testata ADUC
Nel mondo mancano 142 milioni di donne ‘scomparse’ a causa del maschilismo
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
1 luglio 2020 19:02
 
 Il rapporto sullo stato mondiale della popolazione 2020, pubblicato dall'UNFPA, denuncia che esistono 19 modi per violare i diritti delle donne e ne analizza in profondità tre: il feticidio delle ragazze, le mutilazioni genitali femminili e il matrimonio infantile

Sono chiamati "gli scomparsi". Sono quelli che non sono nati perché sono stati vittime di un feticcio femminile o sono morti presto perché i loro genitori hanno deliberatamente trascurato la loro alimentazione e la salute nella prima infanzia. Per il fatto di essere donne. Il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA), l'agenzia che si occupa di salute sessuale e riproduttiva, stima che oggi nel mondo manchino 142,6 milioni di donne. Nascono meno di quanto sia abitualmente normale (100 ragazze per ogni 106 ragazzi) e muoiono di più nei loro primi anni di vita. La preferenza per i bambini maschi dietro queste sparizioni è una delle 19 violazioni dei loro diritti fondamentali che le donne subiscono a causa del fatto che sono tali. Dalla stiratura al seno ai test di verginità. Ma nel suo rapporto annuale sullo stato della popolazione mondiale 2020 il rapporto si è concentrato su tre: la suddetta selezione di bambini, il matrimonio infantile e le mutilazioni genitali femminili.

"Immagina una ragazza di 12 anni che ama andare a scuola, ma i cui genitori un giorno le dicono di indossare i suoi abiti migliori e due ore dopo la sposano con il suo vicino di casa che ha il triplo della sua età. O una ragazza 6enne a cui mutilano i genitali. Immagina una bambina di quattro anni che ascolta i suoi genitori lamentarsi che non hanno un figlio e che lei è solo un peso", chiede Natalia Kanem, direttore esecutivo dell'UNFPA, a un gruppo di giornalisti nella presentazione in videoconferenza del rapporto intitolato in questa edizione Against my will. "Non abbiamo bisogno di immaginarlo perché sono situazioni reali che si verificano migliaia di volte ogni giorno in tutto il mondo", aggiunge.

Non era una finzione per Jasbeer Kaur. Quando aveva 25 anni, sapeva di essere incinta di tre gemmelli. Tre ragazze. "Ora è proibito ma, a quel tempo, ti comunicavano il sesso del bambino. Il dottore si offrì di farmi abortire perché riteneva che sarebbe stato difficile per me allevare tre figlie. Spiegò che la procedura era semplice, simile al parto. Ho avuto paura per alcuni istanti, ma Dio mi ha dato la forza di rifiutare la sua offerta e ho detto di no", ricorda questa madre indiana 23 anni dopo. Una decisione insolita che non piaceva né a suo marito né ai suoceri. "Nessuna ragazza era nata nella famiglia di mio marito da tre generazioni. E dissero che non avrebbero permesso a tre ragazze di venire nel mondo in una sola volta. Mi hanno dato un ultimatum: interrompere o andarsene", ricorda Kaur. E se ne andò.

Nonostante il fatto che la divulgazione del sesso del bambino sia attualmente vietata in India per prevenire i feticci femminili, alcuni dei vicini di Kaur nelle zone rurali del Rajasthan non comprendono ancora oggi la sua decisione. "Le persone qui nella mia città spesso mi dicono: "Poverina, avresti dovuto avere almeno un figlio invece di tre figlie". E io dico loro: "Risparmiatevi quella merda! Sono una donna e sono orgogliosa di aver cresciuto queste ragazze. ora sono adulte". Ma questa madre è anche un esempio vivente che tutte le donne locali citano con orgoglio, assicurano gli autori del documento.

Tuttavia, la selezione prenatale e postnatale di maschi rimane diffusa in India. Secondo i dati analizzati dall'UNFPA, quasi mezzo milione di ragazze vengono abortite selettivamente ogni anno. E una su nove delle morti infantili di ragazze al di sotto dei cinque anni sono attribuibili a questa discriminazione di genere. India e Cina (666.300 feticidi femminili all'anno), sono i maggiori generatori di persone scomparse al mondo. E il suo equilibrio di genere è molto squilibrato con 112 ragazzi per ogni 100 ragazze.
"Le donne non possono aspettare. Le ragazze rappresentate in questo rapporto non possono aspettare. E i loro diritti non devono essere trascurati a causa del covid-19 o di un uragano, o per qualunque altro motivo. Devono essere una priorità. Questo è ciò che chiedono gli Obiettivi. Sviluppo sostenibile [ODS]", afferma Kanem in un'intervista telefonica. "Tuttavia, molti non vanno a scuola, non finiscono la scuola elementare e non sognano la scuola secondaria. E sappiamo che l'educazione è protettiva contro altre violenze. Il matrimonio infantile o le mutilazioni genitali femminili sono oggi discriminazione, ma è un trauma per il resto della loro vita. E, naturalmente, è la preferenza verso i bambini", riassume.

Secondo Kanem, è necessario chiedersi perché in alcune culture e territori i genitori preferiscono avere figli maschi e si verificano aborti selettivi di ragazze. "È ironico. Abbiamo scoperto che molti vogliono ragazzi in modo che, quando sono adulti, li sostengano. Ma a volte ciò non accade e hanno persino problemi a trovare una moglie. A volte è per motivi religiosi o perché è l'uomo che eredita e perpetua il cognome". Ma tutto ciò può essere cambiato, osserva il medico, se viene ripensata la sicurezza economica degli anziani o si apprezza che una figlia istruita si prenda cura anche dei suoi anziani, per esempio.

È possibile porre fine alla mutilazione genitale femminile e al matrimonio infantile in 10 anni
Per porre fine alle pratiche dannose contro ragazze e donne, le leggi e le politiche devono essere tradotte in azioni concrete, afferma Kanem. E gli interventi si devono svolgere nelle comunità. "Alcuni approcci non sono propedeutici. Quindi, se stiamo facendo solo due o tre piccoli cambiamenti nelle comunità qua e là, potrebbero non essere abbastanza potenti da portare alla trasformazione radicale di cui abbiamo bisogno per raggiungere l'uguaglianza di genere entro il 2030."

Kanem ritiene che sia possibile raggiungere alcuni degli obiettivi fissati negli OSS, in particolare per porre fine alle mutilazioni genitali femminili e al matrimonio infantile entro il 2030. Ma con più azione e più attori coinvolti. "Ecco perché faccio appello agli uomini; ché facciano parte della soluzione, difendendo i diritti delle donne". "Penso anche che sia importante non sottovalutare il ruolo dei giovani. Esigono l'uguaglianza".
Hanno delle ragioni. I dati diffusi dall'UNFPA mostrano che ci sono progressi nella lotta all'ablazione o al matrimonio infantile, ma un numero maggiore di ragazze ne risentirà a causa della crescita della popolazione sul pianeta. Nel 2020, si stima che 4,1 milioni di ragazze subiranno mutilazioni genitali. In totale, 200 milioni di donne nel mondo sono state vittime di questa violenza. Oggi, in un solo giorno, 33.000 ragazze di età inferiore ai 18 anni saranno costrette a sposarsi, nella maggior parte dei casi con uomini molto più grandi di loro. Si aggiungeranno ai 650 milioni di mogli che sono state costrette a divenire tali prima di raggiungere la maggiore età.

Alejandra Teleguario, 19 anni, è una di quelle giovani donne che ha detto di averne abbastanza. Questa donna guatemalteca è una "attivista femminista per i diritti sessuali di giovani e donne" nel suo paese e fa parte del gruppo consultivo dei giovani dell'UNFPA in Guatemala. Ha iniziato la sua difesa dei diritti delle ragazze e degli adolescenti all'età di 13 anni quando ha incontrato ragazze giovani, comprese alcune della sua età, in una casa di accoglienza dello Stato e che erano state vittime di violenza di genere, violenza sessuale e matrimonio infantile. "Alcuni casi sono stati molto forti", ricorda. Nel 2015, il codice civile guatemalteco consentiva il matrimonio da una quattordicenne e un sedicenne. E i cambiamenti che sono avvenuti da allora hanno lasciato la porta aperta ai matrimoni tra minori. Fino al 2017. Teleguario si sente parte di quella vittoria. "Sebbene esistano ancora dati preoccupanti, soprattutto nei comuni in cui prevale la povertà estrema e persistono pratiche culturali che non hanno permesso di difendere pienamente i diritti di ragazze e adolescenti".

Appartenente ai programmi di istruzione superiore giovanile dell'organizzazione Women Deliver, Teleguario è coinvolta con diverse organizzazioni, reti e attività per porre fine alle pratiche dannose subite dalle ragazze nel suo paese, in particolare le gravidanze adolescenziali. "Tra gennaio e maggio 2020, 46.863 sono state le gravidanze registrate in ragazze di età compresa tra 10 e 19 anni. È un numero esorbitante considerando che da marzo il paese è stato in quarantena per covid-19. Ed è una materia tabù, l'educazione nelle materie di sessualità", spiega.
Anche l'aborto è un tabù e non ci sono casi di feticidi femminili nel paese, ma c'è una preferenza per gli uomini. "Quando si celebra l'arrivo di un neonato, la gioia è molto maggiore se si tratta di un ragazzo. Quando scoprono che è una ragazza, c'è un rifiuto in alcune comunità. Le famiglie sono grandi e c'è una forte distinzione tra le opportunità che vengono offerte a uomini o donne. Non è un segreto che in Guatemala e in altri paesi della regione venga data priorità all'educazione dei ragazzi, tra gli altri privilegi", precisa. "Le ragazze rimangono a casa ad aiutare la madre nelle faccende domestiche. Oltre al fatto che lo scambio di figlie con oggetti o animali è ancora praticato."

Nascere ragazza significa una vita difficile in molti paesi. E una volta in questo mondo, la vita sarà più dura, piena di ostacoli e violazioni dei loro diritti. Il passo verso l'uguaglianza di genere e l'eradicazione di queste pratiche è lento.
Questo è quanto sottolineano le Nazioni Unite: l'SDG 5 che chiede la fine di tutti i tipi di violenza contro le donne è quello che ha compiuto meno progressi. "È il decennio in cui occorre agire", afferma Kanem. "E una strategia per un'azione concertata ha bisogno di una road map, ha bisogno di un piano, ha bisogno di un accordo. Quindi, lo stile combattivo del femminismo può essere produttivo, ma il fulcro di quel dibattito dovrebbe essere: che cosa faremo? Penso che le femministe, alcune delle strateghe più sagge e impegnate al mondo, dovrebbero unirsi per portare avanti questo programma. Spero che rispettino gli stessi diritti per le ragazze, ovunque si trovino. E anche se ci sono dibattiti, accettiamo che una ragazza deve rimanere a scuola, deve essere ben preparata per l'occupazione e deve avere le informazioni per prendere decisioni sul suo corpo, sulla sua fertilità e su ciò che vuole fare per modellare il suo futuro".

(articolo di Alejandra Agudo, pubblicato su El Pais del 30/06/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori