testata ADUC
Vita da Cani. Autunno: 5 pericoli per i nostri amici
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
6 ottobre 2019 17:08
 
  Pioggia, vento, foglie che cadono. I "bei giorni" sono dietro di noi. L'autunno si è stabilizzato. La natura si sta preparando per una meritata pausa invernale. E per noi, è tempo di ricordare tutti i piccoli pericoli che inseguono i nostri cani e gatti in questa stagione.

Zecche e altri parassiti
L'autunno - come la primavera - è quando le temperature sono ancora miti, la stagione delle zecche, gli acari parassiti che si nutrono del sangue del tuo cane o gatto. Anche il tuo. Possono trasmettere malattie gravi come quella di Lyme. Quindi, se ti piace portare il tuo animale domestico per le passeggiate nel bosco, abbi cura di te.
Ricorda di proteggere i tuoi animali domestici con pipette, collane o medagliette anti-zecche. Tanto più che combatteranno anche contro le pulci, che apprezzano in particolare l’autunno.

Funghi, pigne ...
Per cani e gatti un po' troppo curiosi, i funghi sono, soprattutto in autunno, un vero pericolo. Possono davvero cercare di annusarli, o addirittura assaggiarli. E così possono sentirsi male. Soprattutto perché i funghi commestibili per noi, esseri umani, non losono necessariamente per i nostri animali.
Alcuni cani non possono fare a meno di giocare con le pigne che trovano sul terreno. Ma attenzione, perché le loro squame possono essere molto indigeribili e talvolta possono essere causa di ostruzione intestinale.
Idem per le castagne la cui forma può attirare il tuo compagno a quattro zampe. Il rischio di ingestione è alto. Questi frutti contengono sostanze tossiche per loro.
Lo stesso per gusci di noci ammuffite che possono stare ai piedi di un albero. Queste muffe, in un cane che dovesse ingerirle, possono causare disturbi digestivi, anche neurologici.

Palle di pelo
Per i gatti in particolare, l'autunno è la stagione delle palle di pelo. È davvero in questo momento che perdono il loro cappotto estivo e, con la cura, inghiottono i peli in quantità. Raggruppati sotto forma di palline, questi peli causano vomito.
Quindi, per proteggere il tuo gatto, ricordati di spazzolarlo regolarmente. E sappi che ci sono integratori alimentari che aiutano nella rimozione dei peli e proteggono il rivestimento intestinale e lo stomaco.

Tigna
La tigna è un'infezione fungina che di solito si presenta in estate. Ma è in autunno che i sintomi in genere si manifestano: perdita di peli su aree rotonde. Non esiste un trattamento preventivo, quindi fai attenzione e cura i tuoi animali non appena compaiono i primi segni. Soprattutto perché ci sono trattamenti curativi molto efficaci.

Osteoartrite
Con la diminuzione delle temperature e l'aumento dell'umidità nell'aria, l'artrosi si sveglia. A casa come con i nostri compagni pelosi. Soprattutto negli animali più anziani. La malattia colpisce un cane su cinque. E si manifesta anche con un forte dolore. Si possono curare dal veterinario, quindi non esitate a consultarlo. Inoltre, non dare mai al tuo animale alcun medicinale antinfiammatorio. Neanche il paracetamolo, perché questa molecola può essere all'origine - soprattutto nel gatto - di disturbi digestivi, sanguigni, respiratori, epatici e persino neurologici.

(articolo di Nathalie Mayer, pubblicato su Futura-Planète del 06/10/2019)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori