testata ADUC
Il nuovo sbarco di narcos colombiani in Europa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
8 dicembre 2019 18:29
 
 La comparsa in Olanda e in Spagna di giovani sicari colombiani ha messo in allarme l'intelligence della polizia europea (Europol). Uno di questi, di soli 24 anni, è stato appena catturato nella provincia spagnola di Zamora, vicino al Portogallo. Un altro, identificato con il nome di Jonathan Zuluaga Celemín, alias Nené, è stato catturato a marzo dopo aver istituito un ufficio di raccolta nel cuore di Madrid, killer a registro paga de La Cordillera, che opera nel settore del caffè. Ma il campione degli assassini è “Tintin”, fuggito dalla Colombia dopo aver ucciso tre persone ed aver eluso i dispositivi elettronici di controllo. E, sebbene abbia acquisito una falsa identità cubana, è stato catturato il 25 ottobre a Madrid.

Per uccidere una donna, i colombiani fanno pagare 30.000 euro (115 milioni di pesos), e per un uomo 70.000 euro (268 milioni di pesos), e sono specializzati nella riscossione dei soldi tra le varie strutture del traffico di droga. Inoltre, "La pattuglia della morte", un gruppo criminale svedese con sicari somali, avrebbe lavorato in Europa per i cartelli colombiani.

Questi dettagli fanno parte dell'ultimo rapporto sul mercato della droga in Europa, che i funzionari dell'intelligence di 28 Paesi hanno messo insieme scambiandosi informazioni. In questo rapporto la parola Colombia appare 79 volte legata al sicariato, ma anche al massiccio arrivo in quel continente di coca e violenza. Si stima che delle 119 tonnellate di droghe consumate ogni anno in Europa, 83 arrivino dalla Colombia. La spiegazione è che il mercato degli Stati Uniti è coperto dai cartelli messicani che hanno sostituito i colombiani, un tempo re del mercato. "Ora, i proprietari del commercio in Europa sono colombiani. Il 30 percento del mercato rimanente è diviso tra gli italiani, che sono i più forti; albanesi, marocchini, irlandesi, serbi, turchi, tedeschi, francesi e britannici", dice un ricercatore, e aggiunge che il vantaggio dei colombiani è che hanno più di 190.000 ettari coltivati a coca con sei raccolti all'anno. Un chilo di coca che esce da un laboratorio vale 3.893 dollari, circa 14 milioni di pesos. Ma quando giunge in Europa arriva a 60.000 dollari, circa 207 milioni di pesos. Ciò spiega perché spediscono carichi sulle navi, che raggiungono soprattutto i porti di Amsterdam, Anversa, Algeciras e Galizia; in "narcojets", come quelli caduti a Londra; e persino nei narcosubmarines. Ha fatto scalpore in Spagna la scoperta di uno di questi dispositivi, rilevato in Galizia lo scorso fine settimana, grazie ad una indagine congiunta tra agenti federali degli Stati Uniti, la Guardia civile spagnola e le autorità portoghesi. Il dispositivo è stato immerso per 21 giorni e trasportava 3 tonnellate di cocaina colombiana. "È stato assemblato in Guyana, vicino al Venezuela, è lungo 22 metri e proviene dalla Colombia", hanno affermato le autorità spagnole.
Per Europol in Colombia ci sono il 70 percento delle colture illecite del mondo. Il resto è distribuito tra Bolivia e Perù. Nel 2017, il cosiddetto micro-traffico o mercato al dettaglio di cocaina ha spostato 9,1 miliardi di euro in Europa. Alcuni mesi fa, l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (Unodc) ha confermato tale calcolo sottolineando che "su ogni 10 grammi di cocaina consumata nel mondo, sette provengono da produttori locali". Tuttavia, questa media potrebbe essere più elevata a causa dei picchi di produzione di coca che la Colombia ha avuto a causa della sospensione della fumigazione del glifosato, degli incentivi che questo processo ha offerto ai coltivatori e dell'emergere di nuove strutture dedicate al traffico di droga.

Il broker e il bitcoin
Il rapporto Europol mette in evidenza un metodo chiave dei principali gangster colombiani in Europa: quello di un mediatore colombiano che porta le droghe nell'Unione europea attraverso l'Africa occidentale. Le entrate derivanti da questa attività sono presumibilmente destinate all'acquisto di armi per un gruppo terroristico con sede in Mali: l'Ansar al-Dine.
Il rapporto rivela anche come il denaro proveniente dalla vendita di coca viene lavato per introdurlo nel Paese.
"I bancomat Bitcoin in Colombia vengono utilizzati per riciclare banconote da 500 euro. Li convertono in bitcoin e li sottraggono dalle normative", dice Europol.
Un altro meccanismo è l'uso dei "soldi muli". Aprono conti in Europa, estraggono carte bancarie e prelevano denaro dalla Colombia. Con l'aiuto delle autorità finlandesi, sono stati collocati 174 conti bancari che avevano lavato 8 milioni di euro in contanti usando criptovalute e prelievi di contanti.
Un'altra scoperta “strana” di Europol è quella dei laboratori per la lavorazione della pasta di coca e per l'estrazione della polvere, che la mafia colombiana sta esportando in polietileni, fiori, cibo per cani, fertilizzanti e persino spedizioni di carbone.
Andrew Mark Deamer, il cosiddetto “Pablo Escobar Britan”, è da 14 anni in Colombia per sviluppare una di queste procedure chimiche, insieme al giocatore di narocavalli Santiago Gallón Henao. Questa settimana uno di questi laboratori è stato trovato a Toledo, con la capacità di preparare 3 tonnellate di coca al mese, che arriva in Spagna con spedizioni colombiane di carbone. Come aveva scritto il quotidiano El Tiempo, questa merce è legata ai dissidenti delle FARC, in particolare il fronte 21, che opera nel centro di Tolima.
Secondo Europol, strutture simili sono state rinvenute in cinque Paesi Ue. I ricercatori di Dijín hanno fatto sapere al quotidiano a EL TIEMPO che questo tipo di laboratori sono stati individuati a Villanueva e Tarragona (Spagna) e a Bouchtat (Marocco).

Impatto sull'economia
L’arrivo di gangster colombiani in Europa - a causa del boom della coca di cui è sommerso il Paese - si riflette nell'economia locale. Un recente studio dell'Universidad de los Andes, "PIL di cocaina 2005-2018: una stima empirica", mostra cifre preoccupanti. L'economia della cocaina aveva un valore di 18,3 miliardi di pesos nel solo 2018. Ciò implica che il denaro che la mafia irriga nell'economia è equivalente all'1,88% del prodotto interno lordo totale (PIL), 2,6 volte di più rispetto a ciò che contribuisce all'emblematico settore del caffè.
E mentre l'annuncio che la Colombia ha superato l'obiettivo fissato per quest'anno di ettari eradicati - erano 80.000 e ne ha realizzati altri mille – rappresenta un sollievo, le narcocolture non accennano a diminuire in alcune regioni. Secondo le autorità, il reseeding è compreso tra il 35 e il 40 percento e il consumo in Europa e negli Stati Uniti continua a crescere in modo allarmante. In effetti, giovedì due tonnellate di coca sono state sequestrate in Polonia e, con esse, quattro colombiani.

(articolo pubblicato su CE NoticiasFinancieras del 08/12/2019)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori