testata ADUC
Il mondo dovrebbe prepararsi per la prossima pandemia letale
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
5 ottobre 2019 15:57
 
Se domani scoppiasse un nuovo tipo di influenza aggressiva, il mondo non avrebbe strumenti per prevenire la devastazione. Tra 50 e 80 milioni di persone potrebbero morire e il 5% dell'economia globale sarebbe distrutta. Non abbiamo abbastanza strutture per affrontare la prossima pandemia letale. Questa è la dura realtà su cui un gruppo di esperti dell'OMS e della Banca mondiale ha rilevato i dati dopo che le Nazioni Unite hanno commissionato loro una valutazione dopo l'ultima epidemia di Ebola nell'Africa sub-sahariana, con l'obiettivo di imparare dagli errori del passato.

Gli specialisti hanno analizzato le infrastrutture, i soldi disponibili per le emergenze, il numero di professionisti formati ad hoc per risolvere il problema e i meccanismi di coordinamento tra i diversi Paesi. Secondo le conclusioni della relazione annuale sulla preparazione alle emergenze sanitarie nel mondo, "lo spettro di un'emergenza sanitaria globale è visibile all'orizzonte". "Sarebbe bello dire che siamo preparati per quello che potrebbe accadere, ma non è così. Dobbiamo apportare una serie di modifiche e controlleremo che vengano effettuate", spiega il supervisore di questa analisi, Harlem Brundtland, che era primo ministro della Norvegia (1981, 1986-1989 e 1990-1996) e direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) tra il 1998 e il 2003.

Il gruppo che ha preparato questo rapporto è composto da 15 membri, tra cui tecnici, politici e rappresentanti esperti di diverse organizzazioni. "Per molto tempo abbiamo permesso che si verificassero situazioni di panico e di abbandono dei luoghi colpiti: ciimpegnano molto quando c’è una grave minaccia ma dimentichiamo rapidamente quanto è accaduto", afferma il documento consegnato alle Nazioni Unite. Cosa deve cambiare? "L'ostacolo principale è il finanziamento. Non si è ancora sufficientemente investito, anche se è il più economicamente intelligente. Per ogni dollaro investito nella sorveglianza, risparmi 10 nei servizi medici", afferma Elhadj As Sy, Segretario Generale di Cruz e Red Crescent, tra i responsabili dello studio. Gli esperti sottolineano azioni molto concrete che devono essere intraprese dai paesi più ricchi, come l'assegnazione di importi significativi ai fondi per la salute globale, il Fondo globale per la lotta contro la malaria, l'AIDS e la tubercolosi, la Gavi Alliance (intesa per promuovere le vaccinazioni) e l'Associazione internazionale per lo sviluppo, che offre prestiti a prezzi accessibili ai paesi in via di sviluppo. ….

Un'altra raccomandazione nel rapporto inizia con il preoccupante avvertimento che "devi prepararti al peggio". Ciò significa che nessuno è ignaro delle conseguenze più disastrose. "Europa e Nord America si sentono molto al sicuro, ma dobbiamo spiegare alla gente che, in un mondo interdipendente, qualsiasi epidemia può colpire quantomeno i paesi vicini. Penso che non siamo ancora consapevoli di quanto sia connesso questo pianeta attraverso il trasporto aereo. Nel giro di poche ore potresti aver portato qualsiasi malattia da un lato all'altro del globo", sottolinea Brundtland. "Se vogliamo iniziare a prepararci adesso, dobbiamo insediare laboratori in aree a rischio, preparare personale qualificato come epidemiologi e informare le popolazioni in modo che siano loro stesse le prime a dare l'allarme. Ma non sto dicendo nulla di nuovo: 189 Governi hanno già promesso al vertice di Abuja 2000 di stanziare il 15% del loro budget per migliorare la salute e non l'hanno fatto", afferma As Sy. "Sono stato il direttore generale dell'OMS durante quel vertice, ricordo l'entusiasmo quando è stato raggiunto quell'accordo e verifico 20 anni dopo che siamo così lontani da quell'obiettivo ...".

Un esempio attuale porta alla luce tutto ciò che questa analisi dice sulla carta. David Gressly, che coordina l’iniziativa delle Nazioni Unite all'ultimo focolaio di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), spiega che uno degli assi su cui stanno già lavorando, anche prima della fine dell'epidemia, è il prossimo. "Questo scoppio si è verificato perché la sorveglianza non è stata buona e la risposta è stata ritardata molto. Abbiamo capito che l'approccio classico non funziona più davvero. E se non anticipi bene, la risposta è in seguito sarà più costosa".
L'esperto porta i dati a conforto della necessità di agire in modo diverso: "Questa è la decima epidemia nella Repubblica Democratica del Congo dal 1976. Le ultime quattro si sono verificate negli ultimi cinque anni. Gli scoppi non solo si verificano con minori intervalli, ma sono anche più complessi perché la popolazione si raduna sempre di più nelle grandi città". La specifica agenzia delle delle Nazioni Unite stima che entro il 2050 il 70% della popolazione mondiale sarà urbana. Questo processo è già visibile. Molte città, soprattutto nei paesi meno sviluppati, crescono senza controllo e, quindi, senza una previsione di servizi, inclusi salute e cure. Una caratteristica che in futuro renderà molto difficile anticipare la trasmissione di una malattia.
Gli esperti di questo rapporto si sono impegnati ad analizzare in un anno cosa è stato fatto e cosa non è stato fatto. Dicono che stanno già lavorando alla raccolta di dati sufficienti per indicare chi sta ignorando le minacce e chi sta prendendo provvedimenti.

(articolo di Patricia Peirò, pubblicato su Planeta Futuro del 04/10/2019)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori