testata ADUC
Guerra alla droga. Violenza, impunità e paura: il saldo della politica anti-narcos del presidente messicano dopo un anno di governo
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
16 novembre 2019 20:33
 
 La politica di "abbracci non proiettili" del presidente non ha prodotto risultati. Il numero di omicidi continua a crescere e i criminali non danno tregua.
Il 1 dicembre 2018, Andrés Manuel López Obrador ha preso atto di un Messico distrutto: con 40.000 morti ogni anno e quasi 50.000 persone sparite. La promessa di pacificare il Paese e cambiare i proiettili grazie agli abbracci lo ha aiutato a vincere le elezioni presidenziali. Ma la realtà è peggiore e la violenza raggiunge livelli storici.
Con oltre 100 morti al giorno, il Messico vive uno degli momenti più violenti della sua storia, una situazione che il presidente messicano attribuisce alla decomposizione sociale ereditata dai governi precedenti.
I suoi primi 11 mesi, tuttavia, sono stati un rosario di errori su una questione che terrorizza diverse aree del paese.
In tutti i punti cardinali del Messico, la situazione è esplosiva: al centro del Paese decapitazioni e uccisioni si verificano ogni giorno. Ma anche alle frontiere la violenza è in aumento. Solo nelle ultime settimane, tra gli Stati di Chihuahua e Sonora, sono stati uccisi nove membri della famiglia mormone LeBarón, tra cui sei bambini.
Il periodo nero include anche i 14 morti nella fallita operazione di Culiacán, Sinaloa, per catturare Ovidio Guzmán, figlio di Joaquín Guzmán Loera, lo scorso 17 ottobre.
Ad Aguililla, Michoacán, 13 poliziotti statali sono stati ucciso a mano armata durante un’imboscata, senza alcun supporto logistico o di intelligence. Le pattuglie coinvolte, sono state vittime di un'imboscata ad Aguililla mentre stavano andando verso Culiacán, una zona in cui sono avvenute cose indicibili in passato. Questo, senza dubbio, è accaduto. Ma ci fa anche capire quanto si stia facendo male nel presente. Per il passato c'è una critica aperta, l'identificazione di errori, corruzioni e disabilità. Per il presente, non c'è nulla.
In quasi tutti gli "eventi", come la nomenclatura ufficiale chiama i massacri, López Obrador ha risposto come quando ha fatto sapere ai narcos che "li avrebbe uccisi o avrebbe avvertito le loro madri".

Gli esperti attribuiscono questo piano anti-narco a un misto di ignoranza e ingenuità. Javier Oliva, specialista della sicurezza nazionale, afferma che è preoccupante che il governo non impari dagli errori.
“Quello che dovrebbero fare (l'amministrazione di AMLO) è un adeguamento dei programmi e delle politiche di pubblica sicurezza, per evitare che siano come nei precedenti sei anni, che sono stati negativi. L'ovvia mancanza di progressi è un'opportunità per fare una valutazione di ciò che sta accadendo in termini di sicurezza, perché se seguono questa linea di "non stiamo andando a cambiare nulla, stanno facendo la stessa cosa di Peña Nieto, Calderón, Zedillo”.
Per modificare la situazione, l'attuale amministrazione ha la Guardia Nazionale e una legge che consente l’uso del personale militare per compiti civili. A questo proposito, Oliva ritiene che le funzioni multiple non abbiamo mai registrato un successo.
Durante un'intervista con Infobae Mexico, Oliva ha sottolineato che è necessario ripensare e riflettere sull'attuale strategia di sicurezza. Ad una domanda esplicita se eventi come il "Culiacanazo" invalidano la strategia tattica che il Segretariato per la sicurezza dei cittadini ha messo in atto, Oliva ha risposto: "Non invalida, ma la mette in discussione, perché qualcosa deve essere rivisto, se non fosse successo a Sinaloa".
"Il problema è nella necessità di dimostrare che i criminali possono essere arrestati a breve termine", ha detto.
Gli ultimi atti di violenza nel paese hanno mostrato i limiti dei nuovi comandanti militari, in grado di accettare la sfida di costruire il nuovo aeroporto del Messico, ma incapaci di mantenere la sicurezza nel paese.

La morte in cifre
I riflettori rossi di sangue coprono la nostra mappa. Guanajuato, con 3.327 omicidi premeditati; Baja California, con 2.306; Jalisco, con 2.073; Michoacán con 1.844 e Chihuahua con 1.841. Ma Veracruz è grossomodo nelle stesse condizioni con 1.692 omicidi; Città del Messico, con 1.533; Guerrero, con 1.541. Un panorama da mettersi senza alcun dubbio le mani in testa.
Lo stesso presidente del Messico - a cui non piace parlarne - ha riconosciuto il notevole aumento degli omicidi ed ha promesso di agire immediatamente.

Durante la sua campagna presidenziale, López Obrador ha parlato di perdono e riconciliazione. Ma è abbastanza? Che dire del sistema giudiziario, responsabile dell'impunità quasi assoluta che sta vivendo il Paese e del sistema carcerario superato e marcio? Che dire delle indagini in sospeso su migliaia di morti e dispersi? Il rafforzamento dei gruppi criminali? Nel Paese ci sono tanti dubbi quante vittime in attesa di giustizia.
Su quest'ultimo punto, la forza che può essere usata dai narcos e dai loro sicari, provoca un'ansia nazionale e una preoccupazione globale.
Dopo l'attacco alla famiglia LeBarón, col bilancio di nove morti, vari media internazionali hanno criticato la strategia di sicurezza nel Paese. Inoltre, a seguito del rifiuto del presidente Andrés Manuel López Obrador ad accettare l'aiuto della sua controparte, Donald Trump e aver trattato i cartelli della droga, lo stato di diritto viene messo in dubbio.

"Il Messico non cresce", è stato il titolo dell'analisi del quotidiano americano The New York Times, che ha sottolineato come il problema della violenza nel Paese è legato a una crescita mediocre.
“Il problema della violenza brutale in Messico e quello della sua scarsa crescita economica sono strettamente correlati. Queste sono due sfide che il presidente Andrés Manuel López Obrador dovrebbe considerare prioritarie nel suo mandato di sei anni. Altrimenti, si avrà un Messico senza stabilità economica o sociale. C'è molto in gioco”, ha scritto la politologa Viridiana Ríos.

Amici sì, sicari no?
"Le borse di studio non sono sufficienti per ridurre la criminalità organizzata in Messico". Per l'ex candidato alla presidenza della Colombia, Sergio Fajardo, il governo messicano ha bisogno di una strategia globale per combattere il crimine e la violenza. Tuttavia, secondo lui dare denaro non è sufficiente per fermare il reclutamento dei giovani nel narco.
In un'intervista con Aristegui Noticias, l'ex sindaco di Medellín ha affermato che è importante comprendere le qualità delle comunità in cui predomina la criminalità organizzata. “C’è bisogno di un intervento centrale e locale. Occorre essere uniti per affrontare il narco".

Uno dei punti principali del piano di pace e sicurezza di López Obrador, con il quale intende attaccare la criminalità nel Paese, è garantire occupazione, istruzione, salute e benessere ai messicani. Inoltre valuta importante la rigenerazione etica della società attraverso borse di studio per i giovani in modo che possano continuare a studiare e/o lavorare.
Secondo Javier Oliva, fingere di fermare il crimine organizzato con una strategia basate su borse di studio non è una formula appropriata, visto che le organizzazioni criminali con una lunga carriera criminali vengono attaccate dalle finanze: "Il crimine essenzialmente organizzato si muove per una questione di denaro, per cui è necessaria anche una risposta da parte dello Stato per contenere le azioni violente delle organizzazioni criminali".
Strategia che collima con quella dell'esperto Edgardo Buscaglia, che in diversi articoli ha sottolineato che la lotta al crimine passa necessariamente attraverso un attacco al riciclaggio di denaro.
I recenti eventi contro la famiglia LeBarón hanno portato Buscaglia a classificare i cartelli messicani come terroristi. Tuttavia, Oliva non è d’accordo: "il terrorismo ha storicamente quattro cause, tra cui le rivendicazioni separatiste o indipendenti come per l'ETA, rivendicazioni religiose come per l'esercito repubblicano irlandese, rivendicazioni etniche come per il terrorismo ceceno e il terrorismo politico o ideologico, nessuna di queste cause si trova nella violenza criminale in Messico, per cui qualificarli come terroristi è dare loro un livello che non hanno né meritano, considerato che mancano di un orientamento ideologico".

(articolo di Ilse Becerril, pubblicato su Infobae del 16/11/2019)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori