testata ADUC
Donne nel narcotraffico. A Puebla/Mexico diverse emulano il personaggio di Pérez-Reverte, sono le ‘Reine del Sur’
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
10 agosto 2020 11:32
 
 Dominato dagli uomini, nel mondo del narcotraffico ci sono state anche donne che hanno guidato i cartelli della droga più potenti e sanguinari. Cecilia "V", catturata venerdì 7 agosto, era la terza donna con il soprannome di Reina del Sur arrestata nell'ente federale di Puebla, in Messico.
I tre trafficanti di droga hanno sfidato le regole convenzionali del mondo della droga nel paese e hanno dimostrato che anche loro possono essere leader di organizzazioni criminali. Da qui il suo pseudonimo: si riferisce al personaggio scritto dalla spagnola Arturo Pérez Reverte, Teresa Mendoza, e che si suppone sia basato sul trafficante di droga Sandra Ávila.

Un'analisi del Washington Office for Latin American Affairs (WOLA) ha riportato che "incarcerando sempre più donne per questo tipo di crimine, lo Stato (messicano) non ha tenuto conto delle condizioni di vulnerabilità, come povertà ed emarginazione, che le hanno portati a svolgere tali attività; né lo sono le storie di violenza, soprattutto sessuale, che molte di loro hanno subito”.

“Sono vittime di una politica antidroga fallita e di un sistema che punisce chi ha meno”, ha dichiarato l'organizzazione. “Questa, ovviamente, non è giustizia: non risolve l'insicurezza in cui viviamo, né riduce la produzione o il traffico di droga”.

Liliana Hernández Carlos, la prima Reina del Sur arrestata
Alcuni componenti della Segreteria della Marina Militare e della Polizia statale e municipale hanno fatto parte dell'operazione per arrestare la prima Reina del Sur di Puebla nel 2018; una giovane donna ricercata come pericolosa criminale, accusata di guidare una banda specializzata in furti di carburante.

Il Procuratore Generale dello Stato di Puebla la arrestò insieme al Segretariato per la Pubblica Sicurezza. Di lei si sapeva poco: il suo nome, Liliana “H”, e un'unica immagine che è circolata sui social dopo il suo arresto.

La sua cattura è avvenuta la mattina presto in una casa nel quartiere di Arboledas de Loma, nella città di Puebla.

Le autorità indicano Liliana Hernández Carlos come quella che ha preso il potere dal "leader huachicolero" Jesús Martín Mirón, El Kalimba, giustiziato alla fine del 2017 mentre stava subendo un intervento chirurgico per cambiare le sue impronte digitali e il viso, e quindi ottenere una nuova identità, nella zona dei furti di carburante del comune di Santa María Xonacatepec.

È anche accusata di tre omicidi intenzionali: il più giovane era una vittima di 12 anni che è stata colpita cinque volte, una alla testa. In un altro di questi omicidi ha firmato col suo nome su un foglietto appeso sul corpo della vittima. I resti umani sono stati mangiati dai cani nel Periférico de Puebla, all'altezza del Centro sociale di riadattamento San Miguel. "Così imparano a non scherzare con la Reina del Sur", diceva il messaggio.

La sicurezza ha riferito che Liliana "H" controllava, su piccola scala, il traffico di droga o lo spaccio di droga nella parte meridionale della città di Puebla.

Durante la detenzione de La Reina del Sur, le autorità hanno sequestrato, in via non ufficiale, almeno 100 dosi di crystal, 50 di eroina, 40 chili di marijuana e armi, secondo la stampa locale.

Le prime notizie indicavano che il leader Huachicolera era stato arrestato da solo. Tuttavia, in seguito è stato chiarito che avevano arrestato anche altri quattro dei suoi complici: Juan Carlos Damián "A", José Froylan "L", María Carlos "M" e un uomo ancora non identificato.

Beatriz “T”, la seconda Reina del Sur a Puebla
 
La seconda regina del sud arrestata nello stato di Puebla, e la meno conosciuta, è Beatriz “T”. È stata arrestata nel novembre 2019 nel quartiere di Minerales del Sur, nella capitale dello stato, dopo una sparatoria tra agenti di polizia statale e municipale e la sua banda.

Mentre erano in prigione si sono incontrati e hanno mantenuto la loro relazione sentimentale all'interno della stessa. Inoltre, i rapporti hanno indicato che hanno speso 75.000 pesos per autorizzare la cerimonia del matrimonio.

All'inizio di questo luglio, Beatriz "T" si è sposata all'interno del Centro de Readaptación Social (CERESO) di Ciudad Serdán con un ex poliziotto municipale di Cuautlancingo di nome Juan Carlos, che apparteneva al gruppo criminale Los Mollejas, mentre cercava di rapinare un’abitazione.

Cecilia "V", la terza Reina del Sur arrestata
 
Questo venerdì 7 agosto, Cecilia "V", La Reina del Sur, è stata catturata a Puebla, ha riferito la Segreteria di Stato della Pubblica Sicurezza (SSP). Si tratta di uno dei principali obiettivi della sicurezza del governo statale.

La Regina del Sud è stata catturata nel comune di Ahuazotepec da agenti della Polizia di Stato. In un comunicato si riporta che la trafficante di droga era in possesso di circa 100 confezioni contenenti una polvere con caratteristiche simili alla cocaina.

Il rapporto dall'area di intelligence della SSP ha riferito che questa donna una relazione con Juan "L", El Moco, che ha legami criminali con Óscar "N", El Loco Téllez, e lavora in questa regione dello stato con due uomini identificati come La Hierba e El Orejas.

Cecilia "V" è legata al furto di carburanti e al trasportoclandestino di merci, nonché alla vendita di droga e armi per la banda guidata in precedenza da Óscar "N", El Loco Téllez, recentemente arrestato.

I comuni di Ahuazotepec, Huauchinango, Zacatlán, Chignahuapan e San Martín Texmelucan erano le principali aree di attività criminale de La Reina del Sur. Il comunicato delle Autorità ha confermato che Cecilia "V" era considerata uno degli obiettivi prioritari della strategia criminale SSP a Puebla.

(da un articolo pubblicato su Infobae del 08/08/2020)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori