testata ADUC
Guerra alla droga in Messico. Il presidente che l’aveva dichiarata non ne era convinto... ma 275.000 morti...
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
24 settembre 2020 16:24
 
Al culmine della guerra mortale del Messico contro i cartelli della droga, il capo che l’aveva architettata ha ammesso privatamente che era "impossibile da vincere" e che legalizzare la droga era l'unica via d'uscita. Così riferisce VICE News.
Quell'”architetto” è Felipe Calderón, l'ex presidente del Messico. Calderón era stato molto rigido nel suo discorso sullo stato nel 2012, proclamando che il Messico aveva "avviato un percorso verso una vita piena di libertà e sicurezza". Calderón aveva difeso strenuamente la guerra militarizzata alla droga, affermando anche nel 2018 di non avere rimpianti.

Ma in alcune conversazioni private con l'allora vice primo ministro britannico Nick Clegg nel 2011 – conversazioni che fino ad ora non sono state rese pubbliche - sembrava contraddire la sua posizione pubblica.

"Calderón si era fatta una nomea nella politica messicana come 'vincerò la guerra alla droga'", ha detto a VICE News Clegg, ora alto funzionario PR di Facebook e anche rappresentante della Commissione globale per la politica sulle droghe.

“Mi ha detto: 'Pensi che ci sarà mai una vendita legale di droga in Gran Bretagna o in America? Ecco perché sono arrivato alla conclusione” - e ricordo che lo disse con un certo pathos - “che abbiamo passato anni cercando di fare questa guerra alla droga che è impossibile da vincere. Non si vincerà mai a meno che non si levi il business alla criminalità andando verso una regolamentazione delle droghe".

L'apparente riconoscimento di Calderón dell'inutilità della guerra alla droga - anche mentre la stava conducendo a tutto gas - solleverà seri interrogativi sulla legittimità morale della campagna militarizzata in Messico, che ha dato origine al periodo più violento della storia del paese.

Non appena prese il potere, Calderon inviò i militari in tutto il paese ad attaccare i cartelli, una politica che ha portato a morti a raffica e benefici apparentemente scarsi, con circa 275.000 morti dal 2007.

Più di 73.000 persone sono ancora disperse e si teme siano morte grazie a quella dichiarazione di guerra alla droga, con 39.000 corpi non identificati negli obitori del Paese.

In una dichiarazione rilasciata questa settimana a VICE News, Calderón non ha negato che la conversazione abbia avuto luogo, ma ha affermato di non aver mai detto che la guerra alla droga fosse impossibile da vincere. Ha affermato invece di aver sollevato da tempo la possibilità della legalizzazione come soluzione ai problemi relativi alla violenza legata alla droga, ma non è mai stato convinto nel merito.

L'attuale presidente messicano Andrés Manuel López Obrador (AMLO) ha bloccato la guerra totale di Calderón ai cartelli, che invece era continuata con il suo successore Enrique Peña Nieto. Eppure i cartelli si sono rafforzati e le uccisioni violente hanno raggiunto livelli record. L'anno scorso sono state uccise più di 31.000 persone.

Nonostante le dichiarazioni di AMLO secondo cui la guerra alla droga è finita, le forze di sicurezza messicane continuano a inseguire i boss del traffico di droga.

Clegg, che ha fatto diverse iniziative per una politica sulla droga più liberale nel Regno Unito mentre era al governo, ha detto che la sua conversazione con Calderón la mattina del 29 marzo 2011 a Città del Messico lo ha convinto che la legalizzazione delle droghe sia l'unica risposta sensata alla crescente domanda globale.

"[Ha] fatto una grande impressione su di me", ha detto Clegg. “Mi ha davvero colpito in mezzo agli occhi. Davanti a me avevo qualcuno che aveva davvero vissuto la guerra alla droga, ed era davvero convinto dell’idea che questa non sarebbe mai stata vinta".
Tuttavia, nella conferenza stampa successiva all'incontro dei due, l'ex parlamentare liberaldemocratico ha dichiarato di ammirare Calderón e ha salutato "il coraggio che [lui e il suo] governo hanno dimostrato nella lotta alla criminalità organizzata e al traffico di droga".

Calderón ha detto a VICE News che le alternative al proibizionismo, "comprese la regolamentazione o le soluzioni guidate dal mercato", non dovrebbero essere sottovalutate come metodi per porre fine alla violenza intorno a produzione, distribuzione e consumo di droghe.

"Anche se ho detto che dovremmo considerare alternative alle soluzioni penali, non ho proposto apertamente la legalizzazione perché non ne sono sicuro", ha detto. "È necessario agire in modo responsabile, il che significa che dovrebbero esserci studi sulle conseguenze sociali ed economiche, alcune delle quali potrebbero essere disastrose per le società".

Nel 2018, Calderón ha detto a VICE News di aver schierato l'esercito per la prima volta nel 2006, dopo una richiesta di un governatore dello stato che aveva fatto sapere di aver perso il controllo del proprio territorio.

“Abbiamo ottenuto risultati molto buoni all'inizio”, ha detto, aggiungendo: “Onestamente, penso che nessuno si aspettasse che la violenza potesse raggiungere quei livelli. Tuttavia, insisto, sono assolutamente chiaro che la violenza è iniziata a causa della lotta per il controllo del territorio tra i gruppi della criminalità organizzata, tra i cartelli, non a causa dell'azione del governo".

Ad una domanda su come l'azione militare messicana abbia portato le bande di narcotrafficanti a frammentarsi senza che questo abbia avuto impatto sulla capacità dei criminali di spacciare droga, Calderón ha risposto: "Ovviamente ci saranno alcuni aggiustamenti, instabilità o altro, ma si potrà arrivare alla fine solo quando il controllo della situazione sarà tornato nelle meni dei cittadini".

Calderon ha anche incolpato le leggi americane sulle armi: "Il governo degli Stati Uniti, il Congresso e la società onestamente non hanno fatto nulla per fermare il flusso di denaro, e bloccare di conseguenza il flusso di armi. In realtà, il paradosso è che sequestriamo circa 106.000 pistole e armi, e il 90 per cento di queste sono state vendute legalmente negli Stati Uniti".

Nel 2009, in seguito alle proposte dello stesso Calderon, sono state approvate nuove leggi per depenalizzare il possesso personale di piccole quantità di alcune droghe – partendo dal presupposto che si accettasse l'inevitabilità del consumo di droga - poiché le strategie precedenti erano fallite a causa dell'opposizione degli Stati Uniti.

Nel 2016, una sessione speciale delle Nazioni Unite è stata convocata dopo una richiesta congiunta nel 2012 dal Messico di Calderón e dai capi di stato di Guatemala e Colombia - il cui allora presidente Juan Manuel Santos si era molto impegnato - per discutere di una radicale revisione dell’approccio proibizionista dell'ONU sulla droga. Tuttavia, la sessione lasciò i riformatori delusi: non sono state approvate modifiche significative al regime globale di controllo della droga.

(articolo di Mattha Busby, pubblicato su Vice-World News del 23/09/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori