testata ADUC
Il Covid-19 come non l'avete mai visto
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
30 maggio 2020 11:27
 
Il quotidiano britannico Financial Times ha raccolto diversi dati epidemiologici per tracciare un ritratto statistico della pandemia di coronavirus.
Durante una pandemia, i giornalisti economici del Financial Times, il principale periodico negli ambienti economici europei, sono diventati epidemiologi. Più abituato a manipolare i dati relativi alla produzione, alla redditività e alla crescita, il team del giornale ha invece esaminato il numero di morti e contaminazioni paese per paese. Il Financial Times ha quindi messo insieme una quantità di dati epidemiologici completi aggregando migliaia di dati statistici, rendendo così possibile valutare appieno l'entità di una pandemia che ha ucciso quasi 350.000 persone fino ad oggi.

La pandemia da est a ovest
La documentazione epidemiologica del Financial Times ripercorre il corso della SARS-Cov-2. Nonostante l'accelerazione della globalizzazione, l'attuale pandemia, come le precedenti, ha colpito diverse regioni del mondo a sole poche settimane di distanza. Il coronavirus ha colpito per la prima volta l'Asia meridionale a gennaio, prima con la Cina, la culla dell'epidemia, poi con i suoi vicini coreani, giapponesi e thailandesi. L'epicentro dell'epidemia si è poi trasferito in Europa occidentale (Italia, Spagna, Francia, Regno Unito) a marzo e poi negli Stati Uniti ad aprile. Secondo gli ultimi dati, è ora l'America Latina (e in particolare il Brasile) a diventare il nuovo punto caldo dell'epidemia.

Stato per stato, i dati raccolti dal Financial Times aiutano a determinare se e quando un Paese ha superato il picco dell'epidemia. …. Mentre gli Stati europei hanno registrato il loro picco a metà aprile, gli Stati Uniti hanno registrato un lento declino della mortalità solo dall'inizio di maggio, mentre continua ad aumentare bruscamente in Brasile (moltiplicazione per sei della mortalità in un mese).

La mortalità generale è aumentata del 67% nel Regno Unito ma stabile in Danimarca, Islanda, Norvegia e Israele
Oltre al rapporto ufficiale del Paese, i giornalisti del Financial Times hanno osservato l'aumento della mortalità generale. Secondo la maggior parte degli epidemiologi, questo aumento fornisce un quadro più fedele dell'epidemia, poiché consente di compensare le disparità tra i Paesi quando si tratta di screening delle capacità e del censimento dei morti (alcuni Stati continuano a contare solo i decessi in ospedale).


L'analisi della mortalità in eccesso suggerisce purtroppo che il bilancio effettivo dell'epidemia sia molto più pesante di quello che emerge dal conteggio ufficiale delle vittime. Il 26 aprile, il Financial Times aveva ipotizzato che il Covid-19 avrebbe potuto uccidere il 60% in più di persone rispetto a quanto annunciato ufficialmente.

Questa disparità tra bilancio ufficiale e bilancio reale non riguarda solo i Paesi poveri, con uno screening limitato e un'organizzazione precaria. Nel Regno Unito, l'analisi della mortalità in eccesso generale (+ 67%) porta a un bilancio di 54.000 morti in più dall'inizio dell'epidemia, ben al di sopra delle 37.000 morti ufficiali.

Le città con la più alta densità di popolazione sono logicamente le più colpite dall'epidemia: la mortalità per tutte le cause è aumentata del 400% a New York, del 170% a Madrid, del 100% a Parigi.

E ora la crisi economica
Infine, gli analisti del Financial Times hanno confrontato le risposte di diversi Paesi alla pandemia, utilizzando un "indice di contenimento" sviluppato dall'Università di Oxford. Più un governo è restrittivo (come la chiusura di scuole o il divieto di manifestazioni), maggiore è l'indice di contenimento dello Stato. In totale, 140 Paesi in tutto il mondo hanno adottato misure più o meno drastiche di distanziamento sociale. A metà aprile, 4,5 miliardi di persone, ovvero il 58% della popolazione mondiale, è stata messa in isolamento.

Nelle ultime settimane, Asia, Europa e Stati Uniti hanno iniziato a revocare queste misure e ad intraprendere la prudente strada del deconfinamento, al fine di evitare di aggravare una crisi economica che promette di essere su una scala senza precedenti. È probabile che i giornalisti del Financial Times rinuncino presto al loro nuovo look epidemiologico per tornare al settore storicamente scelto.

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori