testata ADUC
Vita da cani. Rischio infezioni coronavirus: +78% per i proprietari?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
19 novembre 2020 15:48
 
I cani favoriscono i legami sociali, l'attività fisica e migliorano il benessere del loro padrone. Tranne che vivere con un cane aumenterebbe anche il rischio di essere contaminati dal coronavirus Covid-19 del 78%, secondo uno studio spagnolo pubblicato sulla rivista Environmental Research.
I ricercatori hanno intervistato 2.086 persone sulle loro attività durante il lockdown in Spagna tra marzo e maggio 2020 e hanno individuato tra loro quelle che presentano un rischio maggiore.

Il risultato: possedere e portare a spasso il proprio cane aumenta il rischio di contrarre il virus del 78%, andare in ufficio anziché telelavoro aumenta il rischio del 76% e vivere con una persona infetta del 60%.
L'attività più pericolosa è farsi consegnare la spesa a casa (+94%), che è ancora più rischioso che fare la spesa nei negozi. "Non abbiamo abbastanza informazioni disponibili per dire se i cani stessi sono portatori del virus, o se i proprietari sono infettati da oggetti contaminati, che è più probabile che maneggino", dice Cristina Sánchez González, coautore dello studio. I proprietari di cani possono essere meno attenti alle misure igieniche o sono più esposti al contatto sociale quando portano a spasso il loro cane. È anche possibile che il virus possa diffondersi nelle feci dei cani, suggerisce la ricercatrice.
Diversi studi hanno dimostrato che i cani possono risultare positivi al coronavirus, ma senza sviluppare sintomi particolari. Anche i casi di trasmissione dal visone all'uomo tramite un nuovo ceppo mutato hanno alimentato le preoccupazioni di recente. Ma uno studio dell'Institut Pasteur e della National Veterinary School of Alfort stima al contrario che gli animali domestici non sono facilmente infettati dal coronavirus, anche quando vivono a stretto contatto con un essere umano che ne è stato colpito.

(articolo di Céline Deluzarche su Futura-Santé del 18/11/2020)

Qui alcuni nostri articoli sulle problematiche animali domestici e coronavirus:
- Coronavirus e cani. Buono a sapersi, ma non ci cambia nulla per prevenzione e provvedimenti
- Vita da cani. Bufale e verità al tempo del coronavirus. Enpa
- Vita da cani. Meglio isolare cani e gatti dai proprietari infetti
- Vita da cani. Cani e bovini: possibili scudi protettivi da Covid-19
- Vita da cani. Linee guida per la gestione di animali da compagnia sospetti di infezione dal SARSCoV2
- Coronavirus e animali domestici. Saranno risparmiati?
- Lotta alla pandemia coronavirus. Cani per individuare gli infetti
- I gatti possono essere infettati dal coronavirus
- Cani da fiuto per individuare i malati da covid-19
- Vita da cani. Qual è l’effetto dell’aumento dei casi estivi di covid-19 sui cani e i gatti?
- Vita da cani. Come comportarsi con i cani delle persone in quarantena da Covid19
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori