testata ADUC
Calderoli e i risparmi. Il fumo e l'arrosto. Diminuire lo stipendio ai parlamentari? Iniziamo a diminuire il numero dei ministri! 11 ministeri inutili su 23
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastranotni
15 maggio 2010 11:04
 
 Diminuire lo stipendio ai parlamentari? Cominciamo a diminuire il numero dei ministri, che e' piu' semplice perche' basta un semplice atto governativo.
Vediamo.
C'e' il ministero della Semplificazione Normativa (Roberto Calderoli) che potrebbe essere accorpato con quello della Pubblica Amministrazione e Innovazione (Renato Brunetta); la Semplificazione Normativa, inoltre, ha un omologo sottosegretariato alla Presidenza del Consiglio (Francesco Belsito), un doppione, insomma; stessa considerazione per il ministero Riforme per il Federalismo (Umberto Bossi), perche' c'e gia' un sottosegretariato alla Presidenza del Consiglio (Aldo Brancher) che si occupa del problema; il ministero per l'Attuazione del Programma di Governo (Gianfranco Rotondi) potrebbe trasformarsi direttamente in struttura della Presidenza del Consiglio; medesimo discorso vale per il ministero per i Rapporti con le Regioni (Raffaele Fitto), per quello dei rapporti con il Parlamento (Elio Vito). Il ministero delle Politiche Europee (Andrea Ronchi) potrebbe confluire nel ministero degli Affari Esteri (Franco Frattini), quello per le Pari Opportunita' (Mara Carfagna) in quello del Lavoro e Politiche Sociali (Maurizio Sacconi). Non si capisce la necessita' di un ministero della Gioventu'. Nel 2009 e' stato re-istituito il ministero del Turismo (Michela Vittoria Brambilla). Abolito con un referendum e' risorto come non si sa per quali meriti: il Turismo potrebbe essere tranquillamente accorpato con il ministero allo Sviluppo Economico. Di 10 ministeri "senza portafoglio", insomma, se ne potrebbe salvare uno solo, quello della Pubblica Amministrazione e Innovazione. Sempre nel 2009 e' stato re-istituito il ministero alla Salute (Ferruccio Fazio), che poteva rimanere in quello del Lavoro e Politiche Sociali; anche in questo caso non se ne ravvedeva la necessita' visto che le competenze in materia di salute sono state sostanzialmente trasferite alle Regioni. L'Ambiente (Stefania Prestigiacomo) potrebbe confluire in quello dei Beni e Attivita' Culturali (Sandro Bondi). In conclusione, al ministro Calderoli vorremmo dire che di fumo agli occhi il contribuente non ne ha bisogno. Quando si parla di diminuire le spese sarebbe opportuno iniziare da quelle governative che sono numerose, inutili e dispendiose e a carico del cittadino contribuente.
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori