testata ADUC
CASO "4YOU": DOPO L'INCONTRO TECNICO CON BANCA MPS, LA TRATTATIVA CONTINUA
Scarica e stampa il PDF
Comunicato 
18 aprile 2003 0:00
 

Firenze 18 aprile 2003. Nel confronto sulla presunta validita' del prodotto "4You", la posizione della banca si e' incentrata su due questioni di natura tecnica (coerentemente con l'impostazione prettamente tecnica che avevamo concordato per l'incontro):
· lo spread tra il tasso di finanziamento ed il rendimento dello zero coupon
· il possibile rendimento della componente azionaria confrontato con il rendimento di un ipotetico PAC

Nessuno di questi due punti centrali ha retto la prova dei numeri. Le argomentazioni, piuttosto tecniche, le abbiamo esposte sul nostro sito http://investire.aduc.it un breve articolo all'indirizzo: clicca qui

Questo confronto tecnico ha rafforzato la nostra convinzione che il prodotto tecnicamente non e' valido. La base della discussione e' stato il nostro foglio elettronico che abbiamo pubblicato sul sito. Lo schema del nostro ragionamento e' stato considerato valido, ma hanno semplicemente mostrato che se l'obbligazione rendesse di piu' e se si verificasse un particolare andamento dei mercati, il prodotto potrebbe avrebbe un rendimento maggiore rispetto al PAC azionario (mentre il PAC bilanciato in base alle proporzioni dell'investimento iniziale del "4You" sarebbe comunque migliore). Non e' questo il punto.
Il prodotto e' tecnicamente non valido perche' comporta un inutile aggravio di costi e di rischi. Pubblicheremo volentieri una eventuale controreplica del dottor Fabio Zoccoletti, di MPS Finance che e' stato il nostro interlocutore tecnico nel confronto di ieri.

Nell'incontro, la Banca MPS si e' mostrata ancora una volta molto disponibile a valutare i singoli casi. Apprezziamo la disponibilita' della quale intendiamo avvalerci per risolvere il piu' celermente possibile i singoli casi dei risparmiatori che si sono rivolti a noi per trovare una soluzione.

Allo stesso tempo ribadiamo la necessita' che la banca trovi una soluzione generale che renda il prodotto meno penalizzante per la generalita' dei sottoscrittori. Se questo non avenisse, assisteremo i clienti del Monte dei Paschi che hanno sottoscritto il "4You" (e simili) e che non trovano un accordo equo con la banca, fino alle sedi legali.

E' necessario confermare il principio che, in base alle leggi (Tuf), non e' possibile proporre prodotti di investimento come il "4You", che' costituiscono un inutile aggravio di costi e di rischi.

Alessandro Pedone, consulente Aduc per gli investimenti finanziari
Pubblicato in:
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori