testata ADUC
Vita da cani, Come proteggere il proprio gatto dal freddo
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
4 dicembre 2019 11:42
 
 Con l'avvicinarsi dell'inverno, nel mondo dei gatti, alcuni sono naturalmente in svantaggio. Gatti molto giovani il cui mantello non è ancora sufficientemente fornito e il cui meccanismo di termoregolazione non ha ancora raggiunto la maturità. I gatti più anziani i cui peli hanno gradualmente perso la loro efficacia nella lotta contro il freddo, sono indeboliti, i gatti troppo magri o troppo grandi e il cui metabolismo è indebolito. Non dobbiamo fidarci delle apparenze di alcuni grandi felini che si pensa siano molto protetti, come il Maine Coon, ma la cui pelliccia è priva di densità. E le razze di gatti nudi, come la sfinge!

Gatti all'aperto, gatti all’interno
Quando le temperature esterne iniziano a scendere, la pelliccia dei gatti si trasforma. Diventa più densa per proteggerli meglio dal freddo. Purché, ovviamente, il gatto in questione sia abituato a vivere all'aperto. La muta dei gatti indoor è davvero molto meno spettacolare, le temperature rimangono sostanzialmente costanti. Così, improvvisamente messo fuori, nel mezzo dell'inverno, un gatto che vive in un appartamento è una cattiva idea. La sua pelliccia non sarà preparata al freddo. E se questo gatto è avventuroso, potrebbe provare simpatia per questa vita improvvisa e nuova, senza rendersi conto del rischio che incorre a rimanere al freddo.
Detto questo, anche se il tuo gatto è abituato all'aria aperta, è necessario, in inverno anche più che durante il resto dell'anno, lasciarlo libero di fruire del calore della tua casa. Quando fuori fa freddo, potrebbe essere necessario riscaldarsi in qualsiasi momento. Sono disponibili diverse soluzioni molto classiche: lasciare una finestra protetta semi-aperta, o attraverso il vetro osservare se torna.
Si ritiene anche che un gatto con accesso all'esterno spenda più energia con il freddo dell'inverno. È quindi consigliabile assicurarsi che abbia sempre a disposizione crocchette. La sua razione giornaliera può effettivamente aumentare del dieci per cento. Puoi anche offrirgli energia leggermente più alta e cibi ricchi di grassi.

Proteggilo dalle conseguenze del freddo interno
Quando il tuo gatto torna da una delle sue avventure all'esterno, prenditi cura dei suoi cuscinetti. Soprattutto se è stato sulla neve per molto tempo o è stato su un terreno privo di sale. Risciacqua le zampe con acqua tiepida e asciugale bene. Non esitate a investire in un balsamo protettivo o riparatore, può alleviare i cuscinetti del gatto che potrebbero essere danneggiati dal freddo.
Inoltre, tieni presente che il calore generato dal tuo impianto di riscaldamento tende a rendere più asciutta l'aria interna. Per evitare che il tuo gatto si disidrati in inverno, lasciagli sempre una scodella d'acqua.
Infine, se il tuo gatto soffre di reumatismi o osteoartrosi, il suo dolore potrebbe essere risvegliato dal freddo. Evitare di farlo stare tra correnti d'aria e favorire luoghi tranquilli e caldi per il riposo.

(articolo di Nathalie Mayer pubblicato su Futura-Plnète del 04/12/2019)
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori