testata ADUC
Canone Rai. Combattiamolo a partire da noi stessi
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Redazione
23 febbraio 2021 10:59
 
  Speso “ci costringiamo” a pagare il canone Rai (imposta su possesso di un tv) anche quando non ci serve il tv: lo usiamo poco o vediamo altri canali, o addirittura non abbiamo l’apparecchio. Il canone è incluso nella bolletta della luce e... o non sappiamo come levarlo o ci fa fatica farlo.

Aduc ha consigliato a Governo e Parlamento, impegnati nella riforma fiscale, di valutare la cancellazione del canone come iniezione di fiducia e prospettiva per contribuenti e mercato.
Ma prima che questo “prezioso” consiglio venga considerato….

Siamo disposti a continuare a regalare alla Rai 90 euro l’anno?
Se la risposta è sì!… ognuno si paga la propria pigrizia e ingiustizia.
Se la risposta è no! … si può fare. Anche senza dover rinunciare a guardare Rai e altre emittenti: tutti abbiamo Internet a casa e tutto si può vedere in streaming (per il quale non c’è obbligo di pagare canone), e i nostri piccoli schermi di telefonino, tablet e pc sono collegabili anche a grandi schermi/monitor non legati all’antenna tv.

Ovviamente, il Fisco non-amico che abbiamo ha ben pensato come scoraggiarci. Occorre fare un’autodichiarazione, da inviare ogni anno tramite raccomandata A/R all’Agenzia delle Entrate.
Metodo incivile e arrogante, lo sappiamo. Ma al momento c’è solo questo. Una decina di euro e un po’ di fastidio a fronte dei novanta del canone e il pagamento di un servizio che spesso non ci serve e che, comunque, possiamo fruire altrimenti e gratis.

Qui il modulo per l’esenzione

Qui il canale web di Aduc sul canone
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori