testata ADUC
Compianto per le vittime pasquali nello Sri Lanka
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Annapaola Laldi
23 aprile 2019 11:35
 
  Nella chiesa cattolica, a cui apparteneva la maggioranza delle vittime degli atroci attentati del giorno di Pasqua, esiste un inno che in latino si intitola Victimae paschali laudes (Lodi alla vittima pasquale). La vittima pasquale lì è Gesù Cristo che, come dice il testo, “ha riconciliato i peccatori col Padre” col suo sacrificio sulla croce.
Con profondo rispetto e commossa pietà accosto a quello di Gesù di Nazaret il sacrificio, a cui, ignari, sono andati incontro donne, uomini, vecchi e bambini dello Sri Lanka proprio mentre celebravano la Resurrezione del Signore.
Questo giorno di festa, per loro e per i loro cari, si è trasformato in un venerdì santo, un giorno di passione e morte. Atrocità su atrocità. Follia su follia.
E’ in queste modeste chiese periferiche sventrate da furia suicida e omicida che pulsa davvero il cuore cristiano (e umano in generale) ferito, per il quale intonare cori di compassione.
Almeno per me è così.

Per ascoltare  l’inno gregoriano clicca QUI  

 
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori