fatto sapere il suo manager Keith McGinnis. …. E si è chiesto se la gente avesse scelto di fumare erba invece di andare in un bar venerdì e sabato sera.
Steve Weisman, CEO di Windy City Cannabis, che ha dispensari in Posen, Homewood, Worth and Justice, ha evidenzato la stessa situazione. …..
"Sospetto che anche questo fine settimana sarà abbastanza pazzo", ha detto. "Sulla base della mia esperienza in altri Stati e in considerazione di ciò che ho visto in tutto il Paese, suppongo che la situazione sarà un po' folle per le prossime due settimane".

(articolo di Ally Marotti pubblicato sul Chicago Tribune del 03/01/2020)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori