testata ADUC
Gli europei bianchi associano volti neri a concetti negativi. Mappa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
8 agosto 2018 10:26
 
 Dal 2002, migliaia di persone di tutto il mondo sono entrate in un sito Web gestito dall'Università di Harvard chiamato Project Implicit e hanno eseguito il test dell'associazione (TAI), un test di risposta rapida che misura la facilità con cui gli stessi possono essere utilizzati, abbinando elementi di diverse categorie. Il risultato è questa nuova mappa che mostra con quanta facilità i bianchi europei associano volti neri a concetti negativi.
Per creare questa mappa, utilizziamo i dati di una versione del test che presenta facce bianche o nere e parole positive o negative. Ogni Paese è colorato in base al punteggio medio dei suoi partecipanti. I Paesi nei toni rossi mostrano una polarizzazione media più alta e i Paesi nei toni blu mostrano una polarizzazione media più bassa, come indicato dalla scala della parte superiore.

 
Come una mappa simile preparata per gli Stati degli Usa, questo studio mostra una variazione nella portata del pregiudizio razziale, ma in tutti i Paesi europei questo fenomeno si osserva quando si confrontano le persone in bianco e nero.
Pertanto, le persone impiegano più tempo ad associare la razza nera a parole positive come buone o piacevoli e impiegano meno tempo ad associare la razza nera a concetti negativi come cattivo o sgradevole. Ma in Paesi come la Repubblica ceca o la Lituania ci vuole meno tempo per stabilire il rapporto tra la razza nera e i concetti negativi rispetto a Slovenia, Regno Unito o Irlanda.
Nessun Paese ha ottenuto un punteggio medio inferiore allo zero, il che indicherebbe associazioni positive. In effetti, nessuno ha ottenuto un punteggio medio nemmeno vicino allo zero, il che rivelerebbe che non ci sono associazioni razziali positive o negative.
Pregiudizi impliciti
Abbiamo il punteggio di 144.038 bianchi europei raccolti tra il 2002 e il 2015. La dimensione del campione di ciascun Paese è indicata sul lato sinistro.
A causa del design del test, è molto difficile controllare il punteggio. Molte persone, anche quelle che hanno ferme convinzioni non razziste e persino anti-razziste, dimostrano un pregiudizio implicito nel test. Il significato esatto di questo risultato è controverso, ma crediamo che rifletta le associazioni automatiche che rimangono nelle nostre menti, associazioni che si sviluppano nel corso degli anni.
Sebbene sia possibile che, come individui, non abbiamo convinzioni razziste, i concetti che associamo alla razza possono essere frutto di una cultura che descrive sistematicamente persone di diversi gruppi etnici in modo più o meno negativo. Pertanto, il TAI, che è solo un modo per misurare la psicologia individuale, può anche essere utile se i punteggi degli individui vengono aggiunti per fornire un'immagine del mondo in cui viviamo.
Il risultato finale offre dettagli su ciò che abbiamo già intuito: che in Europa l'atteggiamento nei confronti della razza non è neutrale. I bianchi fanno associazioni negative con la razza nera, e ci sono alcuni modelli interessanti su come l'intensità di queste immagini varia nel continente.
In generale, nell'Europa settentrionale e occidentale, le associazioni contro i neri sono meno intense. Mentre se ti sposti a sud e ad est, queste associazioni negative tendono ad aumentare, ma non ovunque. I Balcani sembrano essere un'eccezione rispetto ai Paesi vicini. Questo è dovuto al fatto che le persone nei Balcani hanno conosciuto Project Implicit o perché i loro pregiudizi non sono orientati su un asse bianco-nero? Per ora, possiamo solo ragionarci sopra.
Domande aperte
Quando si interpreta la mappa, è necessario prendere in considerazione almeno due avvertimenti.
Il primo è che i punteggi riflettono solo gli atteggiamenti razziali in una dimensione: corrispondenza bianco/nero con buono/cattivo. I nostri sentimenti nei confronti dei gruppi etnici hanno molte più dimensioni che non si riflettono in questa.
Il secondo è che i dati provengono da persone europee che visitano il sito Web di Project Implicit of the US, che è in inglese. Pertanto, il campione riflette un sottogruppo della popolazione europea che ha più familiarità con Internet del solito. Sono probabilmente più giovani e più cosmopoliti. È probabile che questi fattori riducano al minimo la portata del razzismo implicito in ogni Paese, quindi è probabile che i veri livelli di razzismo implicito siano più alti di quelli mostrati in questa analisi.
Questa mappa è stata possibile perché Project Implicit pubblica i suoi dati attraverso Open Science Framework. Questo sito Web consente agli scienziati di condividere la materia prima e i dati grezzi dei loro esperimenti, che consente a chiunque di rivedere il proprio lavoro o di analizzare nuovamente i dati, come abbiamo fatto qui. Credo che strumenti aperti e metodi di pubblicazione come questi siano necessari per rendere la scienza migliore e più affidabile.

(Articolo di Tom Stafford -professore di psicologia e scienze cognitive, Università di Sheffield- del 03/08/2018 pubblicato su The Conversation)  
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori