testata ADUC
Pandemie. Un’era che è appena cominciata
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
13 gennaio 2021 15:59
 
"Le future pandemie appariranno più spesso, si diffonderanno più velocemente, causeranno più danni all'economia globale e uccideranno più persone del Covid-19 se lasciate incontrollate". È il grido d'allarme dell'Ipbes (piattaforma scientifica e politica intergovernativa sulla biodiversità e gli ecosistemi), “IPCC” per la biodiversità, nel suo ultimo rapporto di dicembre 2020.
"Non c'è un grande mistero sulla causa della pandemia di Covid-19, o di qualsiasi altra pandemia moderna", afferma Peter Daszak, presidente della EcoHealth Alliance e del seminario Ipbes. I cambiamenti nel modo in cui utilizziamo la terra, l'espansione e l'intensificazione dell'agricoltura, così come il commercio, la produzione e il consumo insostenibili stanno sconvolgendo la natura e aumentando il contatto tra fauna selvatica, bestiame, agenti patogeni e umani. È un percorso che porta dritto alle pandemie”.

827.000 virus hanno la capacità di infettare gli esseri umani
"La maggior parte delle nuove pandemie virali derivano dalle zoonosi, vale a dire dalla trasmissione di agenti patogeni dagli animali all'uomo", ricorda Emmanuel Drouet, ricercatore presso l'Istituto di biologia strutturale di Grenoble. La tubercolosi [causata dal batterio Mycobacterium tuberculosis] proviene dal bestiame e si è diffusa all'uomo quando i bovini hanno cominciato ad essere allevati nel periodo neolitico”.
Ci sono circa 1,7 milioni di virus non scoperti attualmente presenti nei mammiferi e negli uccelli, di cui 827.000 potrebbero avere la capacità di infettare gli esseri umani, secondo Ipbes. Fortunatamente, non tutti attecchiranno. "Per provocare una pandemia, il virus deve attraversare due barriere di specie: acquisire la capacità di infettare una cellula umana, quindi replicarsi efficacemente", spiega Emmanuel Drouet. Questo non è ovvio, perché il "meccanismo cellulare" nell'uomo e negli animali è molto diverso. Ciò sta attualmente accadendo con i virus aviari: responsabili di migliaia di morti, possono infettare gli esseri umani ma non hanno ancora superato la seconda barriera in cui è possibile la trasmissione umana. Ma è solo questione di tempo. “L'HIV proviene da un virus di scimpanzé che ha impiegato centinaia di anni per attraversare la barriera. Il virus ha fatto dozzine di tentativi prima di riuscire a mutare sufficientemente, ma ha avuto successo. L'AIDS ha provocato una pandemia globale”.
Ritratto-robot di virus pandemico
Nel 2013, Jean-Claude Manuguerra, capo dell'unità di risposta alle emergenze biologiche presso l'Istituto Pasteur, ha dipinto un ritratto robotico del prossimo agente patogeno emergente, "capace di creare la prossima grande epidemia nel XXI secolo": un virus a RNA, "dotato di grande plasticità genetica e contagioso di trasmissione respiratoria, di origine zoonotica e che sarebbe passato più volte all'uomo con un solo successo in una regione dove sono avvenuti grandi cambiamenti nell’uso del suolo. Inizialmente sarebbe stato amplificato negli esseri umani all'insaputa delle autorità sanitarie in una megalopoli”.

Un ritratto che stranamente ricorda la Sars-Cov-2 all'origine del Covid-19. Le grandi pandemie del passato (peste, colera, ecc.) erano per lo più legate ai batteri. Grazie a una migliore igiene e ad antibiotici, questo tipo di pandemia è quasi scomparsa. Tuttavia, siamo molto più minacciati da virus la cui plasticità genetica è determinante per il passaggio da una specie all'altra.
In un articolo pubblicato nel luglio 2020, Emmanuel Drouet identifica quattro fasi di infezione da virus con, in cima alla scala, la fase 5 in cui è stata stabilita la trasmissione da uomo a uomo. Questo è quello raggiunto da Sars-Cov-2, dopo essere probabilmente rimasto inattivo per anni in un animale serbatoio - ora sappiamo che il virus molto probabilmente ha origine dal pipistrello in cui si trovava e si sarebbe differenziato da altre linee da 40 a 70 anni fa.

“Gli agenti patogeni che hanno superato la fase 3 sono di maggiore preoccupazione perché sono sufficientemente adattati per causare lunghe catene di trasmissione tra gli esseri umani, la loro diffusione geografica nell'ambiente non è limitata dalla gamma di habitat. "Una riserva per animali", dice Emmanuel Drouet.

Ma perché la minaccia dovrebbe essere maggiore oggi? Come ci ricorda l'Ipbes, la vicinanza agli animali aumenta notevolmente il rischio di una pandemia. "L'agricoltura intensiva, in particolare, è una vera bomba a orologeria", avverte il ricercatore Emmanuel Drouet. Migliaia di animali con grande omogeneità genetica, ammassati insieme in un unico luogo, queste sono le condizioni ideali perché il virus si sviluppi e realizzi le mutazioni necessarie per adattarsi all'uomo”. Possiamo anche vedere come possono causare le zoonosi con danni alle aziende agricole. Nel 2019 la peste suina ha decimato un quarto dei suini del pianeta, devastando gli animali in pochi giorni. Se il virus riuscisse a oltrepassare la barriera delle specie, sarebbe un disastro.
Uno scenario non così folle: nell'ottobre 2020, i ricercatori hanno scoperto che SADS-CoV (Swine Acute Diarrhea Syndrome Coronavirus) era in grado di infettare e replicarsi nelle cellule umane.

Anticipare il rischio, missione impossibile?
L'IPBES menziona anche nel suo rapporto il disturbo degli ecosistemi e il riscaldamento globale, ma il legame di causa ed effetto qui è più vago. Indipendentemente da ciò, gli scienziati chiedono cambiamenti radicali nella prevenzione delle epidemie. "Rispondere alle malattie esclusivamente dopo la loro comparsa, attraverso misure di salute pubblica e soluzioni tecnologiche, è un percorso lento e incerto, segnato dalla sofferenza umana e che costa decine di miliardi di dollari ogni anno", scrivono.
Gli esperti sostengono in particolare la creazione di un consiglio incaricato di prevedere le aree ad alto rischio e di evidenziare le lacune della ricerca, o anche "una riduzione delle forme di consumo, espansione agricola globalizzata e commercio per, ad esempio, attraverso tasse o prelievi sul consumo di carne, la produzione di bestiame e altre attività ad alto rischio di pandemia”.
Sarà sufficiente per prevenire una prossima pandemia globale? Non ne sono affatto sicuro. In considerazione del numero di virus potenzialmente patogeni per l'uomo, stabilire un piano di prevenzione per ciascuno di essi è una fantasia. Quanto alla fine dell'allevamento intensivo, non è per domani. "I virus avranno sempre un vantaggio", conclude Emmanuel Drouet, abbastanza fatalista.

(articolo di Céline Deluzarche su Futura-Santé del 13/01/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori