testata ADUC
4YOU-MYWAY. PARTITO IL PROCESSO "PILOTA", MA SI DEVE CONFRONTARE COI TEMPI ITALIANI DI UNA GIUSTIZIA QUASI IMMOBILE
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
12 dicembre 2003 0:00
 

Firenze, 12 Dicembre 2003. Si e' tenuta oggi la prima udienza della causa pilota che l'Aduc, attraverso un risparmiatore che aveva contratto il prodotto finanziario "4You", ha mosso contro la banca Monte dei Paschi di Siena. Nella fattispecie si tratta di un risparmiatore che aveva acquistato questo prodotto dalla Banca121 di Firenze nel 2001. Questo istituto e' stato poi assorbito dal Mps ed e' appunto contro questa che l'avv.Anna Maria Fasulo, coordinatrice dello studio legale dell'Aduc, ha presentato atto di citazione al Tribunale di Firenze, dove oggi gli avvocati di controparte si sono costituiti e il giudice dr.sa Guttadauro ha rinviato il tutto al prossimo 22 settembre 2004.
Si' avete letto bene: 22 SETTEMBRE 2004.
La citazione era stata presentata lo scorso mese di luglio, dopo che, in sede penale, l'associazione aveva gia' presentato una denuncia/esposto alla Procura della Repubblica e dopo aver chiesto piu' volte, direttamente e pubblicamente, l'intervento della Banca d'Italia e della Consob. Ma, a parte qualche dichiarazione estemporanea del presidente Bankitalia Antonio Fazio ("il 4You ha violato l'etica ."), e generiche richieste di interessamento alle banche da parte del presidente Consob Lamberto Cardia, l'unico risultato era stato l'istituzione di una commissione di conciliazione tra Mps e alcune associazioni di consumatori, basandosi sulla bonta' finanziaria del prodotto e che, se qualcosa di storto ci fosse stato, era esclusivamente dovuto a qualche funzionario o impiegato di banca che non era stato molto chiaro su cosa stesse vendendo. Secondo noi e' invece il prodotto in se' ad essere viziato, concepito e venduto in conflitto di interessi con il solo scopo di far guadagnare la banca, omettendo nel contratto anche indicazioni di legge e violando in piu' parti il Testo Unico della Finanza. Su queste basi abbiamo proceduto all'avvio delle cause con questa "pilota" di stamane, dopo che circa 7 mila risparmiatori a noi collegati in tutta Italia hanno messo in mora gli istituti bancari da cui hanno acquistato questi prodotti.
Comunque, siccome siamo adusi ad avere a che fare con la giustizia italiana, e i conti li avevamo fatti in considerazione che l'oste fosse quello che era, non ci stupiamo piu' di tanto di questo 22 SETTEMBRE 2004, ma ci teniamo a sottolinearlo per ricordare a chiunque -attore o non attore nello specifico- che e' quello con cui dobbiamo e possiamo avere a che fare. Non solo, ma se qualcuno -comprensibilmente- dovesse scoraggiarsi a seguire lo stesso percorso giudiziario, e' bene che si ricordi che la nostra controparte basa la sua presunta certezza di diritto in materia anche ed essenzialmente fidando sui tempi del sistema giudiziario italiano.
Dobbiamo per questo dargliela vinta? Noi crediamo di no, e tenacemente continuiamo e rilanciamo.
Sul sito clicca qui tutte le informazioni e le storie che l'Aduc ha raccolto per documentare questa vicenda e offrire assistenza legale a chi ne e' rimasto coinvolto.
Vincenzo Donvito, presidente Aduc
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori