testata ADUC
Legalizzazione cannabis in Nuova Zelanda. Ok dal 56% elettori. Sondaggio
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
3 luglio 2020 13:09
 
 La maggioranza degli elettori neozelandesi afferma di voler dare il proprio sostegno per la marijunaa ad un referendum nazionale questo autunno, secondo un nuovo sondaggio.
Lo scorso maggio, i legislatori neozelandesi hanno pubblicato la bozza finale di un nuovo disegno di legge che avrebbe creato un mercato al dettaglio di cannabis tassato e regolamentato, parzialmente modellato a quello canadese. Ma invece di votare immediatamente sul disegno di legge, i legislatori hanno scelto di chiedere prima l'opinione degli elettori.

Le prossime elezioni nazionali in Nuova Zelanda, che si terranno il 19 settembre, includeranno una domanda referendaria che chiede agli elettori se sostengono o meno il disegno di legge sulla legalizzazione. Il referendum non è vincolante, quindi gli elettori non saranno in grado di legalizzare direttamente l'erba con il loro voto, ma i legislatori hanno promesso di approvare il disegno di legge se lo stesso riceve il sostegno della maggioranza nel referendum.
Finora, il paese è rimasto fortemente diviso sulla prospettiva della legalizzazione. Lo scorso agosto, i sondaggi hanno scoperto che solo il 39% era a favore dell'erba legale. Lo scorso febbraio, tuttavia, un sondaggio condotto dalla società indipendente Horizon Research ha rilevato che il supporto per la legalizzazione è aumentato al 54 percento. E un nuovo sondaggio Horizon condotto questo mese suggerisce che il supporto potrebbe essere ancora più forte.

Il nuovo sondaggio, commissionato dalla società di cannabis medica neozelandese Helius Therapeutics, chiese a 1593 neozelandesi se voterebbero sì per la legge nel referendum del prossimo settembre. Questa volta, il 56% degli intervistati ha risposto affermativamente. Un'analisi demografica dei risultati ha rilevato che il 59% delle donne è a favore della legalizzazione, rispetto al solo 52% degli uomini.
Gli elettori più giovani e più liberal hanno maggiori probabilità di appoggiare il disegno di legge, proprio come è accaduto in sondaggi simili condotti negli Stati Uniti. Circa il 72 percento degli intervistati di età compresa tra 25 e 34 anni ha dichiarato di voler votare sì al referendum, rispetto al solo 27 percento di coloro che hanno più di 75 anni. Com'era prevedibile, la maggioranza degli elettori liberal sostiene il disegno di legge e la maggioranza degli elettori conservatori è contraria. Il nuovo sondaggio ha rilevato che il supporto tra gli elettori centristi è cresciuto in modo significativo da febbraio, il che potrebbe indicare una maggiore possibilità di successo.
"Questo risultato stimolerà sia il sì che il no", ha dichiarato l'amministratore delegato di Helius Therapeutics Paul Manning al New Zealand Herald. "E mostra quanto vicino sarà il voto".
"I neozelandesi si rendono conto che il loro voto favorevole significa un migliore benessere per la comunità, una regolamentazione ragionevole e una riduzione dei danni per una sostanza che è abbondantemente disponibile anche con l’attuale divieto", ha dichiarato Chald Herald, deputato del Partito Verde, sostenitore della riforma. "È diventato evidente che coloro che si battono per mantenere il divieto criminale sono più focalizzati sul moralismo che sul risolvere effettivamente qualsiasi problema”.

Tuttavia, non tutti i sondaggi sono così favorevoli. Un altro sondaggio condotto dal media locale 1 News ha riscontrato solo il 40% di supporto per la legalizzazione, con il 49% contrario e l'11% in dubbio. Il noto gruppo lobbista anti-cannabis Smart Approaches to Marijuana (SAM) ha lanciato una campagna per convincere i kiwi a dire no all'erba, ma la campagna ha ricevuto pesanti critiche da parte di chi sostiene che un gruppo di pressione con base negli Stati Uniti dovrebbe tenere il naso fuori dalla politica della Nuova Zelanda.
Anche se la maggioranza degli elettori dice di sì al referendum, non c'è ancora alcuna garanzia che il disegno di legge diventerà legge. L'attuale amministrazione ha accettato di confermare la decisione del referendum, ma i nuovi legislatori che hanno votato durante le elezioni non hanno l'obbligo di mantenere questa promessa.

(articolo di Chris Moore, pubblicato sulla rivista Merry Jane del 02/07/2020)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori